ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
10 ore

In autostrada al massimo a 100 all’ora

È la proposta lanciata dall’Associazione traffico e ambiente per diminuire i consumi energetici
Svizzera
10 ore

Il Parlamento converge... sul solare

Da sabato sarà obbligatorio installare pannelli fotovoltaici sui grandi edifici di nuova costruzione
Svizzera
11 ore

Aborto: 20 anni di regime dei termini

Due decenni fa veniva concessa, in tutti i cantoni, l’interruzione di gravidanza. Presente ai festeggiamenti anche Karin Keller-Sutter.
Svizzera
12 ore

Premi di cassa malati, in Ticino l’aumento sarà del 9,2%

A livello nazionale invece il rincaro sarà pari allo 6,6%.
Svizzera
13 ore

Per i piloti di Swiss mediazione ‘inutile’. Verso lo sciopero.

Nella discussione per il nuovo contratto collettivo di lavoro le maestranze chiedono un incontro con i vertici
Svizzera
13 ore

Vittime di violenza: necessari centri di prima assistenza

La necessità di garantire la documentazione e il rilevamento delle tracce da parte di un medico legale senza obbligo di sporgere denuncia
Svizzera
16 ore

Si prospettano lunghe attese per il pediatra

Due i fattori: la penuria di personale e la scelta dei genitori di recarsi direttamente al Pronto soccorso, senza consultare prima il medico di base
Svizzera
18 ore

Premi di cassa malati, previsti forti aumenti in Ticino

Oggi alle 14 ci sarà l’annuncio del ministro della Sanità Alain Berset
Svizzera
1 gior

Più soldi nel portamonete dei pensionati in Svizzera

Il Parlamento chiede un adeguamento integrale delle rendite Avs all’inflazione. Niente da fare per l’aumento dei sussidi di cassa malati.
Svizzera
1 gior

Offensiva solare, obbligo pannelli solo per edifici grandi

La Camera del popolo ha deciso di limitare tale vincolo alle strutture che occupano una superficie al suolo superiore a 300 metri quadrati
Svizzera
1 gior

‘No’ definitivo alla privatizzazione di PostFinance

Lo ha decretato il Consiglio nazionale bocciando senza opposizioni un progetto di revisione legislativa del governo sull’organizzazione della Posta
Ecuador
1 gior

Affonda barca alle Galapagos, svizzeri a bordo: vi sono morti

Secondo le autorità, quattro persone sono decedute e altre quattro risultano disperse: nessuna indicazione per ora sulla sorte dei cittadini elvetici
27.04.2022 - 12:40
Aggiornamento: 14:18

Anche Losanna e Winterthur potranno avere dei casinò di tipo A

Lo ha deciso il Consiglio federale: sono ora 23 le regioni che possono accogliere un casinò a giocata illimitata per sfruttare il potenziale economico

Ats, a cura de laRegione
anche-losanna-e-winterthur-potranno-avere-dei-casino-di-tipo-a
Keystone

Dal 2025, due nuove regioni – 23 in totale – potranno accogliere sul proprio territorio un casinò. Lo ha deciso oggi il Consiglio federale, secondo cui a Losanna e Winterthur (Zh) potranno essere rilasciate concessioni di tipo A (giocata illimitata, quella B è limitata a 25 franchi), allo scopo di sfruttare un potenziale di mercato interessante.

Frattanto, in vista della scadenza dei permessi attuali a fine 2024, la Commissione federale delle case da gioco avvierà la procedura di rilascio delle concessioni prima della fine di maggio 2022, sottolinea una nota governativa odierna. Il Consiglio federale deciderà probabilmente in merito nell’autunno 2023. La decisione non potrà essere impugnata.

La manna dei casinò

La decisione di principio del governo si basa su un rapporto della Cfcg sulla situazione delle case da gioco in Svizzera, accompagnato da raccomandazioni. Sulla base di questo documento, l’esecutivo ha vagliato anche numero e tipo di concessioni da rilasciare nonché la procedura di rilascio.

Nel rapporto si constata che l’attuale panorama dei casinò permette in generale di raggiungere gli obiettivi della legislazione. Ripartiti in maniera equa su tutto il territorio, i 21 casinò – tra cui Mendrisio (B), Lugano (A) e Locarno (B) – svolgono un ruolo importante nelle loro rispettive regioni grazie all’offerta d’intrattenimento. Il ruolo per l’economia è interessante anche come datori di lavoro.

Dall’inizio del loro esercizio nel 2002‐2003, i casinò hanno versato tasse sulle case da gioco pari a 7,309 miliardi di franchi, di cui 6,253 miliardi sono andati all’AVS. Visti i numeri, la Cfcg ha quindi raccomandato al Consiglio federale di preservare questo panorama, migliorando nel contempo l’offerta di giochi e ottimizzando gli introiti fiscali a favore della popolazione, nel rispetto di una severa protezione sociale.

Due nuove zone

Da qui la decisione del governo di innalzare il numero di zone dalle attuali 21 a 23. Con due nuove zone A, ossia Losanna (potenziale di mercato: 25-30 milioni) e Winterthur (potenziale di mercato: 30-60 milioni), 10 delle 23 zone potranno accogliere una casa da gioco con una concessione di tipo A. Inoltre, il Consiglio federale potrà rilasciare al massimo 13 concessioni di tipo B.

Un casinò di tipo B può accettare una posta massima di 25 franchi per i giochi in denaro automatizzati, mentre per i casinò di tipo A non vi è alcuna restrizione di questo tipo. Infine, a differenza dei Cantoni di ubicazione delle case da gioco di tipo A, quelli dei casinò di tipo B possono prelevare una tassa cantonale sul prodotto lordo dei giochi (esclusi i giochi online).

Condizioni per concessioni

Il Consiglio federale ha altresì stabilito che una concessione di tipo A potrà essere rilasciata soltanto se la sede scelta da un richiedente gli permette di conseguire con i giochi da casinò terrestri (non online) un prodotto lordo annuo superiore a 30 milioni. Ciò è di regola il caso se nel bacino d’utenza equivalente a una distanza di viaggio di 30 minuti abitano 300mila persone.

Circa le concessioni di tipo B, il governo ha deciso che un richiedente deve scegliere una sede che gli permetta di realizzare con i giochi da casinò terrestri un prodotto lordo annuo superiore a 10 milioni. Questo requisito è di regola soddisfatto se nel bacino d’utenza equivalente a una distanza di viaggio di 30 minuti abitano 100mila persone.

È tuttavia prevista un’eccezione: se la condizione del numero di abitanti non è soddisfatta, il richiedente può rendere plausibile di poter adempiere in un altro modo il requisito della redditività, ad esempio grazie a una quota elevata di turisti tra i clienti.

Deroghe

In casi eccezionali e motivati, l’esecutivo può derogare a queste condizioni, a patto che il mercato lo permetta e gli obiettivi della legge sui giochi in denaro non ne risultino pregiudicati.

Inoltre, il Consiglio federale ha deciso che le nuove concessioni saranno assegnate nel quadro di una procedura aperta; potranno quindi candidarsi tutti gli attori interessati.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved