ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
29 min

La disoccupazione ‘Seco’ sale al 2,2%, il Ticino al quinto posto

I dati della Segreteria di Stato per l’economia non includono chi ha esaurito il diritto a ricevere le prestazioni o si trova a beneficio dell’assistenza
Svizzera
11 ore

Ottanta soccorritori svizzeri partiti verso Turchia e Siria

In serata sono decollati da Zurigo anche otto cani da ricerca e 18 tonnellate di materiale con destinazione le aree disastrate dal potentissimo sisma
Svizzera
16 ore

L’uomo è ancora visto come responsabile del reddito familiare

Secondo un sondaggio, uomini e donne concordano sul fatto che un padre dovrebbe lavorare a una percentuale maggiore rispetto a una madre
Svizzera
18 ore

In Svizzera un sisma come quello in Turchia sarebbe catastrofico

Le norme antisismiche elvetiche sono basate su terremoti di magnitudo massima inferiore alle scosse in Turchia: ma la probabilità è estremamente bassa
Svizzera
19 ore

Si addormenta al volante e provoca un incidente frontale

Fortunatamente illesi i due protagonisti del sinistro avvenuto a Villmergen, nel Canton Argovia. Al 67enne è stata ritirata la patente sul posto
Svizzera
20 ore

Grave incidente sugli sci per Philipp Kutter

Dopo l’infortunio, il consigliere nazionale zurighese del Centro (e sindaco di Wädenswil), è stato trasferito al centro specialistico di Nottwil
Svizzera
20 ore

Jelmoli si ristruttura, centinaia di dipendenti interessati

Nessun operatore interessato a gestire la struttura, e Swiss Prime Site, l’attuale proprietario, ne annuncia una profonda ristrutturazione
Svizzera
20 ore

Terremoto in Turchia, echi anche nel nostro Paese

Le prime onde sismiche sono state registrate anche dalla stazione di misurazione di Zurigo, circa 6 minuti dopo la scossa principale
Svizzera
21 ore

Berna accoglie l’appello lanciato dalle autorità turche

La Catena svizzera di salvataggio (composta da un’ottantina di persone) è pronta a partire alla volta delle zone colpite dal violento terremoto
Svizzera
22 ore

La migrazione degli anfibi minacciata dal cambiamento climatico

Non bastava il pericolo di essere investiti durante gli spostamenti verso il luogo di deposizione: il riscaldamento globale ne sconvolge la riproduzione
Svizzera
23 ore

Sostegno e aiuti dalla Svizzera alle vittime del terremoto

Mano tesa del nostro Paese verso Turchia e Siria. Lo indica il presidente della Confederazione Alain Berset con un ‘cinguettio’
Svizzera
23 ore

Dopo il passaporto, è la carta d’identità a rifarsi il look

Il nuovo documento sarà disponibile a partire dal 3 marzo. Quelli emessi prima avranno comunque validità fino alla loro scadenza
25.04.2022 - 11:45
Aggiornamento: 15:15

Domande per la Posta? Da oggi la risposta è anche su WhatsSapp

Il Gigante Giallo annuncia l’introduzione del popolare sistema di messaggistica come ulteriore canale di comunicazione con la clientela

a cura de laRegione
domande-per-la-posta-da-oggi-la-risposta-e-anche-su-whatssapp
Foto: La Posta

La Posta diventa sempre più raggiungibile: da oggi, i clienti del Gigante Giallo possono rivolgere le proprie domande al Contact Center anche tramite WhatsApp. Il nuovo canale di comunicazione è stato attivato dopo un’approfondita fase di test interni con responso del tutto positivo. «WhatsApp come canale aggiuntivo e diretto per i clienti risponde a un’esigenza e rappresenta un’evoluzione logica», afferma Jean-Jacques Toffel, responsabile del Contact Center e delle vendite PMI della Posta.

Evoluzione che, secondo le analisi effettuate sulla clientela, è evidente nel diverso comportamento degli utenti a seconda dell’età: se la generazione dei "baby boomer" (ovvero i nati nel 1944 o più tardi) preferisce utilizzare il telefono per comunicare con un’azienda, i millennials (le persone nate dal 1980 al 1999) e soprattutto la più giovane generazione Z (nati dal 2000) preferiscono invece i social media, le web chat o i servizi di messaggistica. «Vogliamo avvicinarci ai nostri clienti e sostenerli sui canali dove sono più attivi», spiega Toeffel a proposito dell’espansione dell’offerta.

Migliore ripartizione e più tempo per le richieste più complesse

Il nuovo canale clienti della Posta è semplice e a misura di utente. Il primo contatto con l’utenza è affidato al chatbot, ovvero l’intelligenza artificiale, che accoglie i clienti e risponde autonomamente a semplici domande, come ad esempio «Dov’è il mio pacco?». Così la Posta è a disposizione dei clienti 24 ore su 24. Se una richiesta risulta essere più complessa, il chatbot la inoltra al Contact Center. Da qui sono i collaboratori a prendere in carico le richieste durante gli orari di apertura. Ed è qui che, per la Posta, sono più evidenti i vantaggi di WhatsApp come canale asincrono: i clienti non passano tempo in attesa, il canale telefonico della Posta è meno occupato, i collaboratori possono utilizzare meglio il tempo inattivo e rispondere ai messaggi WhatsApp tramite live chat. Coloro che si occupano esclusivamente di WhatsApp, circa 65 persone, possono gestire diverse richieste dei clienti contemporaneamente. Nel complesso, però, il carico di lavoro dei collaboratori risulterebbe ridotto perché le richieste potrebbero essere deviate sul nuovo canale ed essere quindi meglio distribuite, dichiara il responsabile del Contact Center Jean-Jacques Toffel. Il tempo così recuperato può essere utilizzato per casi più complessi. Toffel: «In questo modo, tutte le persone coinvolte ne beneficiano».

Generalmente, in base all’esperienza, il tempo di risposta atteso da chi contatta un servizio clienti via WhatsApp è di alcune ore. Tuttavia, le richieste vengono gestite in ordine di priorità e trattate immediatamente, a seconda della situazione. L’obiettivo dichiarato della Posta è quello di rispondere a una richiesta WhatsApp entro quattro ore, durante gli orari di apertura, se è troppo complessa per il chatbot, anche per richieste che non sono urgenti. «Ma per coloro che vogliono ricevere una risposta immediata dalla Posta, raccomandiamo ancora il canale classico via telefono o live chat», spiega Jean-Jacques Toffel.

La scelta di WhatsApp rispetto ad altri servizi di messaggistica che si stanno affermando sempre di più, è basata sul fatto che WhatsApp è ancora di gran lunga il più utilizzato in Svizzera. Di conseguenza, la Posta si è concentrata sul servizio che promette il maggior potenziale di utenti. L’architettura di sistema aperta, comunque, dà la possibilità di aggiungere in un secondo momento altri sistemi se gli utenti dovessero spostarsi in modo significativo su altre piattaforme.

La Posta segnala che, dal momento che la comunicazione tramite il servizio di messaggistica si pone in genere su un tono più colloquiale rispetto a quella tramite e-mail o lettera, con uso di abbreviazioni ed emoticon, le collaboratrici e i collaboratori della Posta hanno ricevuto una formazione specifica. Riguardo il trattamento dei dati, il Gigante Giallo ricorda che chiunque usi WhatsApp lo fa volontariamente, accettando le sue condizioni generali. Nelle proprie CG la Posta ricorda agli utenti che è loro responsabilità non trasmettere dati sensibili tramite WhatsApp.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved