vittime-di-violenza-servono-centri-di-prima-assistenza
Keystone
La ‘senatrice’ rossoblù
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
3 ore

Horizon Europe: alcuni Stati vogliono che la Svizzera partecipi

Non si sa di preciso di quali nazioni Ue si tratti, ma Germania, Austria e Pesi Bassi hanno in passato fatto intendere di essere favorevoli
Svizzera
3 ore

Notifiche per le aziende estere, ‘cinque giorni bastano’

L’organizzazione sindacale Travail.Suisse sarebbe disposta ad accettare la riduzione del termine d’annuncio
Svizzera
7 ore

Zurigo, ripescato un cadavere dal lago: indagini in corso

La polizia ha ricevuto ieri mattina la segnalazione di un corpo che galleggiava nella zona del Bellevue e del Quaibrücke
Svizzera
8 ore

Ondata di fallimenti: bancarotte aumentate del 41%

Le aziende più colpite sono quelle attive nel ramo dei servizi. Creditreform ha confrontato il primo semestre di quest’anno con quello del 2021.
Svizzera
9 ore

Governo in vacanza, ma non mancheranno gli incontri ufficiali

Cassis sarà impegnato a New York a inizio agosto, Keller-Sutter si recherà questo mese a Praga. Parmelin sarà in Sudafrica questa settimana.
diplomazia
22 ore

Sette princìpi e una promessa: Ucraina in pace e democratica

La Dichiarazione di Lugano convince i partecipanti e Kiev, ma il premier ucraino esagera e chiede per il suo Paese i soldi congelati degli oligarchi
Svizzera
23 ore

‘L’addio ai Tiger è prematuro’

È il parere della Commissione della politica di sicurezza del Nazionale. Per esprimersi definitivamente, invece, sugli F-35A attende ancora due rapporti
Svizzera
1 gior

Abitazioni di proprietà, prezzi salgono nonostante aumento tassi

La causa è l’offerta estremamente limitata. Aumenti soprattutto nei comuni rurali e nei centri
Svizzera
1 gior

Un dipendente su tre non vuole più andare in ufficio

Il sondaggio del portale finews.ch riguarda gli impiegati del settore finanziario
19.05.2022 - 15:20
Ats, a cura de laRegione

Vittime di violenza, servono centri di prima assistenza

Lo indica una mozione della ticinese Marina Carobbio Guscetti, e che il Consiglio federale si dice pronto ad accogliere

Le vittime di violenza sessuale, domestica e di genere dovrebbero poter contare sul sostegno di centri cantonali o regionali di crisi in cui ricevere assistenza medica e psicologica immediata. Lo prevede una mozione della consigliera agli stati Marina Carobbio Guscetti (Ps/Ti), che il Consiglio federale si dice pronto ad accogliere.

Stando alla mozione di Carobbio (due atti simili sono stati inoltrati anche dalle consigliere nazionali Tamara Funiciello (Ps/Be) e Jacqueline de Quattro (Plr/Vd), il Consiglio federale sarebbe incaricato di istituire standard e basi vincolanti affinché in ogni Cantone siano disponibili centri di crisi per le vittime. I modelli cui ispirarsi potrebbero essere quelli di Vaud e Berna (modello bernese) o San Gallo (numero d’emergenza per richiedere l’intervento di uno specialista forense).

Oltre a ricevere una prima assistenza e un sostegno completi e specializzati, questi centri dovranno garantire la documentazione e il rilevamento delle tracce da parte di un medico legale senza obbligo di sporgere denuncia. L’obiettivo è migliorare l’aiuto alle vittime e le prospettive di successo del perseguimento penale, scrive l’autrice della mozione.

I centri di crisi dovranno poter trasmettere le coordinate della vittima, con il suo consenso, direttamente al competente consultorio per le vittime, affinché quest’ultimo possa in seguito contattarla proattivamente.

A detta della ‘senatrice’ ticinese, questi centri sono necessari: attualmente, infatti, in molte regioni del Paese le vittime di violenza sessualizzata, domestica e di genere non trovano l’assistenza medica e psicologica specifica di cui hanno bisogno. Sovente non hanno nemmeno la possibilità di far documentare e assicurare le tracce della violenza da un medico legale, per poter poi decidere in tutta calma se sporgere denuncia. È quindi negata loro una prima assistenza adeguata e le probabilità di successo del perseguimento penale diminuiscono.

Dopo un atto di violenza la vittima è spesso in stato di choc, per cui non è in grado di decidere se sporgere denuncia né di rilasciare dichiarazioni utilizzabili. Ciononostante, le tracce del reato devono essere assicurate, documentate e conservate in un luogo sicuro dal medico legale entro 72 ore, in modo da mantenere intatte le possibilità di un perseguimento penale, stando alla mozione.

Mentre conferire tali compiti al medico legale aumenta le probabilità che le tracce siano utilizzabili e quindi le possibilità di successo di un eventuale perseguimento penale, in Svizzera spesso il prelievo è effettuato da personale medico poco o non specializzato.

Carobbio è persuasa che, se dopo la violenza la vittima ha il tempo di farsi accompagnare e consigliare da personale specializzato nell’aiuto alle vittime, è più probabile che sporga denuncia penale. Si può parimenti presupporre che il ritiro delle querele penali, le dichiarazioni di disinteresse o il rifiuto di testimoniare siano meno frequenti. È quindi importante non allertare sistematicamente la polizia in occasione della prima assistenza e del rilevamento delle tracce e che in seguito un consultorio per le vittime contatti proattivamente la vittima per una consulenza e un’assistenza successiva specializzate.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
marina carobbio guscetti vittime di violenza
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved