08.06.2022 - 14:29

Se riclassificati, i farmaci non devono costare di più

Lo chiede una mozione del Nazionale fatta sua anche dagli Stati. La pratica riguarda 92 farmaci, in futuro ottenibili senza ricetta

Ats, a cura de laRegione
se-riclassificati-i-farmaci-non-devono-costare-di-piu
Keystone
Evitare l’esplosione dei costi

La nuova classificazione dei farmaci non deve comportare costi aggiuntivi per il sistema sanitario. È l’obiettivo di una mozione del Nazionale adottata oggi anche dal Consiglio degli Stati per 21 voti a 18 contro il parere del Consiglio federale.

La revisione della legge sugli agenti terapeutici consentirà a 92 farmaci di essere dispensati ai pazienti da farmacisti e droghieri senza bisogno di prescrizione medica. Questa riclassificazione dalla categoria C alla categoria B comporterà un aumento dei prezzi per 19 medicamenti.

Secondo un rapporto dell’Ufficio federale della sanità pubblica sulla valutazione dei costi riguardanti la revisione ordinaria della legge sugli agenti terapeutici, i costi aggiuntivi sono principalmente legati alla riclassificazione dalla categoria C alla categoria B. Sono stimati tra i 4 e i 6 milioni per l’assicurazione obbligatoria (su un costo annuale dei farmaci di 7,5 miliardi) e tra i 3 e i 4,5 milioni per il pubblico.

Questi costi aggiuntivi sono relativamente limitati, ha dichiarato Hans Stöckli (Ps/Be) a nome della commissione. Non è quindi necessario agire. Il consigliere agli Stati bernese ha sottolineato che solo una nuova modifica della classificazione eviterebbe l’aumento dei prezzi associato alla modifica della quota di distribuzione, che non è auspicabile.

Peter Hegglin (Centro/Zg) ha sottolineato che alcuni farmaci che prima erano disponibili al banco ora richiedono una prescrizione e quindi un consulto medico. È il caso degli sciroppi per la tosse, presenti sul mercato da anni. Ciò comporterebbe costi aggiuntivi di circa 100 milioni di franchi svizzeri.

Il ministro della sanità, Alain Berset, ha risposto che questi sciroppi contengono codeina e possono essere usati come droga ricreativa in particolare dai giovani. Il medico o il farmacista devono quindi fornire un supporto, a suo avviso.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved