pandemia-la-farmacia-dell-esercito-ha-rispettato-il-mandato
Keystone
Dividere le responsabilità avrebbe reso il tutto più difficile
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
2 ore

Horizon Europe: alcuni Stati vogliono che la Svizzera partecipi

Non si sa di preciso di quali nazioni Ue si tratti, ma Germania, Austria e Pesi Bassi hanno in passato fatto intendere di essere favorevoli
Svizzera
2 ore

Notifiche per le aziende estere, ‘cinque giorni bastano’

L’organizzazione sindacale Travail.Suisse sarebbe disposta ad accettare la riduzione del termine d’annuncio
Svizzera
7 ore

Zurigo, ripescato un cadavere dal lago: indagini in corso

La polizia ha ricevuto ieri mattina la segnalazione di un corpo che galleggiava nella zona del Bellevue e del Quaibrücke
Svizzera
7 ore

Ondata di fallimenti: bancarotte aumentate del 41%

Le aziende più colpite sono quelle attive nel ramo dei servizi. Creditreform ha confrontato il primo semestre di quest’anno con quello del 2021.
Svizzera
8 ore

Governo in vacanza, ma non mancheranno gli incontri ufficiali

Cassis sarà impegnato a New York a inizio agosto, Keller-Sutter si recherà questo mese a Praga. Parmelin sarà in Sudafrica questa settimana.
diplomazia
21 ore

Sette princìpi e una promessa: Ucraina in pace e democratica

La Dichiarazione di Lugano convince i partecipanti e Kiev, ma il premier ucraino esagera e chiede per il suo Paese i soldi congelati degli oligarchi
Svizzera
22 ore

‘L’addio ai Tiger è prematuro’

È il parere della Commissione della politica di sicurezza del Nazionale. Per esprimersi definitivamente, invece, sugli F-35A attende ancora due rapporti
Svizzera
23 ore

Abitazioni di proprietà, prezzi salgono nonostante aumento tassi

La causa è l’offerta estremamente limitata. Aumenti soprattutto nei comuni rurali e nei centri
20.05.2022 - 14:57
Ats, a cura de laRegione

Pandemia, la Farmacia dell’esercito ha rispettato il mandato

Per il Consiglio federale si è mossa in modo corretto nell’acquisto di un sufficiente numero di mascherine. Ci sono stati errori, ma comprensibili

Malgrado le forti limitazioni, la Farmacia dell’esercito ha rispettato il mandato di acquistare un numero sufficiente di maschere protettive. Gli errori commessi sono comprensibili, afferma il Consiglio federale in risposta a un rapporto della Commissione della gestione del Nazionale.

Fin dall’inizio sono state mosse critiche all’acquisto delle mascherine, affidato alla Farmacia dell’esercito: il loro prezzo eccessivo, la loro presunta scarsa qualità o le scorte eccessive. Al punto che l’anno scorso la consigliera federale Viola Amherd aveva commissionato un audit interno, che aveva sostanzialmente escluso qualsiasi sospetto di grave cattiva condotta da parte del Dipartimento della difesa (Ddps).

La Commissione della gestione del Consiglio nazionale non è dello stesso avviso. Fatica a capire "che Consiglio federale e Dipartimento della difesa non abbiano messo in discussione fin dall’inizio la decisione di affidare alla Farmacia un mandato di tale portata e per certi versi senza precedenti", aveva dichiarato in febbraio.

Attribuzione corretta

Il Consiglio federale ritiene che questa attribuzione sia stata corretta. A differenza di altre organizzazioni, la Farmacia dell’esercito dispone già della licenza commerciale necessaria per acquistare farmaci all’ingrosso.

Dividere le responsabilità tra varie organizzazioni avrebbe reso più difficile la loro definizione. Inoltre, avrebbe probabilmente portato a duplicazioni o ritardi nella consegna.

Controllo di qualità

La Commissione ha messo in rilievo anche una negligenza nel controllo di qualità. All’inizio della pandemia, l’attenzione si è concentrata sull’acquisto di mascherine piuttosto che sulla loro qualità, riconosce il governo. Le condizioni per un controllo di qualità approfondito e sistematico sono state poste nell’aprile 2020. In questo modo è stato possibile identificare i lotti difettosi.

Su richiesta della Commissione, il Consiglio federale è disposto a valutare se la Svizzera debba dotarsi di un organismo accreditato per il controllo della qualità delle maschere in caso di future ondate pandemie. Il Dipartimento federale dell’interno e il Dipartimento federale della difesa (Ddps) dovranno presentare una proposta in tal senso entro la fine del 2022.

Informazioni opache

La Commissione ha anche criticato le informazioni "insufficienti o poco trasparenti". Il Consiglio federale se ne rammarica, ma ritiene che il Ddps abbia comunicato nel modo più trasparente possibile dall’inizio della pandemia. Ha però dovuto fare attenzione a non mettere a repentaglio l’attività fornendo informazioni troppo rapidamente.

Inoltre – sottolinea il governo – in un mercato estremamente volatile e per non mettere a rischio le acquisizioni per il sistema sanitario svizzero, non è stato possibile fornire dettagli sulle acquisizioni e sulle condizioni finanziarie.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
coronavirus farmacia esercito mascherine
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved