ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
5 ore

Mattarella auspica Berna in programmi europei di ricerca

Per il presidente italiano ‘una collaborazione che si inserisce nel più ampio contesto europeo e contribuisce allo sviluppo del nostro continente’
Svizzera
10 ore

Sulla protezione della biodiversità la Svizzera è indietro

La Confederazione è all’ultimo posto in Europa: dal 2012 nessuna zona è stata inserita nella rete paneuropea di aree protette ‘Smeraldo’
Svizzera
11 ore

Tetto massimo ai premi di cassa malati, non se ne parla

Il Consiglio degli Stati ha respinto l’entrata in materia sulla proposta socialista di limitare i premi al 10% del reddito disponibile
Svizzera
13 ore

Cercasi mangiatori di plastica nei suoli alpini

L’Istituto federale di ricerca sulla foresta, la neve e il paesaggio ne ha analizzato la possibilità: scoperti organismi sensibili
Successione Sommaruga-Maurer
1 gior

I partiti mantengono un profilo basso

A seguito delle prime audizioni i vari gruppi partitici non si sbilanciano: per il momento nessuna raccomandazione di voto
Svizzera
1 gior

Sergio Mattarella accolto con gli onori militari

Il Consiglio federale al completo ha accolto il presidente della Repubblica italiana, il quale resterà nel Paese per una visita di Stato di due giorni
Svizzera
1 gior

Vögele Shoes chiude a fine anno e licenzia 131 persone

La società si trova attualmente al centro di una procedura di fallimento
Svizzera
1 gior

Il lupo resta ‘rigorosamente protetto’

La Convenzione di Berna respinge la richiesta svizzera di catalogare il grande predatore come specie solo ‘protetta’
24.04.2022 - 09:26
Aggiornamento: 16:25

Cresce il razzismo a scuola, nel mirino il colore della pelle

Su 630 casi di discriminazione segnalati alla Rete di consulenza per le vittime di razzismo nel 2021, 94 sono avvenuti nell’ambito della formazione

Ats, a cura de laRegione
cresce-il-razzismo-a-scuola-nel-mirino-il-colore-della-pelle
Depositphotos

Alla Rete di consulenza per le vittime del razzismo, l’anno scorso sono stati segnalati 630 casi di discriminazione razziale, la maggior parte dei quali verificatisi sul posto di lavoro e nel settore della formazione, con un sensibile incremento in quest’ultimo ambito. Le forme di discriminazione più frequenti sono state le disparità di trattamento e le ingiurie.

I motivi indicati più spesso erano la xenofobia e il razzismo contro i neri seguiti dal razzismo antimusulmano, hanno comunicato oggi la Commissione federale contro il razzismo (CFR), l’organizzazione non governativa Humanrights e la Rete di consulenza per le vittime del razzismo, aggiungendo che spicca l’incremento dei casi di ostilità nei confronti di persone di origine asiatica.

Sul totale dei casi recensiti, 106 hanno avuto luogo sul posto di lavoro e 94 nell’ambito della formazione. In quest’ultimo settore si registra un netto aumento rispetto al 2020 e la maggior parte delle segnalazioni ha riguardato episodi di razzismo contro i neri, viene precisato.

Un padre, per esempio, si è rivolto a un consultorio perché suo figlio era vittima di massicci e ripetuti attacchi verbali da parte di compagni di classe a causa del colore della pelle. Dato che il ragazzo si era difeso verbalmente, la scuola aveva adottato misure disciplinari nei suoi confronti, ignorando invece gli attacchi verbali razzisti dei suoi compagni.

Xenofobia e odio razziale

Secondo il rapporto i motivi di discriminazione indicati più spesso sono stati la xenofobia con 218 casi e il razzismo contro i neri con 207. Il razzismo contro i neri oltre che nella formazione (40), si è registrato principalmente sul posto di lavoro (37), nello spazio pubblico (26) e nel vicinato (26).

Gli episodi di razzismo antimusulmano (53) e di insulti nei confronti di persone provenienti da Paesi arabi (51) sono rimasti frequenti. La nuova categoria "ostilità nei confronti di persone di origine asiatica" conta 41 segnalazioni, soprattutto per ingiurie e altre esternazioni o illustrazioni moleste.

Il Covid mette le ali all’antisemitismo

Le dichiarazioni di antisemitismo sono leggermente aumentate: alcune riguardano la negazione e la banalizzazione dell’Olocausto, come anche teorie cospirazioniste razziste o antisemite, che sono circolate maggiormente con la pandemia del Covid. In una consulenza su tre è stata constatata una discriminazione multipla imputabile allo statuto giuridico, al genere e/o alla posizione sociale.

Come hanno indicato le tre organizzazioni la propensione delle persone a rivolgersi a un centro di consulenza contro il razzismo cresce ogni anno. Per esempio, nel 2021 la Rete di consulenza ha registrato un incremento di circa 180 annunci rispetto a soli due anni precedenti.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved