ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
2 ore

‘Penso troppo poco ai ‘segnali’, forse mi baso troppo sui fatti’

La consigliera agli Stati socialista Eva Herzog è la favorita per la successione di Simonetta Sommaruga in Consiglio federale. Intervista.
friburgo
9 ore

Tribunale cantonale assolve in appello 27 attivisti per clima

Avevano bloccato l’entrata di un centro commerciale il 29 novembre 2019 in occasione della giornata del Black Friday.
richiedenti asilo
9 ore

Revocata l’attribuzione anticipata ai Cantoni

Nei centri federali è di nuovo disponibile un numero di posti letto sufficiente per accogliere i richiedenti appena arrivati
Svizzera
16 ore

Mattarella auspica Berna in programmi europei di ricerca

Per il presidente italiano ‘una collaborazione che si inserisce nel più ampio contesto europeo e contribuisce allo sviluppo del nostro continente’
Svizzera
20 ore

Sulla protezione della biodiversità la Svizzera è indietro

La Confederazione è all’ultimo posto in Europa: dal 2012 nessuna zona è stata inserita nella rete paneuropea di aree protette ‘Smeraldo’
Svizzera
22 ore

Tetto massimo ai premi di cassa malati, non se ne parla

Il Consiglio degli Stati ha respinto l’entrata in materia sulla proposta socialista di limitare i premi al 10% del reddito disponibile
Svizzera
23 ore

Cercasi mangiatori di plastica nei suoli alpini

L’Istituto federale di ricerca sulla foresta, la neve e il paesaggio ne ha analizzato la possibilità: scoperti organismi sensibili
Successione Sommaruga-Maurer
1 gior

I partiti mantengono un profilo basso

A seguito delle prime audizioni i vari gruppi partitici non si sbilanciano: per il momento nessuna raccomandazione di voto
Svizzera
1 gior

Sergio Mattarella accolto con gli onori militari

Il Consiglio federale al completo ha accolto il presidente della Repubblica italiana, il quale resterà nel Paese per una visita di Stato di due giorni
Svizzera
1 gior

Vögele Shoes chiude a fine anno e licenzia 131 persone

La società si trova attualmente al centro di una procedura di fallimento
02.04.2022 - 13:46
Aggiornamento: 14:49

In caso di guerra, spazio aereo difeso per massimo un mese

Per il capo dell’esercito Thomas Süssli, ‘per una protezione adeguata dei cieli svizzeri, quattro aerei dovrebbe sempre essere in volo’

Ats, a cura de laRegione
in-caso-di-guerra-spazio-aereo-difeso-per-massimo-un-mese
Keystone
Il capo dell’esercito svizzero

Attualmente, nonostante quanto sta accadendo in Ucraina, la Svizzera non è direttamente minacciata. Tuttavia, in caso di problemi maggiori, la Confederazione potrebbe difendere il suo spazio aereo per un mese al massimo, spiega il capo dell’esercito, Thomas Süssli, alla Schweiz am Wochenende.

Frattanto, però, a causa del conflitto ucraino, la Svizzera ha potenziato le sue capacità cyber e la polizia aerea, aggiunge Süssli. A suo parere, per una difesa adeguata quattro jet da combattimento dovrebbero essere sempre in volo.

Anche con l’arrivo di 36 jet F-35 di fabbricazione americana – su cui pende un’iniziativa popolare contraria all’acquisto, ndr – la capacità del nostro Paese in fatto di difesa dello spazio aereo non supererebbe il mese. "Nel 2003, la capacità di difesa dell’esercito è stata rivista con un occhio alla qualità piuttosto che alla quantità".

Tuttavia, il capo dell’esercito si mostra rassicurante: "sulla Confederazione non pende al momento alcuna minaccia militare. Non ci sono segnali che vanno in questa direzione, anche se il rischio è più alto di prima. Considerazioni simili valgono anche per la minaccia nucleare".

L’adesione alla Nato non è un tema. Ma...

In merito ad un’eventuale adesione alla Nato, Süssli affermache tale scenario non è all’ordine del giorno, anche se la situazione è tesa. "Tuttavia, se la Svizzera fosse coinvolta in una guerra, i suoi obblighi di neutralità verrebbero meno e potrebbe, per esempio, collaborare con i Paesi vicini. Per questo è importante che i sistemi militari elvetici siano compatibili con quelli dei Paesi che ci circondano e che vengano organizzate esercitazioni comuni".

In merito a una cooperazione con l’Unione europea nel settore della sicurezza (Pesco), la Svizzera sta esaminando come sia possibile partecipare a progetti nel settore dell’aeronautica, dell’esercito e dell’innovazione. Circa la partecipazione alla sorveglianza aerea europea, per Süssli si tratta soprattutto di una questione politica. "Il problema della neutralità si pone infatti se un Paese con cui la Svizzera ha un accordo è coinvolto in un conflitto".

Donbass e Ucraina già osservati speciali prima del 24 febbraio

Per Süssli, "i servizi segreti e militari tenevano sotto osservazione il dispiegamento delle truppe russe ai confini con l’Ucraina già prima dell’invasione. Già il 12 febbraio si pensava che un attacco fosse imminente. Allora stimavamo ‘molto probabile’ che qualcosa sarebbe successo nel Donbass. Consideravamo invece ‘piuttosto improbabile’ che le truppe russe sarebbero avanzate verso Kiev. L’intelligence militare aveva concluso che le truppe russe in Bielorussia non avevano mezzi a sufficienza".

Dall’invasione, Süssli segue la situazione "molto da vicino", con informazioni quotidiane e messaggi che gli vengono recapitati, spesso da fonti di intelligence, mediante una messaggistica sicura. Si tiene anche aggiornato sull’andamento della guerra informandosi su Twitter e Telegram, dove ha trovato "fonti affidabili". Al giornale ha tuttavia ammesso che bisogna "essere prudenti". È in corso anche una guerra d’informazione e non si deve credere a tutto ciò che si legge.

Süssli invira poi a una riflessione su come la situazione possa cambiare rapidamente. In merito alle minacce, "quando sono entrato in carica nel gennaio 2020 pensavo che lo scenario più probabile fosse un blackout elettrico. Poi abbiamo avuto una pandemia, e ora una guerra in Europa".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved