l-esercito-elvetico-non-ha-comprato-troppe-mascherine
L'anno scorso ne sono state acquistate in poco tempo 302 milioni (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
5 ore

Infermieri, via libera al progetto per rafforzare la professione

La Commissione della sanità della camera alta ha approvato il disegno governativo, prima tappa dell’attuazione dell’iniziativa popolare accettata nel 2021
gallery
Svizzera
7 ore

Militanti imbrattano la sede della Sefri

L’organizzazione ambientalista Renovate Switzerland chiede di accelerare il risanamento termico degli edifici
Svizzera
8 ore

Covid, registrate 5’900 reazioni avverse al vaccino

Swissmedic: ‘I risultati non incidono sul rapporto rischi-benefici’. Più della metà delle segnalazioni sono state fatte da pazienti o familiari.
Svizzera
9 ore

Molestie sessuali, allarme nella polizia di Losanna

Un sondaggio ha mostrato che più della metà del personale ha subito questo tipo di abuso.
Svizzera
9 ore

Cassis allenatore di un Consiglio federale ‘multi-tasking’

Per il presidente della Confederazione, la gita annuale dell’Esecutivo è ‘un’occasione per formare lo spirito di squadra’
Svizzera
10 ore

Estate e voglia di viaggi, l’Ustra avverte: attenzione alle code

Dopo due anni di pandemia, la gente ritrova il piacere delle vacanze. Ma i problemi di compagnie aeree e aeroporti rischiano di intasare le strade
Svizzera
10 ore

Swiss lascia a terra il Contratto collettivo di crisi

Da inizio 2023 la compagnia aerea controllata da Lufthansa abolirà gradualmente le misure d’emegenza prese in tempo di pandemia
Svizzera
10 ore

Si invaghisce via social di un medico dell’Onu. Ma è una truffa

Una 62enne argoviese è stata raggirata e frodata per diverse decine di migliaia di franchi. La polizia: ‘State in guardia: malfattori abili’
Svizzera
11 ore

Da oggi migliore localizzazione per le chiamate d’emergenza

Le informazioni, provenienti dai telefoni e dai pulsanti Sos delle auto, devono essere automaticamente inoltrate alla centrale d’allarme competente
22.04.2021 - 10:21
Aggiornamento: 15:17

'L'esercito elvetico non ha comprato troppe mascherine'

È la conclusione di una verifica interna del Dipartimento federale della difesa. Tuttavia, possono essere fatti miglioramenti nella procedura di acquisto.

L'esercito non ha comprato troppe mascherine protettive all'inizio della pandemia di Covid-19. Ma miglioramenti della procedura di acquisto devono essere fatti. È la conclusione di una verifica interna del Dipartimento federale della difesa (Ddps).

La consigliera federale Viola Amherd ha commissionato un audit per far luce sulla questione dopo che la Farmacia dell'esercito, lo scorso anno, era stata criticata per aver comprato troppe mascherine, per la scarsa qualità e per avere creato troppe scorte. Viste le conclusioni rese note oggi, la ministra della Difesa ha chiesto di mettere in pratica entro la fine dell'anno una serie di raccomandazioni avanzate nel rapporto dei revisori.

Spesi 195 milioni di franchi

All'epoca, la Farmacia dell'esercito dovette ordinare 550 milioni di mascherine in pochi mesi per conto dell'Ufficio federale della sanità pubblica (Ufsp). Ne ha acquistate 302 milioni, di cui 287 milioni igieniche, 6 milioni di KN95/N95 e 9 milioni di FFP2/FFP3. Il tutto per 195 milioni di franchi, precisa il rapporto. Per quanto concerne il prezzo, tutto indica che il materiale è stato acquistato a condizioni di mercato. Data l'alta domanda, l'offerta limitata e l'urgenza di fornire un numero sufficiente, era inevitabile che i prezzi delle attrezzature mediche aumentassero in maniera vertiginosa.

Regolamenti non toltamente rispettati

Il mandato del Consiglio federale è quindi stato adempiuto. È stato un contributo essenziale per evitare un collasso del settore sanitario svizzero e per fornire alla popolazione un equipaggiamento di protezione, notano i revisori. Per contro, non tutte le transazioni d'acquisto hanno rispettato i regolamenti dell'Aggruppamento Difesa. Durante la crisi, alcune commesse che superavano i 10 milioni di franchi non sono state firmate dal capo dell'esercito, come previsto dal regolamento, ma solo dal capo di Stato Maggiore e dal capo delle Finanze dell'Aggruppamento Difesa. E tale pratica è continuata, criticano i revisori. Un'eccezione al tetto di spesa poteva e doveva essere regolata temporaneamente. Si dovrebbe quindi rivedere completamente i regolamenti delle competenze esistenti nell'Aggruppamento Difesa.

Raccomandazioni per evitare lacune nei controlli

Per evitare lacune nei controlli durante lo svolgimento degli acquisti, il rapporto auspica l'applicazione della cosiddetta procedura "3-way-watch", la quale assicura che le merci ordinate, quelle ricevute e quelle fatturate dai fornitori corrispondano. Riguardo alla qualità delle mascherine igieniche e di protezione delle vie respiratorie in magazzino, il rapporto chiede di chiarire i punti ancora in sospeso. L'esame delle condizioni contrattuali dei fornitori non ha rivelato nulla di essenziale in merito.

Uno sguardo critico è stato indirizzato anche ai vari "comitati Covid" istituiti all'interno del Ddps all'inizio dell'anno scorso. L'impiego di comitati ad hoc in tempi di crisi dovrebbe essere rivisto, poiché il rischio è che alcune funzionari non siano più responsabili in materia fra il momento della crisi e il ritorno alla normalità.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
coronavirus esercito mascherine svizzera
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved