16.06.2022 - 13:57
Aggiornamento: 14:38

Settantadue voli cancellati e almeno 25’000 passeggeri coinvolti

Mentre agli aeroporti di Zurigo e Ginevra si torna alla normalità, si tirano le somme della panne di ieri a Skyguide

Ats, a cura de laRegione
settantadue-voli-cancellati-e-almeno-25-000-passeggeri-coinvolti
Keystone
Si torna a volare nella normalità

Ritorno alla normalità oggi agli aeroporti di Zurigo e Ginevra dopo il guasto verificatosi ieri alla rete informatica di Skyguide. Oggi i passeggeri hanno potuto imbarcarsi sugli aerei senza problemi.

Il traffico aereo ha ripreso normalmente questa mattina all’aeroporto di Ginevra, ha indicato un suo portavoce a Keystone-Ats. Ieri i dipendenti dello scalo e delle società partner hanno lavorato tutto il giorno e fino a tardi per far fronte alle difficoltà causate dal guasto.

Il traffico all’aeroporto di Zurigo è migliorato costantemente nel corso della giornata di ieri, ha dichiarato da parte sua una portavoce del maggiore scalo elvetico. In totale sono stati cancellati 98 voli. Il danno finanziario per l’aeroporto di Zurigo è, per quanto si possa valutare, "relativamente chiaro".

Per l’aeroporto di Ginevra le conseguenze del guasto alla rete sono paragonabili a quelle causate da perturbazioni dello spazio aereo, cancellazioni dovute a tempeste di neve o a scioperi nei grandi aeroporti europei, ha dichiarato il portavoce. In totale sono stati cancellati 72 voli nel corso della giornata. Dei 33’000 passeggeri attesi ieri, almeno 25’000 sarebbero stati colpiti in qualche modo dal guasto.

Impossibile sapere chi pagherà i costi causati dal problema. L’aeroporto di Zurigo ha dichiarato che esaminerà la questione a tempo debito. L’aeroporto di Ginevra ha sottoposto a Skyguide e alle compagnie aeree le questioni relative al risarcimento e alla responsabilità. Il direttore di Skyguide ha però già avvertito ieri che le compagnie aeree non potranno rivolgersi alla società di controllo del traffico aereo per ottenere il rimborso dei disagi.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved