ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
2 ore

Il carnevale non è divertente per i cani

Gli animali sono esposti a troppo stress, soprattutto a livello uditivo: guggen e petardi non fanno bene agli amici a quattro zampe
Svizzera
4 ore

A Lucerna Migros ti porta la spesa a casa col furgone autonomo

A beneficiare della novità, ancora in fase di sperimentazione, sono i dipendenti di Schindler, colosso industriale degli ascensori e delle scale mobili
Svizzera
21 ore

Anche gli svizzeri a rischio di inondazioni

I mutamenti climatici aggravano il problema di chi abita all’interno delle vie di sfogo delle acque in caso di tracimazione. A rischio 700mila persone
Svizzera
23 ore

Kutter dal centro paraplegici di Nottwil: ‘Ce la faremo!’

Il consigliere nazionale zurighese twitta un messaggio di ottimismo dopo l’incidente sugli sci costatogli la frattura di due vertebre cervicali
Svizzera
1 gior

I Cantoni potrebbero restare per anni senza i soldi della Bns

È quanto affermano gli economisti dell’Ubs. La probabilità di una distribuzione salirà di nuovo sopra il 50% soltanto nel 2026
Svizzera
1 gior

Nel 2022 il 66% in più di traffico aereo in Svizzera

Il dato si sta riavvicinando a quello del periodo pre-pandemico distaccandosi solo del 12% rispetto al 2019
Svizzera
1 gior

Syndicom: basta molestie e sessismo nelle redazioni

Sulla scia delle rivelazioni su casi di mobbing e sessismo presso una testata del gruppo Tamedia, il sindacato dei media reclama un cambio di cultura
Svizzera
1 gior

Niente da fare per l’iniziativa per pensioni eque

I promotori gettano la spugna: l’obiettivo delle 100mila firme entro il 7 marzo resta una chimera
20.05.2022 - 14:57

Pandemia, la Farmacia dell’esercito ha rispettato il mandato

Per il Consiglio federale si è mossa in modo corretto nell’acquisto di un sufficiente numero di mascherine. Ci sono stati errori, ma comprensibili

Ats, a cura de laRegione
pandemia-la-farmacia-dell-esercito-ha-rispettato-il-mandato
Keystone
Dividere le responsabilità avrebbe reso il tutto più difficile

Malgrado le forti limitazioni, la Farmacia dell’esercito ha rispettato il mandato di acquistare un numero sufficiente di maschere protettive. Gli errori commessi sono comprensibili, afferma il Consiglio federale in risposta a un rapporto della Commissione della gestione del Nazionale.

Fin dall’inizio sono state mosse critiche all’acquisto delle mascherine, affidato alla Farmacia dell’esercito: il loro prezzo eccessivo, la loro presunta scarsa qualità o le scorte eccessive. Al punto che l’anno scorso la consigliera federale Viola Amherd aveva commissionato un audit interno, che aveva sostanzialmente escluso qualsiasi sospetto di grave cattiva condotta da parte del Dipartimento della difesa (Ddps).

La Commissione della gestione del Consiglio nazionale non è dello stesso avviso. Fatica a capire "che Consiglio federale e Dipartimento della difesa non abbiano messo in discussione fin dall’inizio la decisione di affidare alla Farmacia un mandato di tale portata e per certi versi senza precedenti", aveva dichiarato in febbraio.

Attribuzione corretta

Il Consiglio federale ritiene che questa attribuzione sia stata corretta. A differenza di altre organizzazioni, la Farmacia dell’esercito dispone già della licenza commerciale necessaria per acquistare farmaci all’ingrosso.

Dividere le responsabilità tra varie organizzazioni avrebbe reso più difficile la loro definizione. Inoltre, avrebbe probabilmente portato a duplicazioni o ritardi nella consegna.

Controllo di qualità

La Commissione ha messo in rilievo anche una negligenza nel controllo di qualità. All’inizio della pandemia, l’attenzione si è concentrata sull’acquisto di mascherine piuttosto che sulla loro qualità, riconosce il governo. Le condizioni per un controllo di qualità approfondito e sistematico sono state poste nell’aprile 2020. In questo modo è stato possibile identificare i lotti difettosi.

Su richiesta della Commissione, il Consiglio federale è disposto a valutare se la Svizzera debba dotarsi di un organismo accreditato per il controllo della qualità delle maschere in caso di future ondate pandemie. Il Dipartimento federale dell’interno e il Dipartimento federale della difesa (Ddps) dovranno presentare una proposta in tal senso entro la fine del 2022.

Informazioni opache

La Commissione ha anche criticato le informazioni "insufficienti o poco trasparenti". Il Consiglio federale se ne rammarica, ma ritiene che il Ddps abbia comunicato nel modo più trasparente possibile dall’inizio della pandemia. Ha però dovuto fare attenzione a non mettere a repentaglio l’attività fornendo informazioni troppo rapidamente.

Inoltre – sottolinea il governo – in un mercato estremamente volatile e per non mettere a rischio le acquisizioni per il sistema sanitario svizzero, non è stato possibile fornire dettagli sulle acquisizioni e sulle condizioni finanziarie.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved