casse-pensioni-2021-positivo-con-livelli-di-copertura-record
Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
50 min

Metà delle economie domestiche svizzera è indebitata

Leasing dell’auto e bollette non pagate (un nucleo famigliare su sei ne è stato confrontato) in cima alla classifica delle tipologie
Svizzera
58 min

Detenuto rinvenuto morto nel carcere di Liestal

Dai primi accertamenti non dovrebbe esserci stato coinvolgimento di terzi. L’uomo, 30enne, era sospettato di omicidio
Svizzera
1 ora

C’è rischio di caduta: amaca ritirata dal mercato

Problemi alle cuciture intermedie delle cinghie per i set del modello ‘Rewind’, venduti da Coop tra l’8 marzo e il 17 giugno
Svizzera
1 ora

Nuovo balzo in avanti dell’inflazione: +3,4% in giugno

In crescita pure i prezzi al consumo. Fra le cause l’incremento di carburanti, olio e ortaggi; in controtendenza vini rossi e insalate
Svizzera
2 ore

Rischia di annegare nelle acque del Lago di Poschiavo

Grave infortunio balneare sabato pomeriggio: protagonista un 54enne italiano, rianimato sul posto e poi elitrasportato a Coira
Svizzera
3 ore

Nottata ‘illuminata’ da oltre 9’000 fulmini in Svizzera

Temporali e forte vento in tutto il Paese. Le raffiche più forti sono state misurate sul Weissfluhjoch, con 111 km/h
Svizzera
3 ore

‘Prima di pensare all’Europa si pensi ai problemi interni’

Lo pensa il presidente dell’Alleanza del Centro Gerhard Pfister, secondo cui ‘le discussioni con l’Ue sembrano già condurre a un’altra impasse
Svizzera
14 ore

Scoperto un pipistrello con la rabbia nel canton Berna

La Svizzera è attualmente, tranne in questo caso, esente dalla malattia, sia negli animali domestici che in quelli selvatici
17.05.2022 - 15:38
Aggiornamento: 19:06

Casse pensioni: 2021 positivo con livelli di copertura record

Il 2021 molto positivo anche per gli investimenti: gli istituti di previdenza hanno infatti realizzato un rendimento patrimoniale netto medio dell’8,0%

Grazie a un 2021 molto positivo sui mercati azionari, gli istituti di previdenza svizzeri hanno ulteriormente migliorato la loro situazione finanziaria. La maggior parte delle casse pensioni ha chiuso l’esercizio con tassi di copertura record. Tuttavia, i vertici della Commissione di alta vigilanza della previdenza professionale (Cav Pp) hanno sottolineato oggi a Berna come dall’inizio del 2022 siano cominciati a delinearsi sviluppi negativi.

Alla fine del 2021 i gradi di copertura delle casse pensioni senza garanzia dello Stato hanno raggiunto un nuovo record, con una media del 118,5% (fine 2020: 113,5%), mentre quelli con garanzia statale si sono attestati all’89,3% (fine 2020: 85,8%). Si tratta dei tassi di copertura medi più elevati registrati da anni, è stato rilevato presentando il rapporto di attività annuale della Cav Pp.

Ma la situazione sui mercati resta volatile. Stando alle più recenti previsioni, il grado di copertura medio degli istituti senza garanzia dello Stato è già sceso al 112,9% alla fine di marzo del 2022.

Rendimento patrimoniale netto in aumento

Il 2021 è stato molto positivo anche per gli investimenti: gli istituti di previdenza hanno infatti realizzato un rendimento patrimoniale netto medio dell’8,0%. Nel 2020, primo anno pandemico, tale rendimento si era attestato al 4,4%. Nell’anno in rassegna gli assicurati attivi hanno beneficiato di una remunerazione media dei capitali di previdenza nettamente più elevata (3,69% a fronte dell’1,84% nel 2020).

Tuttavia, non si è registrata praticamente alcuna ridistribuzione da questi assicurati attivi verso i beneficiari di rendita. E la Cav Pp prevede che anche in futuro la ridistribuzione annuale sarà inferiore all’attuale media quinquennale (4,7 miliardi di franchi). Ciò è dovuto al fatto che negli ultimi anni gli istituti di previdenza hanno costantemente ridotto i tassi d’interesse tecnici e quindi già provveduto a rifinanziare le rendite correnti, è stato rilevato.

In 7 anni persi 500 istituti

A dieci anni dalla riforma strutturale delle casse pensioni, il sistema di vigilanza si trova di fronte a sfide crescenti: tra il 2014 e il 2021, il numero di istituti di previdenza è sceso da circa 2’000 a 1’500, mentre la somma di bilancio complessiva è aumentata da circa 800 a 1’200 miliardi di franchi.

In seguito allo stallo delle riforme nel secondo pilastro non sono stati apportati adeguamenti nemmeno nel settore della vigilanza della previdenza professionale, è stato deplorato dai vertici della Cav Pp. Dopo dieci anni di esperienza con la riforma strutturale sarebbe quindi opportuno procedere agli adeguamenti necessari, in modo da poter continuare a tutelare efficacemente gli interessi dei beneficiari.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
casse pensioni istituti previdenza previdenza
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved