previdenza-il-coronavirus-non-ha-intaccato-le-casse-pensioni
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Economia
Economia
1 gior

Credit Suisse: nel 2022 la ripresa rallenterà

Secondo gli esperti dell'istituto bancario, l'evoluzione complessiva cela le difficoltà di singoli settori quali la ristorazione e il turismo
Economia
2 gior

Implenia: contratto miliardario per linea ferroviaria in Italia

Il colosso edile zurighese costruirà 22,5 km della linea che si collega al tunnel del Brennero. La commessa è valutata a 1,07 miliardi di Euro.
Economia
6 gior

Ricchezza privata, patrimoni a livello record in Svizzera

Salgono a 5000 miliardi di dollari, grazie in particolare al buon andamento del mercato azionario e di quello immobiliare
Economia
6 gior

L'euforia delle borse preoccupa solo a metà

È quanto emerge da un seminario dell'Associazione bancaria ticinese, utile per capire meglio le ragioni – giuste e sbagliate – dell’ottimismo finanziario
Economia
1 sett

Cala (anche se di poco) la disoccupazione in Svizzera

In maggio il tasso è del 3,1 per cento. Ticino all'undicesimo posto fra i cantoni più toccati
Economia
1 sett

G7, una tassa minima per le grandi aziende. Timori in Svizzera

Equità globale fiscale con un'aliquota minima del 15 per cento. Due economisti temono conseguenze non positive per la Confederazione
Economia
1 sett

I giovani desiderano una casa di proprietà

Il 77% della fascia di età tra i 16 e i 25 anni ha questa ambizione che rischia di rimanere un sogno a causa degli elevati requisiti di finanziamento
Economia
1 sett

Ripresa e lavoro, disoccupazione prevista sotto il 3%

È quanto immaginano gli economisti di Raiffeisen. Immutate le previsioni di crescita dell’economia svizzera del 2,8% quest’anno e del 2,5% il prossimo
Economia
11.05.2021 - 16:200

Previdenza, il coronavirus non ha intaccato le casse pensioni

La maggior parte degli istituti di previdenza professionale ha chiuso l’esercizio 2020 con tassi di copertura al rialzo raggiungendo il livello più alto dal 2012

Berna – In Svizzera le casse pensioni hanno resistito bene alla crisi del coronavirus. La maggior parte degli istituti di previdenza professionale ha chiuso l'esercizio 2020 con tassi di copertura in rialzo.

Nonostante il perdurare di un clima di notevole incertezza, alla fine di dicembre del 2020 i gradi di copertura hanno raggiunto in media il 113,5% (fine 2019: 111,6%), il livello più alto dal 2012, si legge nel rapporto d'attività della Commissione di alta vigilanza della previdenza professionale (CAV PP).

Dal canto suo, il rendimento patrimoniale netto medio si è attestato al 4,4% (2019: 10,4%). Alla fine del 2020, il 99% (2019: 99%) degli istituti di previdenza di diritto privato e di quelli degli enti di diritto pubblico, senza garanzia dello Stato e senza assicurazione completa, presentava quindi un grado di copertura di almeno il 100%.

Timori fugati

La pandemia non ha avuto ripercussioni sulle finanze degli istituti di previdenza. Grazie a misure di sostegno, la maggior parte delle Pmi ha potuto superare la crisi. I timori, dovuti alle forti turbolenze dei mercati nei mesi di febbraio e marzo del 2020, non si sono concretizzati, anche perché nel secondo semestre dell'anno si è assistito a una ripresa dei mercati azionari.

Tuttavia altri effetti finanziari rimangono incerti, ha rilevato la presidente della CAV PP Vera Kupper Staub in una conferenza stampa odierna. Per il momento, è difficile valutare in quale misura le casse pensioni saranno interessate dalla mortalità superiore alla media a causa della pandemia. A suo avviso, l'evoluzione della speranza di vita non dovrebbe però cambiare.

Nel 2020, il numero degli istituti di previdenza è nuovamente diminuito, il che conferma il perdurare del processo di concentrazione in atto nel secondo pilastro. Alla metà di aprile del 2021 se ne contavano 1'484 contro 1'624 un anno prima.

Ridistribuzione meno grande

Nell'anno in rassegna, la ridistribuzione dei fondi è ammontata a 4,4 miliardi di franchi, a fronte di un importo di 7,2 miliardi nel 2019. Questo risultato è da ricondurre agli adeguamenti apportati negli ultimi anni per quanto riguarda la valutazione degli impegni e le aliquote di conversione, stando alla CAV PP.

Occorrerà seguire l'evoluzione dei prossimi anni per vedere se ciò rappresenta un segnale di riduzione duratura dell'ampiezza della ridistribuzione o se si tratta soltanto di una fluttuazione annuale, ha rilevato Vera Kupper Staub. A suo avviso, sono necessarie riforme viste le mutate condizioni economiche e demografiche.

Il mondo politico dovrebbe elaborare basi legali più realistiche, in particolare per quanto attiene alla tasso di conversione minimo LPP, ha concluso la presidente della CAV PP.
 
 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved