ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
47 min

‘La Svizzera incoraggi assunzione e formazione di ucraini’

Lo auspica il presidente dell’Associazione Svizzera-Ucraina Andrei Lushnycky, secondo cui entrambi i Paesi ne trarrebbero vantaggi
Svizzera
2 ore

Aumenta la percentuale di donne? Gli uomini cambiano strada

Più che le competenze e gli interessi, nell’ambito lavorativo sono le proporzioni a creare mestieri tipicamente maschili e femminili
Svizzera
16 ore

Addio carta: il Canton Berna si dà al digitale

Dal primo marzo le autorità comunicheranno, salvo rare eccezioni, unicamente attraverso i mezzi elettronici
Svizzera
20 ore

Ringier istituisce gruppo di lavoro su missione giornalistica

Alla ‘task force’ il compito di sviluppare una dichiarazione che i caporedattori saranno chiamati a dover rispettare
Svizzera
20 ore

Marco Chiesa sollecita la congiunzione delle liste con il Plr

Per il presidente dll’Udc è l’unico modo per evitare l’avanzata della sinistra. Che non risparmia di critiche
Svizzera
22 ore

I Verdi puntano a diventare la terza forza politica del Paese

Dall’assemblea di Ginevra, il presidente Balthasar Glättli non lesina critiche all’indirizzo dell’Udc e della sua posizione in materia energetica
Svizzera
23 ore

Sale la tensione con la Cina? Le Pmi svizzere delocalizzano

A causa della delicata situazione, le aziende battenti bandiera rossocrociata si orientano su piazze produttive in Vietnam, Thailandia e India
Svizzera
1 gior

L’Udc pronta a dar battaglia a ‘cultura woke’ e immigrazione

Adunata dei delegati a Bülach per lanciare l’anno elettorale 2023. Piatto forte dell’assemblea discussioni sul genere e approvvigionamento energetico
giustizia
14.07.2022 - 17:43
Aggiornamento: 20:02

Caso Crypto: procedimento contro due collaboratori del Dfae

Tra le persone perquisite ci sarebbe stato anche Peter Lauener, ex capo della comunicazione di Alain Berset

Ats, a cura di Red.Svizzera
caso-crypto-procedimento-contro-due-collaboratori-del-dfae
Keystone
Peter Lauener con Alain Berset

Il procuratore straordinario Peter Marti, incaricato di indagare sulla fuga di notizie relativa alla vicenda Crypto, ha avviato un procedimento per violazione del segreto d’ufficio contro due collaboratori del Dipartimento federale degli affari esteri (Dfae). Il dipartimento di Ignazio Cassis ha confermato la notizia ai giornali del gruppo Tamedia.

Il Dfae non ha fornito i nomi degli interessati per motivi di protezione della personalità. Secondo Tamedia, tra le persone coinvolte figura il segretario generale del Dfae ed ex capo dei servizi segreti, Markus Seiler. Peter Düggeli, responsabile della comunicazione, ha informato per iscritto l’agenzia di stampa Keystone-Ats che entrambi i dipendenti del dipartimento collaborano pienamente con le autorità giudiziarie e respingono le accuse di violazione del segreto d’ufficio.

Le indiscrezioni

Alcuni media svizzero tedeschi avevano scritto in precedenza di perquisizioni eseguite presso due dipendenti della Confederazione, uno impiegato al Dfae e l’altro presso il Dipartimento federale dell’interno (Dfi). Secondo indiscrezioni raccolte dal SonntagsBlick l’ex capo della comunicazione del consigliere federale Alain Berset (Dfi), Peter Lauener, dimessosi a giugno, è stato trattenuto in detenzione preventiva per diversi giorni a Zurigo. Né il Dfi né lo stesso Lauener hanno voluto commentare il domenicale svizzero tedesco.

Il procuratore straordinario Peter Marti è stato nominato all’inizio dell’anno per indagare sulle fughe di notizie, in seguito a una denuncia penale presentata nel novembre del 2020 dalle Commissioni di gestione del Consiglio nazionale e del Consiglio degli Stati.

Prime rivelazioni nel 2020

La prime rivelazioni della stampa sullo scandalo Crypto risalgono al febbraio del 2020 e si basano su documenti dei servizi di spionaggio statunitensi (Cia) e tedeschi (Bnd). Le due intelligence per decenni hanno intercettato migliaia di documenti di un centinaio di Stati utilizzando i dispositivi di crittografia dell’azienda zughese truccati segretamente. Un’inchiesta parlamentare ha mostrato che l’intelligence elvetica sapeva fin dal 1993 che dietro Crypto c’erano servizi segreti stranieri e ha collaborato con loro per raccogliere informazioni dall’estero. I responsabili del Dipartimento della Difesa che si sono succeduti da allora non sono però stati informati.

Il Servizio delle attività informative della Confederazione (Sic) – gli 007 elvetici – ha riferito per la prima volta il 19 agosto 2019 alla ministra della difesa Viola Amherd delle voci che circolavano su Crypto. Jean-Philippe Gaudin, il direttore del Sic ha rassegnato le dimissioni ad agosto del 2021, dopo essere stato criticato in un rapporto della Delegazione delle Commissioni della gestione (DelCg) sulla gestione del caso Crypto per aver tardato a informare il Consiglio federale.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved