ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
18 min

Credit Suisse: Bin Salman valuta un investimento da 500 milioni

La banca elvetica corre alla Borsa di Zurigo sulle ipotesi che il principe ereditario dell’Arabia Saudita possa prendere parte al progetto di rilancio
Svizzera
3 ore

‘Non ubbidisco ciecamente alla dottrina del partito’

Hans-Ueli Vogt è il candidato outsider alla poltrona di Ueli Maurer. Dice di avere ‘molteplici sfaccettature’ e di aderire appieno ai valori dell’Udc.
Svizzera
3 ore

Sedici scodinzolanti neonati per la Fondazione Barry

Doppio lieto evento a fine novembre a Martigny. E a gennaio è prevista un’altra cucciolata di cani San Bernardo
Svizzera
4 ore

Nel 2023 non ci dovrebbe essere recessione

A sostenere la crescita sono in particolare i consumi privati, mentre l’edilizia influisce negativamente sui risultati
Svizzera
5 ore

Per un caffè crème fra un po’ non basteranno 5 franchi

Sull’arco di dieci anni l’aumento è del 6,8% (+28 centesimi), con il prezzo medio che nel 2012 era di 4,11 franchi
Svizzera
6 ore

Ben 21 nuovi elicotteri di soccorso per la Rega

Fra il 2024 e il 2026, la Guardia aerea svizzera di soccorso rinnoverà la sua intera flotta
Svizzera
7 ore

Vasta operazione contro la ciberpedocriminalità

Quasi un centinaio le persone fermate dalla Polizia cantonale vodese. Due quelle poste in detenzione preventiva
Svizzera
8 ore

Covid: 1’400 ricoveri per effetti indesiderati dei vaccini

Fra il 2020 e il 2021, 8’232 persone ricoverate a causa del coronavirus sono decedute negli ospedali
Svizzera
8 ore

Trasfusioni e omosessuali: possibile modificare l’esclusione

In Svizzera, dal 2017, gli uomini che hanno avuto rapporti sessuali con uomini negli ultimi 12 mesi non possono donare sangue
Svizzera
8 ore

Hotel: incremento dei visitatori, ma non in Ticino (-14,9%)

Per l’estate scorsa dieci regioni turistiche su tredici presentano un aumento di pernottamenti rispetto al 2021
28.01.2022 - 14:22

Processo Vincenz, la difesa chiede la piena assoluzione

Il difensore dell’ex Ceo di Raiffeisen Pierin Vincenz ha sostenuto stamani che tutte le accuse della procura sono infondate

Ats, a cura de laRegione
processo-vincenz-la-difesa-chiede-la-piena-assoluzione

Tutte le accuse della procura sono infondate. Lo ha sostenuto stamani, nel quarto giorno del processo davanti al Tribunale distrettuale di Zurigo, il difensore dell’ex Ceo di Raiffeisen Pierin Vincenz. Ha chiesto pertanto la piena assoluzione del suo cliente. Ieri il rappresentante del ministero pubblico aveva invece domandato una pena detentiva di sei anni per Vincenz e il suo collega in affari Beat Stocker.

All’inizio della sua arringa il legale di Vincenz ha messo in risalto i successi professionali dell’ex direttore di Raiffeisen: senza di lui l’ex cassa di risparmio contadina non sarebbe mai diventata il terzo principale gruppo bancario del Paese. E ha pure gestito con successo la società di carte di credito Aduno (ora Viseca).

È inoltre sbagliato presumere che Vincenz, nella sua veste di Ceo e presidente del Consiglio di amministrazione, “avrebbe potuto fare tutto a sua discrezione”. Tutte le decisioni sono state prese in maniera consensuale e previa consultazione in seno alla direzione e al Cda, ha affermato il difensore. “Non si tratta di organi decisionali che avrebbero semplicemente seguito Vincenz”.

“Il successo genera invidia”

“È noto che il successo genera invidia”, ha aggiunto. E ciò avrebbe dovuto essere preso in considerazione da chi ha avviato l’inchiesta per violazione del segreto bancario nei confronti del suo cliente.

Ma il ministero pubblico “ovviamente non ha avviato le indagini senza essere influenzato dai resoconti dei media”, ha aggiunto il legale di Vincenz. L’inchiesta è proseguita “con uno zelo raramente visto nel voler perseguire” il suo assistito.

Pena detentiva di sei anni

Ieri, nella sua requisitoria alla fine della quale ha chiesto una pena detentiva di sei anni per i due principali imputati del processo, il ministero pubblico ha rimproverato a Vincenz e a Stocker, ex patron di Aduno, di aver avuto partecipazioni segrete in altre società. Avrebbero in seguito fatto acquistare tali società da Raiffeisen o Aduno e avrebbero così raccolto i profitti illegali.

La procura ha inoltre sottolineato come Vincenz fosse in una posizione più rilevante di quella di Stocker. Era quindi in grado di convincere altre persone che si fidavano di lui ad approvare transazioni. “Ha abusato di questa fiducia e del suo potere. Questo abuso pesa molto”, ha sottolineato il rappresentante della procura.

Potere di Vincenz, ma mente era Stocker

Stocker, che all’epoca delle presunte transazioni criminali era il direttore di Aduno, non aveva il potere di Vincenz, ma era la mente dei crimini economici commessi, ha sostenuto il procuratore. “Ha perfezionato il doppio gioco a danno degli accusatori privati” (il gruppo Raiffeisen e l’ex società Aduno, ora Visceca) e lo ha fatto “con grande energia criminale”.

Nella sua requisitoria, il pubblico ministero ha anche citato e-mail e conversazioni telefoniche. Ad esempio, Vincenz nel febbraio 2018 avrebbe detto a Stocker che dovevano accordarsi su una formulazione comune. Si trattava di non dire nulla di “stupido” e di essere accurati per fare in modo che non potessero essere “decriptati”.

Pene sospese per altri coimputati

Per altri cinque imputati, accusati di complicità per aver aiutato Vincenz e Stocker in alcune occasioni, il procuratore ha chiesto sanzioni che vanno da una pena pecuniaria sospesa a una condanna, parzialmente sospesa, a due anni e mezzo di prigione.

Come noto, il processo durerà più del previsto: ai cinque giorni inizialmente previsti fra gennaio e febbraio, la corte ha aggiunto altre quattro udienze in marzo.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved