ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
3 ore

L’onere normativo a carico delle imprese va ridotto

Lo sostiene il Consiglio federale, che ha adottato un progetto di legge a destinazione del Parlamento
Svizzera
3 ore

Stati, Mathilde Crevoisier Crelier al posto di Baume-Schneider

La socialista, municipale di Porrentruy, ha annunciato oggi al governo del canton Giura di aver accettato la nomina.
Svizzera
7 ore

Con la Ue la via bilaterale resta la più vantaggiosa

È la conclusione a cui giunge la bozza del rapporto sul tema Confederazione elvetica-Unione europea adottato dal Consiglio federale
Svizzera
8 ore

‘Per favorire la sicurezza si tolgano le strisce pedonali’

Fa discutere l’indicazione dell’Upi, secondo cui in una strada del comune di Hünenberg (Zg) vanno tolte le strisce gialle: ‘Lì son troppo pericolose’
Svizzera
9 ore

Riforma Avs21: dal 2025 aumenterà l’età pensionabile delle donne

A partire dal 1° gennaio 2024 invece vi sarà l’aumento dell’Iva per finanziare la riforma
Svizzera
11 ore

Sergio Ermotti nel Cda di Innosuisse

L’ex Ceo di Ubs è stato nominato oggi dal Consiglio federale ed entrerà in carica dal primo gennaio
Svizzera
11 ore

Sorpasso a destra, non si rischia più la patente

Il ritiro resta possibile, ma non è più automatico: il Tribunale federale applica per la prima volta la nuova prassi
Svizzera
11 ore

‘L’iniziativa anti-vaccini va respinta’

A ribadirlo il governo. Se approvata, questa causerebbe un’incertezza del diritto in diversi settori. Inoltre a oggi non vi è un obbligo vaccinale
Svizzera
13 ore

La casetta in campagna sì... ma vicino a una città

Metà degli intervistati da Comparis dichiara di voler vivere in campagna, mentre solo un quarto preferisce le città. I ticinesi i più restii a spostarsi
Svizzera
14 ore

Secondo tunnel del San Gottardo: potenziale presenza di amianto

Nel frattempo sono state prese misure per proteggere i lavoratori e la popolazione, ha indicato oggi l’Ufficio federale delle strade
Svizzera
15 ore

Svizzera romanda in ‘bianco’, ecco le prime nevicate in pianura

Secondo MeteoNews, fino a domenica sono previsti tra i 5 e i 15 centimetri di neve in pianura e tra i 10 e i 50 centimetri in montagna
Svizzera
1 gior

Regolazione del lupo, Regazzi: ‘Era ora’, Gysin: ‘Andati oltre’

La modifica della legge federale sulla caccia permetterà ‘abbattimenti preventivi’. A Palazzo federale un dibattito acceso e opinioni agli antipodi
Svizzera
1 gior

Pensioni: novembre dal rendimento positivo, ma non nel 2022

Sarà difficile recuperare il rendimento negativo accumulato nei primi undici mesi. Dal 2006 solo tre anni con segno più
Svizzera
1 gior

Consiglio federale, la ripartizione dei dipartimenti

Ambiente, energia e comunicazioni ad Albert Rösti, Giustizia e polizia per Elisabeth Baume-Schneider
Svizzera
1 gior

Baume-Schneider, Rösti: l’en plein delle Franches-Montagnes

La regione della consigliera federale eletta esce due volte vincitrice. La ‘Question jurassienne’? Il bernese dice che lui l’aveva già chiusa
09.06.2022 - 10:14
Aggiornamento: 15:26

Niente task force per trovare i beni degli oligarchi

Il Nazionale respinge due mozioni della sinistra. Parmelin: ‘I divieti d’esportazione e importazione colpiranno più duramente del congelamento dei beni’

Ats, a cura de laRegione
niente-task-force-per-trovare-i-beni-degli-oligarchi
Keystone

Nessuna task force indagherà sui beni degli oligarchi russi e bielorussi in Svizzera. Anche il commercio delle materie prime non sarà monitorato. Oggi il Consiglio nazionale ha respinto due mozioni della sinistra.

Secondo le stime della "prudentissima associazione bancaria svizzera", 200 miliardi di franchi di asset russi si trovano in Svizzera, ha dichiarato Baptiste Hurni (Ps/Ne). Ma la Svizzera ha bloccato solo 6,3 miliardi.

L’elenco degli oligarchi sanzionati contiene più di 1’000 persone. "Sappiamo che le somme nascoste in Svizzera sono molto più alte dei sei miliardi", ha sostenuto. Nella lista delle persone sanzionate ci sono solo pochi russi che hanno fondi in Svizzera, ha ricordato il ministro dell’economia Guy Parmelin.

‘Quello che sta facendo la Svizzera non basta’

Quello che la Svizzera sta facendo ora non è sufficiente, ha criticato Mattea Meyer (Ps/Zh). Il suo partito ha chiesto che vengano attivamente ricercati, bloccati e confiscati i beni dei ricchi russi e bielorussi presenti nell’elenco delle persone sanzionate in relazione alla guerra in Ucraina.

Bisogna condurre delle indagini, ha dichiarato Jürg Grossen (Pvl/Be). Si tratta di un compito importante per una task force. La Segreteria di Stato per l’economia ha introdotto solo un "obbligo di segnalazione", mentre altri Paesi, come gli Stati Uniti, hanno istituito unità operative formate da specialisti.

La Svizzera deve reagire, ha riconosciuto Philipp Bregy (Centro/Vs). Non basta emettere sanzioni, bisogna applicarle. Le risorse devono essere attivamente ricercate e bloccate. Su questi punti il Centro sostiene il Ps, ma, ha sottolineato il vallesano, uno Stato di diritto non può confiscare questi beni. Ciò richiederebbe una modifica della legge, ha confermato Guy Parmelin.

‘Una task force non è necessaria’

Plr e Udc si sono opposti chiaramente al testo. Pur riconoscendo che le sanzioni devono essere applicate in modo soddisfacente, sottolineano che le leggi svizzere vengono applicate e che esistono già gli strumenti per la ricerca di questi beni.

Le autorità federali e il mondo economico stanno lavorando insieme per attuare la legge, ha dichiarato Beat Walti (Plr/Zh). Il Consiglio federale è inoltre convinto che la Svizzera sia all’avanguardia nell’attuazione delle sanzioni, ha rivelato Parmelin.

‘I divieti di esportazione e importazione colpiranno più duramente del congelamento dei beni’

Una task force non è necessaria e non apporterebbe alcun beneficio sostanziale. Il ministro ha ricordato che il congelamento dei beni è solo una delle sanzioni. I divieti di esportazione e importazione decisi colpiranno più duramente il governo russo.

Possibile partecipazione alla task force multilaterale ‘Repo’

Il Consiglio federale continuerà a lavorare con i suoi partner internazionali per attuare e, se necessario, rafforzare le sanzioni contro la Russia. Ha preso i primi contatti con la task force multilaterale Russian elites, proxies and oligarchs (Repo). Le autorità federali stanno esaminando la possibilità di partecipazione e le relative modalità.

Inoltre, la Svizzera ha partecipato agli scambi dei Paesi membri della task force Freeze and sixteen. La Commissione europea ha accolto con favore il contributo svizzero.

Martedì il Consiglio degli Stati voterà su una mozione simile

La mozione del Ps è stata respinta con 103 voti favorevoli e 78 contrari. Il Consiglio degli Stati voterà martedì prossimo su una mozione simile presentata dal senatore ginevrino Carlo Sommaruga (Ps).

Respinta la richiesta dei verdi per il regolamento del commercio di materie prime

I deputati hanno anche respinto, con 103 voti contro 80, la richiesta dei Verdi di regolamentare il commercio di materie prime. Il partito ecologista ha criticato il fatto che il settore abbia raggiunto, se non addirittura superato, il settore finanziario e non abbia un’autorità di vigilanza.

L’invasione dell’Ucraina da parte della Russia ha ulteriormente evidenziato gli stretti legami tra la piazza commerciale svizzera e i regimi autocratici. Circa l’80% del petrolio russo viene commercializzato in Svizzera, sottolineano i Verdi. Sophie Michaud-Gigon (Verdi/Vd) ha sostenuto che il settore dovrebbe essere soggetto a condizioni chiare.

Gregor Rutz (Udc/Zh) ha affermato che la Svizzera dispone già di strumenti sufficienti per regolamentare il settore. Ha citato la legislazione antiriciclaggio per prevenire il riciclaggio di denaro e la corruzione. Gli intermediari finanziari sono obbligati per legge a segnalare i sospetti di riciclaggio di denaro e di finanziamento del terrorismo.

Inoltre, ha ricordato il ministro delle Finanze Ueli Maurer, gli attori più importanti sono soggetti a obblighi di ‘due diligence’ e trasparenza per quanto riguarda i minerali e i metalli provenienti da zone di conflitto e il lavoro minorile.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved