con-la-riforma-avs-21-le-lavoratrici-sono-penalizzate
Keystone
Il socialista Pierre-Yves Maillard spiega le sue ragioni
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
12 ore

In Svizzera moria di pesci di ‘proporzioni storiche’

La federazione dei pescatori teme che un numero ancora maggiore di specie autoctone possa scomparire per sempre
Svizzera
13 ore

Unia: ‘Divario salariale aumenta, occorre intervenire’

Il sindacato denuncia la stagnazione degli stipendi più bassi e l’aumento di quelli dei dirigenti
Svizzera
14 ore

Aumentano i posti vacanti fra le imprese svizzere

Sui siti internet delle 50 imprese più grandi si contano 12’400 annunci: il 34% in più rispetto a un mese fa
Svizzera
16 ore

Peste suina: Turgovia addestra cani per individuarla

La malattia è mortale per cinghiali e maiali, non per l’uomo. C’è un rischio elevato che arrivi presto in Svizzera, ritiene l’Ufficio federale competente
Svizzera
16 ore

Poca acqua nel Reno, il costo della benzina resta alto

Le navi possono trasportare un quarto delle merci rispetto a un anno fa. I costi di trasporto sono dunque fortemente aumentati.
Svizzera
16 ore

La carenza di maestri è arrivata anche nei Grigioni

La parte italofona è riuscita a trovare delle soluzioni grazie a insegnanti provenienti da Ticino e Italia
Svizzera
1 gior

Statuto S: per gli aiuti si terrà conto di salario e patrimonio

Le raccomandazioni sono state adeguate dalla Conferenza dei direttori cantonali delle opere sociali
Svizzera
1 gior

Furti con scasso a Silvaplana e Müstair

La Polizia cantonale grigionese chiede alla popolazione di segnalare eventuali persone sospette
Svizzera
1 gior

Genitori multati per aver fatto saltare la scuola alla figlia

È successo nel Canton Zurigo. La famiglia ha fatto iniziare le vacanze estive della bambina tre settimane in anticipo
Svizzera
1 gior

Impianti di risalita: la stagione estiva si conferma molto buona

In Ticino, però, si registra una diminuzione dell’affluenza rispetto all’anno scorso
01.07.2022 - 10:00
Aggiornamento: 20:57
Ats, a cura di Moreno Invernizzi

‘Con la riforma Avs 21 le lavoratrici sono penalizzate’

In vista delle votazioni del 25 settembre, scende in campo i contrari, con in prima fila sindacati e Partito socialista

La riforma dell’Avs, in votazione il prossimo 25 di settembre, andrà a svantaggio delle donne che non solo saranno penalizzate sulle rendite, ma dovranno lavorare un anno in più. Per questo, sindacati e Partito socialista invitano gli elettori a respingere un testo giudicato poco equilibrato.

Per i contrari alla riforma, che oggi hanno lanciato la campagna in vista del voto, vi è un altro aspetto che gioca a sfavore della riforma, ossia il previsto aumento dell’IVA volto a finanziare le rendite. Alla luce dell’incremento attuale dell’inflazione, l’aumento prospettato avrà un impatto negativo sul potere d’acquisto della popolazione.

Secondo il Consiglio federale, invece, l’Avs è confrontata con difficoltà finanziarie e deve essere riformata. La riforma consentirebbe di stabilizzare le finanze del primo pilastro per circa un decennio e di garantire l’attuale livello delle rendite, di cui attualmente godono 2,6 milioni di pensionati.

La misura principale della riforma Avs 21 è l’introduzione della stessa età di pensionamento per uomini e donne, ovvero 65 anni. Le persone che cominceranno a ricevere la loro rendita Avs a 65 anni la percepiranno senza riduzioni né supplementi, salvo per la cosiddetta generazione di transizione. Tale misura è accompagnata da una compensazione in favore delle donne nate tra il 1961 e il 1969: un supplemento di rendita e migliori condizioni in caso di prepensionamento.

Il supplemento mensile sarà di 160 franchi per le donne con un reddito annuo determinante fino a 57’360 franchi, 100 franchi fino a 71’700 e 50 franchi a partire da 71’701. Per quanto riguarda il pensionamento anticipato, le donne potranno accedervi al massimo tre anni prima dell’età di riferimento, ovvero a 62 anni se la riforma entra in vigore nel 2023. Le rendite anticipate delle donne della generazione transitoria saranno meno fortemente ridotte rispetto a quelle attuali.

La riforma crea inoltre incentivi a proseguire l’attività lucrativa dopo i 65 anni: chi continuerà a lavorare e a versare contributi dopo il raggiungimento dell’età di pensionamento potrà migliorare la propria rendita AVS.

Complessivamente, stando ai calcoli dell’amministrazione federale, Avs 21 consentirà di risparmiare circa 4,9 miliardi di franchi entro il 2032. Altre misure sono quindi necessarie. Il tasso di Iva sarà nel contempo aumentato di 0,4 punti percentuali (dal 7,7% all’8,1%). Tale misura dovrebbe fruttare 12,4 miliardi all’Avs. Considerando anche i risparmi, fino al 2032 le finanze dell’Avs saranno sgravate di circa 17,3 miliardi di franchi.

Per il Governo e la maggioranza del Parlamento l’allineamento dell’età pensionabile delle donne a quella degli uomini è giustificato. Le donne sono meglio formate rispetto al passato, la maggior parte di esse esercita un’attività lucrativa e vive più a lungo degli uomini. Circa un terzo dei risparmi realizzati grazie alla riforma verranno così ridistribuiti alle donne.

Di tutt’altro avviso la sinistra e i sindacati, che hanno lanciato un referendum contro la riforma. Secondo il comitato referendario, le rendite delle donne diminuiranno di circa 1’200 franchi annui, senza contare il fatto che esse ne ricevono già un terzo in meno degli uomini. A suo avviso, la riforma AVS 21 è il primo di una serie di progetti di smantellamento che riguardano tutta la popolazione.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
riforma avs 21 votazioni federali
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved