ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
16 min

Le donne contro la riforma Avs: in centinaia a Berna

La manifestazione indetta dalle donne socialiste e dalle co-presidenti della sezione femminile del partito. Annunciato sciopero per il 14 giugno 2023
Svizzera
1 ora

Ecco come hanno votato gli italiani in Svizzera

Il Partito democratico perde la leadership dei voti di lista, ma il risultato a livello di coalizione presenta alcune sorprese rispetto al voto in Italia
Svizzera
3 ore

I faggi precocemente ingialliti sono destinati a morire presto

Secondo uno studio del Wsl, gli alberi su terreni secchi che perdono presto le foglie non si riprendono negli anni successivi
Svizzera
16 ore

‘Altri modelli da discutere in vista della prossima riforma’

A colloquio con Jerôme Cosandey di Avenir Suisse sulle prospettive future del primo pilastro dopo il risicato sì popolare ad Avs 21
Svizzera
19 ore

Domenica di bocciature a livello cantonale

La bocciatura più sonora, col 71,5% dei no, va al credito che il Canton Lucerna voleva dare alla Guardia Pontificia in Vaticano
Svizzera
21 ore

Allevamento intensivo: il no è netto

La bocciatura dell’iniziativa va oltre le previsioni: il 62,86% dei votanti ha infatti detto no
Svizzera
21 ore

Imposta preventiva: respinta dal 52% dei voti

Malgrado il testa a testa, alla fine prevale il no
Svizzera
22 ore

Riforma AVS: le donne andranno in pensione a 65 anni

La modifica della legge federale sull’assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti approvata per un soffio: sì al 50,6%
Svizzera
23 ore

Ambasciatore ucraino a Berna, no asilo per disertori russi

Preoccupano i migliaia di russi in fuga dal loro Paese per evitare il reclutamento, si teme che tra loro vi siano spie di Putin
Svizzera
1 gior

Una votazione che ha lasciato col fiato sospeso

Le urne sono chiuse, è iniziato lo spoglio delle schede. I risultati in tempo reale
Svizzera
1 gior

C’è tempo fino a mezzogiorno per votare

Svizzeri alle urne su Avs, imposta preventiva e allevamento intensivo
Svizzera
1 gior

Gli F-35 si comprano e gli oppositori si vestono da lutto

La manifestazione oggi a Berna per denunciare “la farsa democratica” riguardo alla decisione del Consiglio federale di acquistare i jet da combattimento
Svizzera
2 gior

Se il vaccino è ‘da buttare’

Sono oltre 10milioni le dosi di Moderna che la Confederazione ha acquistato per contrastare il Covid e che mercoledì... sono scadute
Svizzera
2 gior

Axpo e quell’aiuto non ancora utilizzato

Il gruppo ha ottenuto dalla Confederazione il credito d’emergenza per far fronte all’impennata dei prezzi nel settore energetico
Svizzera
2 gior

L’alternativa è il pellet. Ma meglio fare scorta per tempo

SvizzeraEnergia vara la campagna ‘Zero spreco’: ecco qualche consiglio utile per evitare un inverno (giocoforza) freddo
Svizzera
2 gior

È allarme riscaldamento: ‘Fate il pieno del tank al più presto’

L’obiettivo? Contribuire al raggiungimento del risparmio volontario del 15% dei consumi di gas stabilito dal governo sull’esempio dell’Ue
Svizzera
2 gior

Luce verde all’export di munizioni in Qatar

Il Consiglio federale ha avallato la richiesta di esportazione di armamenti per il cannone di bordo del jet Eurofighter
Svizzera
3 gior

Crisi energetica, svizzeri ancora sordi agli inviti al risparmio

Malgrado le esortazioni a un uso più parsimonioso, il consumo di elettricità nel nostro Paese resta stabile
Svizzera
3 gior

Microplastiche nell’ambiente, bisogna fare di più

Il governo rinuncia a nuove misure, ma c’è un potenziale di miglioramento. Ogni anno in Svizzera sono circa 14’000 le tonnellate disperse
Svizzera
3 gior

Si schianta contro il guardrail sotto l’effetto dell’alcol

L’incidente, che ha avuto per protagonista un giovane, si è verificato poco prima di mezzanotte a Samedan
Svizzera
3 gior

Bilancia dei pagamenti, +11 miliardi nel secondo trimestre

Eccedenza di quasi 1 miliardo inferiore rispetto allo stesso periodo del 2021 per la Banca nazionale svizzera
Svizzera
3 gior

Alla sbarra per abuso della forza due agenti bernesi

La vicenda risale al giugno del 2021, quando alla stazione della capitale venne controllato, e poi fermato, un 28enne marocchino
Svizzera
3 gior

Caduta mortale per un ciclista 76enne a Dättlikon

L’incidente si è verificato ieri sera poco prima delle 19. A nulla sono serviti i tentativi di rianimarlo
Svizzera
3 gior

Niente pista di ghiaccio nel centro di Coira

Una decisione sofferta (considerando il pienone dell’anno scorso), ma necessaria visto il rischio di penuria energetica
Svizzera
3 gior

Automobilista trovato esanime in mezzo alla strada

Forse un malore la causa del decesso dell’uomo, rinvenuto privo di vita nel pomeriggio sulla strada tra Ginevra e Vésenaz
Svizzera
3 gior

Lavrov: ‘La Svizzera torni a essere neutrale’

È la richiesta formulata dal ministro degli esteri russo in occasione dell’incontro con Ignazio Cassis ieri a New York
Svizzera
3 gior

Metà degli svizzeri pronta a consumare meno energia

Le più propense ad abbassare il riscaldamento o a spegnere le luci sono le donne. La doccia al posto del bagno misura di risparmio più gettonata
Svizzera
4 gior

La Protezione civile ‘corteggia’ le donne

Dopo l’esercito, anche la Pc punta ad allargare i suoi ranghi: presentata una campagna informativa per servizio volontario femminile
Svizzera
4 gior

Tribunale penale federale di Bellinzona, risorse insufficienti

Il fabbisogno in seno alla Corte d’appello è stato sottostimato. È quanto emerge dall’indagine delle Commissioni della gestione del Parlamento
Svizzera
4 gior

I terroristi non verranno espulsi verso Paesi a rischio

Questo perché va contro la Costituzione e il diritto internazionale. Respinta quindi dal Consiglio nazionale la mozione di Fabio Regazzi
Svizzera
4 gior

La Confederazione faccia la sua parte nel rinvio degli stranieri

Sull’esempio del centro asilanti provvisorio di Rancate, la legge adottata permette di avere le basi legali per eventuali altri sostegni finanziari
Svizzera
4 gior

Ticino, ‘sì’ a sovranità alimentare e referendum finanziario

I due oggetti, votati e accettati nel 2021, sono conformi al diritto federale. A dirlo gli Stati settimana scorsa e ora anche il Consiglio nazionale
Svizzera
4 gior

Asini, muli e bardotti non vanno trattati come cavalli

Una mozione al Nazionale chiede di adeguare le norme sulla detenzione e l’alimentazione in base alle specifiche caratteristiche di questi equini
Svizzera
4 gior

Il rafforzamento delle rinnovabili all’esame degli Stati

La commissione preparatoria intende andare anche oltre il progetto governativo dando priorità all’approvvigionamento rispetto agli interessi ambientali
Svizzera
4 gior

Grigioni, un drenaggio per rallentare la frana di Brienz

Lo propone il governo retico. Il costo per la realizzazione di un cunicolo di drenaggio è stimato a 40 milioni di franchi
Svizzera
4 gior

La Banca nazionale svizzera dice ‘ciao’ agli interessi negativi

Per contrastare la crescente inflazione, l’istituto ha deciso di innalzare il tasso guida, portandolo dal -0,25% al +0,50%
Svizzera
4 gior

Cerchi uno psicologo? Vai da Migros

Il gigante della vendita a dettaglio intende diffondere gli studi della propria startup “salute mentale” Wepractice in tutta la Svizzera
Svizzera
4 gior

Cassis a muso duro contro Putin: ‘Basta provocazioni’

Il presidente della Confederazione presente a New York per l’Assemblea generale dell’Onu ha condannato la minaccia nucleare russa
Svizzera
4 gior

Cancro al seno: nuova frontiera per cellule meno dannose

Questo procedimento denominato differenziazione è già utilizzato con successo nel trattamento della leucemia ma non ancora nei tumori solidi
Svizzera
4 gior

Anche i sordi potranno seguire i dibattiti delle Camere

Sottotitoli e traduzione parziale nella lingua dei segni per rendere accessibili le dirette streaming: il Consiglio degli Stati è d’accordo
laR
 
17.08.2022 - 05:15

Donne in pensione a 65 anni, l’ennesimo tentativo

L’aumento dell’età di riferimento al centro della riforma ‘Avs 21’, in votazione il 25 settembre. Domande e risposte per capire cosa cambierebbe.

donne-in-pensione-a-65-anni-l-ennesimo-tentativo
Keystone
Sconfitto nel 2017, Alain Berset ce la farà stavolta?

1 Su cosa si vota?

Su due oggetti: 1) una modifica della legge sull’Avs che contempla in particolare l’aumento da 64 a 65 anni dell’età di pensionamento ordinaria (ribattezzata ‘età di riferimento’) delle donne; 2) un aumento dell’Iva volto a garantire un finanziamento supplementare del primo pilastro del sistema pensionistico. I due progetti sono collegati: la riforma dell’Avs (detta ‘Avs 21’) entrerà in vigore soltanto se entrambi verranno accettati. Si vota il 25 settembre.

2 Perché ancora una riforma dell’Avs?

Perché le prospettive finanziarie dell’Assicurazione vecchiaia e superstiti sono tutt’altro che rosee. Il primo pilastro non conosce una vera e propria riforma da 25 anni a questa parte: l’ultima, l’ambiziosa ‘Previdenza per la vecchiaia 2020’ (Pv 2020), è fallita alle urne nel 2017. Il contesto demografico è delicato, per giunta. La generazione del ‘baby boom’ (i nati fra il 1955 e il 1970) raggiunge progressivamente l’età della pensione. E la speranza di vita dei pensionati aumenta, il che significa che le rendite di vecchiaia vengono versate più a lungo. Tutto questo fa sì che le uscite dell’Avs (i soldi che servono per pagare le rendite) aumentino in misura maggiore rispetto alle entrate (prelievi sui salari, contributo della Confederazione, Iva). Tra qualche anno queste ultime non saranno verosimilmente più sufficienti per finanziare tutte le rendite. L’Ufficio federale delle assicurazioni sociali (Ufas) calcola che nel prossimo decennio il fabbisogno finanziario dell’Avs ammonterà a 18,5 miliardi di franchi.

3 Quali sono obiettivi e punti salienti della riforma?

La riforma mira a mantenere l’equilibrio delle finanze dell’Avs per i prossimi dieci anni, garantire il livello delle rendite Avs e rispondere a un’accresciuta esigenza di flessibilizzazione riguardo a tempi e modalità di riscossione della rendita. I suoi punti salienti:

  • Le donne sono chiamate a lavorare un anno in più: fino a 65 anni anziché a 64. L’età di riferimento viene aumentata in quattro tappe (tre mesi ogni anno, a partire dal 2025) e parificata a quella degli uomini, come peraltro già accade in parecchi altri Paesi europei. Se la riforma entra in vigore nel 2024, nel 2025 le donne nate nel 1961 andranno dunque in pensione a 64 anni e 3 mesi. Le donne nate nel 1964 saranno le prime (nel 2028) a dover lavorare fino a 65 anni.
  • Le donne prossime al pensionamento beneficiano di misure compensatorie.
  • La rendita può essere percepita in modo flessibile e parziale tra i 63 e i 70 anni.
  • L’Avs riceve un finanziamento supplementare mediante un aumento dell’Iva di 0,4 punti percentuali.

4 Perché si vota?

In Parlamento ‘Avs 21’ è stata plasmata da un’alleanza dei partiti borghesi. Consapevoli del rischio di referendum e delle difficoltà alle quali sarebbero andati incontro durante una campagna di votazione, Plr, Centro, Udc e Verdi liberali hanno cercato di tagliare quanta più erba possibile sotto i piedi a Ps, Verdi e sindacati. Per questa ragione hanno sostenuto delle misure di compensazione per le donne maggiormente penalizzate dall’aumento a 65 anni dell’età di riferimento. Non è stato sufficiente. Sinistra, sindacati e associazioni femminili hanno lanciato comunque il referendum. Per essere adottata, ‘Avs 21’ richiede la semplice maggioranza del popolo. La riforma però comprende un aumento dell’Iva, che sottostà a referendum obbligatorio: trattandosi di una modifica costituzionale, in questo caso serve la doppia maggioranza di popolo e cantoni.

5 Chi verrà compensato?

Le prime donne che andranno in pensione una volta la riforma in vigore. Per chi a quel momento si troverà alle soglie della pensione, il fatto di dover lavorare fino a 65 anni anziché a 64 può incidere sulla pianificazione del pensionamento. Il Parlamento ha deciso che in questa ‘generazione di transizione’ devono rientrare nove classi d’età (il Consiglio federale proponeva 15): se la riforma entra in vigore nel 2024, si tratta delle donne nate tra il 1961 e il 1969.

6 Quali sono le misure compensatorie?

Sono di due tipi. Le donne di queste classi d’età che scelgono di continuare a lavorare fino a 65 anni percepiranno, vita natural durante, un supplemento di rendita. Il ‘bonus’ – compreso tra 12,50 e 160 franchi al mese – dipenderà dal reddito (sarà maggiore per i redditi bassi) e dall’anno di nascita. Per le donne già in pensione (nate prima del 1961) non cambierà nulla; per quelle (nate dopo il 1969) che in pensione ci andranno solo attorno al 2035, se ne riparlerà in occasione della prossima riforma dell’Avs.

La seconda misura riguarda le donne nate tra il 1961 e il 1969 che scelgono di andare in pensione prima dei 65 anni: la loro rendita verrà ridotta meno fortemente rispetto a oggi, e questo fino a quando continueranno a percepirla. Anche in questo caso, la riduzione dipende dal reddito prima del pensionamento: più questo è basso, minore sarà la riduzione della rendita (le donne che guadagnano meno di 57’630 franchi all’anno potranno così andare in pensione a 64 anni senza rimetterci nulla). Queste donne potranno sempre riscuotere anticipatamente la rendita a partire dai 62 anni, mentre quelle nate dopo il 1969 potranno farlo soltanto a partire dai 63 anni (vedi sotto).

7 I ‘bonus’ incideranno sulle Pc?

No. In Parlamento anche una parte del campo borghese ha voluto evitare che per le donne con rendite Avs basse la riforma si trasformasse in un gioco a somma zero, ossia che quanto viene dato con una mano (il supplemento di rendita) venga poi tolto con l’altra (perdita o riduzione delle prestazioni complementari). Il ‘bonus’ dunque non verrà conteggiato come reddito nel calcolo delle Pc. Non sarà nemmeno soggetto al ‘tetto’ delle rendite per coniugi.

8 ‘Pensionamento graduale e flessibile’: cosa significa?

Il sistema attuale è rigido. Chi sceglie di andare in pensione prima dell’età Avs, può anticipare la riscossione dell’intera rendita soltanto di uno o due anni. Una riscossione parziale è esclusa. Inoltre, chi decide di continuare a lavorare oltre l’età Avs non migliora la propria rendita.

‘Avs21’ introduce una certa flessibilità. La rendita, intera o in parte, potrà essere riscossa dai 63 anni (donne della generazione di transizione: dai 62), a partire dal mese desiderato e fino ai 70 anni. Le relative aliquote – di riduzione in caso di riscossione anticipata, di aumento in caso di rinvio – verranno rese più favorevoli, in particolare per i redditi modesti. Anche lavorare dopo i 65 anni diventerà più attrattivo. I contributi versati oltre l’età Avs saranno considerati per il calcolo della rendita. Ciò permetterà, a determinate condizioni, di colmare eventuali lacune contributive o di rimpinguare la rendita.

9 Perché aumentare l’Iva?

Perché la riduzione delle uscite ottenuta innalzando l’età di pensionamento delle donne (9 miliardi nei prossimi 10 anni) non basta per stabilizzare la situazione finanziaria dell’Avs. Tanto più che un terzo circa di questi risparmi (2,8 miliardi) viene ‘inghiottito’ dalle misure compensatorie, e altri 1,3 miliardi vanno a finanziare la maggior flessibilità a livello di riscossione della rendita. Occorre dunque anche incrementare le entrate. Per questo si vuole ritoccare verso l’alto l’aliquota normale dell’Iva (dal 7,7 all’8,1%), l’aliquota ridotta applicata ad alimentari, farmaci, giornali, libri e altri beni (dal 2,5 al 2,6%), nonché quella speciale per il settore alberghiero (dal 3,7 al 3,8%). In soldoni: un acquisto di 100 franchi costerebbe 40 centesimi in più, per 100 franchi in generi alimentari si spenderebbero al massimo 10 centesimi in più. Nell’Avs in questo modo entrerebbero entro il 2032 12,4 miliardi di franchi supplementari, che andrebbero a sommarsi ai 4,9 miliardi di risparmi: il primo pilastro avrebbe così a disposizione un totale di 17,3 miliardi di franchi. A quel punto, stando all’Ufas, rimarrebbe un fabbisogno finanziario di circa 1,2 miliardi (sarà oggetto di un’ulteriore riforma).

10 Perché sinistra e sindacati combattono la riforma?

A loro parere, aumentare a 65 anni l’età di riferimento per le donne significa scaricare i risparmi della riforma sulle spalle dell’anello debole. Le donne – le cui rendite di vecchiaia oggi sono inferiori di un terzo in media a quelle degli uomini – perderebbero un anno di rendita Avs e dovrebbero versare contributi più a lungo: la fattura, per una donna che non rientra nella generazione di transizione, si aggirerebbe sui 26mila franchi in totale. All’orizzonte, inoltre, si staglia la pensione a 67 anni per tutti: un ‘sì’ ad ‘Avs 21’ spianerebbe la strada al "prossimo smantellamento". L’Avs, infine, ha basi solide: una riforma di tale portata non si giustifica nemmeno sotto il profilo finanziario. E poi l’aumento dell’Iva arriva al momento sbagliato, ossia proprio quando inflazione e premi di cassa malati stanno riducendo il potere d’acquisto della popolazione.

11 Quali sono gli argomenti dei favorevoli?

Per il Governo, la maggioranza del Parlamento e le organizzazioni economiche, l’allineamento dell’età pensionabile delle donne a quella degli uomini è giustificato. Questo perché le donne sono meglio formate rispetto al passato, la maggior parte di esse esercita un’attività lucrativa e vive più a lungo degli uomini. Una riforma si impone anche perché le prospettive finanziarie dell’Avs non sono promettenti. ‘Avs 21’ («un compromesso tra maggiori entrate e risparmi», la definisce il ministro della Sanità Alain Berset) permette inoltre di garantire le rendite attuali nei prossimi dieci anni. La riforma, infine, risponde a esigenze sempre più sentite nella popolazione: come lavorare oltre l’età Avs, o passare in maniera graduale dall’attività lavorativa alla pensione.

12 Cambierà qualcosa a livello di secondo pilastro?

No, se non per il fatto che le principali misure di ‘Avs 21’ (aumento a 65 anni dell’età di riferimento, pensionamento graduale e flessibile) si applicheranno per analogia anche alla previdenza professionale (o Lpp). La riforma in votazione però riguarda unicamente l’Avs e non quest’ultima. Così ha voluto il Consiglio federale dopo la bocciatura della ‘Previdenza per la vecchiaia 2020’, inedito e fallimentare tentativo di riformare allo stesso tempo primo e secondo pilastro. Una riforma specifica della Lpp è pendente in Parlamento. Le donne dei partiti borghesi schierate a favore di ‘Avs 21’ vorrebbero migliorare la copertura delle donne nel secondo pilastro (è qui che le loro rendite sono in media nettamente inferiori a quelle degli uomini). Avrebbero gradito una riforma da ‘spendere’ durante la campagna per il ‘sì’ in vista della votazione del 25 settembre. Ma non se n’è fatto nulla: in giugno il Consiglio degli Stati ha rinviato in commissione il progetto. Pomo della discordia: le misure compensatorie a favore delle donne della generazione di transizione.

13 Se vince il ‘sì’, per un po’ non sentiremo più parlare di riforme dell’Avs?

Nient’affatto. Perché se ‘Avs 21’ supera lo scoglio delle urne, il primo pilastro verrà ‘stabilizzato’ soltanto per pochi anni. L’Ufas a fine maggio ha corretto in senso meno pessimistico le sue stime. Ma non c’è granché da rallegrarsi, comunque. Senza riforma, l’Avs tornerebbe nelle cifre rosse nel 2029 (-1,6 miliardi di franchi); con, il deficit d’esercizio arriverebbe solo un paio d’anni dopo (2031: -984 milioni) e nel 2032 il risultato di ripartizione (entrate meno uscite) sarebbe già di -2,7 miliardi. In altre parole: a termine, indipendentemente da quanto accadrà il 25 settembre, un’ulteriore riforma per garantire solide basi finanziarie all’Avs oltre il 2030 è inevitabile. Il Parlamento ha già affidato al Consiglio federale l’incarico di aprire il cantiere entro il 2026. Inoltre, due iniziative popolari sono ora all’esame del Parlamento: una dei sindacati (13esima mensilità Avs), l’altra dei Giovani Plr (aumento progressivo dell’età di pensionamento per tutti a 66 anni, quindi ‘aggancio’ alla speranza di vita). I sindacati, infine, hanno lanciato un’altra iniziativa popolare per fare in modo che gli utili della Bns siano versati all’Avs.

14 Come andrà a finire?

La partita è aperta. Ma per i sostenitori di ‘Avs 21’ non sarà facile superare la forza d’ostruzione di sinistra e sindacati. L’ultima grande riforma dell’Avs risale a 25 anni fa. Allora l’età di pensionamento delle donne venne portata a tappe da 62 a 64 anni. Ma da lì in poi non c’è più stato niente da fare: ulteriori proposte per aumentare a 65 anni l’età di pensionamento delle donne sono naufragate alle urne (2004, 2017) o in Parlamento (2010). Si dice che la popolazione ora sia pronta ad accettare una parificazione dell’età di riferimento tra uomini e donne. Ma resta tutto da dimostrare. Un primo sondaggio realizzato a inizio agosto da Tamedia e ‘20 Minuten’ ha registrato un 53% di ‘sì’ e un 44% di ‘no’. Fra le donne, però, le favorevoli sono solo il 36%, mentre fra gli uomini la quota sale al 71%. E poi, diversamente da quanto avvenne con la ‘Pv 2020’, oggi il Ps e il ‘suo’ consigliere federale Alain Berset si trovano su fronti opposti. A Ps e Verdi potrebbe dare man forte l’elettorato Udc, tradizionalmente conservatore in materia di pensioni. Anche la congiuntura potrebbe fare un favore alla sinistra: l’incremento dell’Iva giunge in effetti in un momento delicato, con la popolazione preoccupata per i prezzi che aumentano e oramai rassegnata a subire l’ennesima stangata sui premi di cassa malati.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved