a-100-km/h-in-autostrada-buon-senso-sciocchezza-o-cerotto
Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
13 min

Da oggi migliore localizzazione per le chiamate d’emergenza

Le informazioni, provenienti dai telefoni e dai pulsanti Sos delle auto, devono essere automaticamente inoltrate alla centrale d’allarme competente
Svizzera
39 min

Aeroporto Zurigo, guasto ai check-in: operazioni a rilento

La causa è un malfunzionamento del sistema. I passeggeri vengono registrati manualmente.
Svizzera
1 ora

Retromarcia sui binari: le Ffs rinunciano ai treni bipiano

Problemi con la compensazione del rollio: quando i convogli saranno giunti a fine vita, saranno rimpiazzati da materiale rotabile standard
Svizzera
1 ora

Decolli e atterraggi stabili all’aeroporto di Zurigo

In giugno il traffico aereo al principale scalo svizzero ha ricalcato il volume del mese precedente, Ma ancora distante dall’era pre-pandemia
Svizzera
2 ore

Da domani nel piatto solo alimenti esteri. A livello statistico

L’agricoltura nazionale copre solo il 52% del fabbisogno della popolazione svizzera. E il 2 luglio cade il ‘Food Overshoot Day’
Svizzera
2 ore

Alcolici ai minorenni? Online è facile aggirare i controlli

La Croce Blu zurighese denuncia Coop e Denner: da test condotti dalla Fondazione Dipendenze Svizzera, oltre il 90% dei partecipanti ci è riuscito
Svizzera
2 ore

Cumulus contro Certo, è braccio di ferro tra Migros e Cembra

Chiusa la lunga collaborazione sul fronte delle carte di credito, è confronto aperto per contendersi i clienti
Svizzera
3 ore

‘Con la riforma Avs 21 le lavoratrici sono penalizzate’

In vista delle votazioni del 25 settembre, scende in campo i contrari, con in prima fila sindacati e Partito socialista
Svizzera
3 ore

Il matrimonio da oggi è ufficialmente una realtà

Per Roman Heggli, direttore di Pink Cross, ‘quella di oggi è una pietra miliare per la parità’
Svizzera
4 ore

Winterthur chiude i suoi rubinetti al gas russo

Per rifornire l’utenza, dal primo giugno l’azienda della città zurighese fa capo a quello acquistato in Europa occidentale
Svizzera
4 ore

Secondo booster necessario: col tempo, meno protezione

Covid-19, per il presidente della Conferenza dei direttori cantonali della sanità, l’ulteriore dose di richiamo va raccomandata al più presto
Svizzera
8 ore

Urc2022, in piena guerra si parla di ricostruzione

Lunedì e martedì prossimi occhi puntati sulla città per la conferenza sulla ricostruzione dell’Ucraina. Le risposte alle principali domande.
Svizzera
18 ore

Svizzera-Ue: Leu firma l’intesa sul contributo di coesione

La segretaria di Stato si è recata oggi a Bruxelles per colloqui esplorativi in vista di una normalizzazione delle relazioni con l’Unione europea
Svizzera
20 ore

Infosekta: teorie del complotto sempre in voga

La guerra in Ucraina continua ad alimentare le tesi cospiratorie, riferisce il centro svizzero tedesco di informazione e consigli sulle sette
Svizzera
22 ore

Mantenuta l’immunità a Roger Köppel, Molina perseguibile

Il primo è accusato di aver divulgato informazioni confidenziali. Il secondo è incolpato di aver partecipato a una dimostrazione non autorizzata.
Svizzera
22 ore

In Svizzera manca la manodopera qualificata

È il grido d’allarme che lanciano gli imprenditori. In futuro andrà meglio sfruttato il potenziale interno
Svizzera
22 ore

Grandine, danni per almeno 20 milioni di franchi

In giugno sono state fatte circa 4mila segnalazioni all’Assicurazione grandine svizzera
Svizzera
23 ore

Bus divorato dalle fiamme nei pressi di Rotsee

A bordo del torpedone, fortunatamente, vi era solo l’autista, che è riuscito a mettersi in salvo. Tragedia sfiorata oggi a mezzogiorno sulla A2
Svizzera
23 ore

Nidvaldo si conferma il cantone più attrattivo per le imprese

Ticino al 24esimo posto della classifica, ma le cose stanno per cambiare. Per le persone fisiche, a svettare è sempre Zugo (davanti a Svitto)
Svizzera
1 gior

Panne di Skyguide, conseguenze milionarie per Swiss

Il Ceo Dieter Vranckx torna sul blackout di metà giugno: ‘Se subiamo un danno finanziario indipendente da noi, è giusto reclamare un risarcimento’
Svizzera
1 gior

Torna l’obbligo di mascherina in diversi ospedali

Interessato quello cantonale dei Grigioni e alcuni nosocomi zurighesi. In Svizzera segnalate martedì oltre 33mila infezioni da Covid in sette giorni.
Svizzera
1 gior

Ventidue falle nel sistema informatico della Posta; una seria

‘Stress test’ per il Gigante Giallo, messo sotto pressione in una conferenza di hacker. Risultati tutto sommato confortanti
Svizzera
1 gior

Livia Leu a Bruxelles per colloqui esplorativi

Durante la visita ufficiale della segretaria di Stato è prevista la firma di un accordo di principio sul secondo contributo di coesione
laR
 
06.04.2022 - 05:30
Aggiornamento: 08:34

A 100 km/h in autostrada: buon senso, sciocchezza o cerotto?

La proposta è del deputato dei Verdi Raphaël Mahaim. Regazzi (Centro): efficacia irrisoria. Cattaneo (Plr): acceleriamo sulle rinnovabili indigene

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Riempi il serbatoio di benzina e il portafoglio si svuota. La guerra in Ucraina significa anche questo per gli automobilisti svizzeri. L’impennata dei prezzi di carburante e combustibili fossili è subito diventata una questione politica. Udc, Plr e Centro vogliono calmierarli: per "dare sollievo alla popolazione e all’economia", propongono di far leva in particolare sull’imposta sugli oli minerali. Adesso Raphaël Mahaim (Verdi/Vd) si inserisce nel dibattito con una proposta ‘antagonista’: ridurre da 120 a 100 chilometri orari il limite di velocità in autostrada. L’obiettivo della sua iniziativa parlamentare – anticipata martedì a ‘Le Temps’ – è duplice: geopolitico da un lato («spezzare la dipendenza nei confronti delle fonti energetiche fossili, e in particolare della Russia»), climatico dall’altro («consumare meno carburante, quindi ridurre le emissioni di CO2»). L’idea non piace al di fuori dell’area ecologista. Il consigliere nazionale del Centro Fabio Regazzi la giudica addirittura «una sciocchezza».

Eppure è stata la moderata Agenzia internazionale dell’energia (Aie) a rilanciarla. Il 18 marzo, nel pieno della guerra in Ucraina, l’organizzazione intergovernativa ha pubblicato un ‘piano in dieci punti per ridurre l’uso del petrolio’ (vedi infografica). La prima raccomandazione: ‘Ridurre di almeno 10 km/h i limiti di velocità in autostrada’. Secondo l’Aie, questa e altre azioni attuate nell’immediato nelle economie avanzate possono generare una riduzione della domanda di petrolio pari a 2,7 milioni di barili al giorno nei prossimi quattro mesi.

Di una riduzione dei limiti di velocità in autostrada «si discute anche in Francia e in Germania», rileva Mahaim. Per la Svizzera non sarebbe una novità. Il deputato ecologista – subentrato in marzo a Daniel Brélaz – ricorda che già nel 1973, all’epoca dello choc petrolifero, il Consiglio federale decretò una misura di questo tipo. Oggi viene introdotta ad hoc (in Ticino soprattutto nel Sottoceneri), quando si superano i valori limite giornalieri delle polveri fini. Sul tema, in Parlamento è pendente una mozione di Erich Hess (Udc/Be). Che va però in senso contrario: la richiesta è di aumentare il limite a 130 km/h. Il Consiglio federale si è già detto contrario.

Il provvedimento è pensato come «temporaneo», spiega il vodese a ‘laRegione’. Il Consiglio federale sarebbe chiamato a stilare un bilancio dopo qualche anno, per vedere quali sono gli effetti sul consumo di carburante e sul traffico. Ma in quanto ecologista, lui sostiene «qualsiasi misura che permetta di ridurre durevolmente le emissioni di CO2». Mahaim ha pensato anche alle domeniche senza auto, altra ‘invenzione’ risalente allo choc petrolifero. Ma in questo caso l’impatto sulla riduzione del consumo di carburante sarebbe «molto più debole». La riduzione dei limiti di velocità in autostrada, invece, permette – a un costo «molto modesto» – di raggiungere risultati «sostanziali». «Secondo le stime fatte a suo tempo dal Consiglio federale, passando da 120 a 100 km/h il consumo del parco di autovetture circolanti si ridurrebbe fino al 3%. Una riduzione maggiore di quella che si avrebbe rinnovando completamente il parco di autovetture, in particolare con veicoli elettrici», osserva il consigliere nazionale.

‘Efficacia irrisoria’

Fabio Regazzi non è d’accordo. «A me sembra una sciocchezza. Anche perché – tra cantieri, traffico e incidenti – già oggi sulla rete autostradale svizzera è difficile mantenere a lungo i 120 km/h». «Pensare che così ridurremo la dipendenza dal petrolio, russo o no, è illusorio. Le quantità di carburante risparmiato sono trascurabili, ad ogni modo non tali da consentire di ridurre significativamente questa dipendenza. L’efficacia della misura è irrisoria, il guadagno ottenuto non giustifica un simile cambiamento nelle abitudini degli automobilisti», afferma il presidente dell’Unione svizzera delle arti e mestieri.

La pensa allo stesso modo il collega al Nazionale Christian Wasserfallen (Plr): è "una pessima idea, che avrebbe soltanto piccoli effetti economici", ha dichiarato a ‘Le Temps’. Inoltre "si può già viaggiare a 100 km/h, nessuno lo impedisce", ha ricordato la consigliera agli Stati Marianne Maret (Centro/Vs). "Per contenere le spese, la cosa migliore resta quella di non attendere le decisioni del Parlamento, ma di rimettere in discussione il proprio modo di condurre e di utilizzare il proprio veicolo", ha detto la ‘senatrice’ al quotidiano ginevrino.

I partiti borghesi però sono già partiti lancia in resta. A metà marzo Plr, Alleanza del Centro e Udc hanno annunciato un pacchetto di misure rapide e limitate nel tempo per sgravare famiglie e aziende. Dovrebbero concentrarsi su una riduzione dell’imposta sugli oli minerali, prelevata su carburanti e combustibili. Ad esempio: in due mozioni identiche, il ‘senatore’ e presidente dell’Udc Marco Chiesa e il consigliere nazionale Christian Imark chiedono che venga almeno dimezzata per un massimo di quattro anni. L’effetto sarebbe una marcata riduzione dei prezzi di benzina, diesel e combustibile.

La Svizzera non è l’unico paese che ci sta pensando. Efficace in termini monetari, la misura resta però controversa. La stessa Aie mette in guardia: "Laddove possibile – si legge nel suo rapporto – le misure in materia di prezzi dovrebbero essere predisposte in maniera oculata, dando la priorità alle fasce più indigenti della popolazione e a coloro per i quali l’auto è elemento indispensabile di attività economica".

‘Farmaco che aggrava la malattia’

Mahaim coglie la palla al balzo. Ridurre il prezzo della benzina «sarebbe come somministrare un farmaco che aggrava la malattia, cioè la dipendenza dalle energie fossili». Il vodese è convinto: «La proposta di Udc, Plr e Centro è completamente assurda». È però più efficace in termini di mantenimento del potere d’acquisto. Mahaim concede: «Ridurre a 100 km/h il limite di velocità in autostrada dovrebbe permettere a un’economia domestica di risparmiare circa 70 franchi all’anno: niente di spettacolare. Ma qui si tratta anzitutto di evitare che la benzina diventi ancor più attrattiva. Tutti trarrebbero profitto da una diminuzione del prezzo alla pompa, una misura a innaffiatoio. Noi Verdi invece siamo favorevoli ad altre misure, mirate (come la riduzione dei premi di cassa malati, magari anche deduzioni fiscali ecc.), che consentano di mantenere il potere d’acquisto di chi veramente ne ha bisogno». Regazzi non si scompone: «Sì, sarebbe una misura a innaffiatoio. Ma non possiamo pretendere da chi fa benzina che mostri la dichiarazione dei redditi. Comunque, il provvedimento avrebbe una durata limitata. Sarebbe in un certo senso un male minore, durante un lasso di tempo che speriamo sia il più breve possibile».

‘Politica dei cerotti’

Rocco Cattaneo non vede di buon occhio né l’una, né l’altra soluzione. Soluzione? «Bisogna finirla con la politica dei cerotti. La guerra in Ucraina potrebbe durare mesi. Ma poi, dopo un accordo di pace, i prezzi potrebbero anche scendere rapidamente», dice alla ‘Regione’ il consigliere nazionale del Plr. Anche per Cattaneo «l’indipendenza energetica è cruciale». Ma «se vogliamo davvero ridurre la dipendenza dalle fonti energetiche fossili importate dall’estero, anche dalla Russia, dobbiamo investire per esaurire il potenziale dell’idroelettrico e sviluppare le rinnovabili indigene: solare, eolico, biomassa. Dobbiamo accelerare, stiamo andando troppo piano». Non arranchiamo solo sul quel fronte, secondo il deputato montecenerino: «Serve anche un accordo sull’elettricità con l’Europa, se vogliamo evitare il rischio più grosso per la popolazione svizzera: un black-out».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved