chiesti-14-mesi-e-l-espulsione-per-il-predicatore-libico
Abu Ramadan prima di entrare in aula (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
2 min

Ventisettenne annega nel lago di Zurigo

È accaduto attorno alle 13.30, mentre nella città iniziava la Streetparade: ancora da chiarire se il fatto sia collegato all’evento
Svizzera
1 ora

HotellerieSuisse, competitività intatta malgrado il franco forte

Lo sosteniene il presidente Andreas Züllig, secondo cui la competitività della Svizzera ‘è cresciuta globalmente’
Svizzera
2 ore

Un morto e tre feriti in un incidente sulla A9

A seguito del sinistro, avvenuto ieri attorno alle 17.30 nel tunnel di Chauderon, l’autostrada è rimasta chiusa per una decina di ore
Svizzera
3 ore

Riflessione e tolleranza. È l’inno della 29esima Streetparade

Iniziato nel pomeriggio sulle rive della Limmat il mega raduno a ritmo di musica elettronica dalle ‘love mobile’
Svizzera
5 ore

Derubato di telefono e portafoglio da ignoti

Aggressione a scopo di furto ieri sera a nel canton Basilea. La polizia è alla ricerca di quattro uomini calvi
Svizzera
5 ore

Smart contro un camion: una 22enne ferita in modo grave

L’incidente stradale si è verificato ieri pomeriggio a Hunzenschwil (Ag). I due veicoli si sono scontrati frontalmente
Svizzera
7 ore

Crisi energetica: la legna per riscaldarsi non è la soluzione

Lo afferma il meteorologo Jörg Kachelmann, secondo cui il pellet è dannoso per il clima tanto quanto il carbone, il gas o il petrolio
Svizzera
7 ore

Ritrovato il corpo dell’87enne sparito nelle acque del Lemano

L’uomo, un tedesco, era scomparso martedì pomeriggio nei pressi di Montreux. È stato rinvenuto a 100 m di profondità
Svizzera
1 gior

In Svizzera moria di pesci di ‘proporzioni storiche’

La federazione dei pescatori teme che un numero ancora maggiore di specie autoctone possa scomparire per sempre
Svizzera
1 gior

Unia: ‘Divario salariale aumenta, occorre intervenire’

Il sindacato denuncia la stagnazione degli stipendi più bassi e l’aumento di quelli dei dirigenti
Svizzera
1 gior

Aumentano i posti vacanti fra le imprese svizzere

Sui siti internet delle 50 imprese più grandi si contano 12’400 annunci: il 34% in più rispetto a un mese fa
bienne
20.06.2022 - 20:33
Aggiornamento: 21:03
Ats, a cura de laRegione

Chiesti 14 mesi e l’espulsione per il predicatore libico

Abu Ramadan avrebbe incitato all’odio contro cristiani, ebrei, hindù, russi e musulmani sciiti

Il predicatore libico Abu Ramadan è comparso oggi davanti al tribunale regionale di Bienne (Be) per rispondere di discriminazione razziale e truffa. Il ministero pubblico della Confederazione ha chiesto una pena di 14 mesi e l’espulsione dalla Svizzera. Il difensore d’ufficio ha chiesto l’assoluzione. Il verdetto dovrebbe essere noto domani in serata.

Durante un sermone nella moschea Ar’Rahman (la misericordia) di Bienne, il 7 luglio del 2017, Abu Ramadan avrebbe incitato all’odio contro cristiani, ebrei, hindù, russi e musulmani sciiti. Il predicatore avrebbe anche approfittato di prestazioni sociali indebite per un ammontare di 46’000 franchi tra il 2003 e il 2017.

Il procedimento legale è stato innescato da una denuncia penale. L’indagine della procura del Giura-Seeland ha richiesto molto tempo. Per prima cosa, un esperto ha dovuto tradurre la predica dall’arabo al tedesco. Poi è occorsa una perizia supplementare sull’interpretazione delle affermazioni di Ramadan.

In base a questi elementi, secondo l’ufficio del ministero pubblico regionale il libico, ora 69enne, ha auspicato a più riprese che venissero debellate le persone appartenenti a certi gruppi etnici o che professano certe religioni. Ha quindi incitato all’odio ed è colpevole di discriminazione razziale.

La difesa

Qualche mese dopo il controverso sermone, l’allora imam della moschea Ar’Rahman ha contestato via stampa di aver incitato all’odio. Egli ha sostenuto di non aver mai pregato Allah "di distruggere i nemici dell’Islam": le sue affermazioni sarebbero state tradotte male.

Anche oggi ha respinto tutte le accuse. Per quanto riguarda il sermone, ha affermato che singoli passaggi sono stati estrapolati dal contesto. Egli ha anche tenuto molte altre prediche in cui aveva messo in guardia, ad esempio, contro l’organizzazione terroristica del sedicente Stato Islamico (ISIS). Ma - ha sottolineato - nessuno ne ha parlato.

Il discorso in questione riguardava la corruzione, ha aggiunto l’avvocato della difesa. Il suo cliente aveva solo fatto appello a Dio affinché consegnasse i colpevoli alla giustizia.


L’entrata della moschea dove predicava (Keystone)

Le altre accuse

Abu Ramadan è pure accusato di aver ripetutamente usufruito illegalmente dell’assistenza sociale tra il 2003 e il 2017. Anche queste indagini - nate da una denuncia delle autorità di Nidau (Be), il comune di residenza di Abu Ramadan - sono state "estremamente complesse", ha sottolineato il ministero pubblico. L’accusato non ha collaborato all’inchiesta e in particolare non ha risposto alle domande sul suo reddito.

Il libico aveva dichiarato al comune di essere disoccupato e di non avere né reddito né patrimonio, ma secondo le indagini della procura l’uomo organizzava pellegrinaggi ottenendo così in parte un reddito concreto. L’imputazione di ricezione illegale di prestazioni sociali sarebbe quindi fondata.

Per essersi recato in Libia diverse volte senza alcun problema, Abu Ramadan ha già perso il diritto di asilo e lo status di rifugiato, ottenuto al suo arrivo in Svizzera nel 1998. Ora usufruisce di un permesso C di domicilio. Se dovesse essere riconosciuto colpevole, sarà espulso.

Ciò che, oltre a 14 mesi di detenzione, è stato richiesto anche dalla procuratrice federale incaricata del caso. Il predicatore libico - ha sottolineato il pubblico ministero - non è integrato in Svizzera. Mentre nel suo Paese d’origine le prospettive di reintegrazione restano intatte. Abu Ramadan aveva diversi parenti stretti che vivevano in Libia e in passato vi è ritornato più volte, l’ultima volta qualche mese fa.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
abu ramadan bienne predicatore libico
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved