ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
2 ore

L’onere normativo a carico delle imprese va ridotto

Lo sostiene il Consiglio federale, che ha adottato un progetto di legge a destinazione del Parlamento
Svizzera
2 ore

Stati, Mathilde Crevoisier Crelier al posto di Baume-Schneider

La socialista, municipale di Porrentruy, ha annunciato oggi al governo del canton Giura di aver accettato la nomina.
Svizzera
5 ore

Con la Ue la via bilaterale resta la più vantaggiosa

È la conclusione a cui giunge la bozza del rapporto sul tema Confederazione elvetica-Unione europea adottato dal Consiglio federale
Svizzera
7 ore

‘Per favorire la sicurezza si tolgano le strisce pedonali’

Fa discutere l’indicazione dell’Upi, secondo cui in una strada del comune di Hünenberg (Zg) vanno tolte le strisce gialle: ‘Lì son troppo pericolose’
Svizzera
8 ore

Riforma Avs21: dal 2025 aumenterà l’età pensionabile delle donne

A partire dal 1° gennaio 2024 invece vi sarà l’aumento dell’Iva per finanziare la riforma
Svizzera
10 ore

Sergio Ermotti nel Cda di Innosuisse

L’ex Ceo di Ubs è stato nominato oggi dal Consiglio federale ed entrerà in carica dal primo gennaio
Svizzera
10 ore

Sorpasso a destra, non si rischia più la patente

Il ritiro resta possibile, ma non è più automatico: il Tribunale federale applica per la prima volta la nuova prassi
Svizzera
10 ore

‘L’iniziativa anti-vaccini va respinta’

A ribadirlo il governo. Se approvata, questa causerebbe un’incertezza del diritto in diversi settori. Inoltre a oggi non vi è un obbligo vaccinale
Svizzera
12 ore

La casetta in campagna sì... ma vicino a una città

Metà degli intervistati da Comparis dichiara di voler vivere in campagna, mentre solo un quarto preferisce le città. I ticinesi i più restii a spostarsi
Svizzera
13 ore

Secondo tunnel del San Gottardo: potenziale presenza di amianto

Nel frattempo sono state prese misure per proteggere i lavoratori e la popolazione, ha indicato oggi l’Ufficio federale delle strade
30.03.2022 - 11:48
Aggiornamento: 14:54

Task force e bilanci: ‘Migliorare cooperazione scienza-politica’

Il gruppo di esperti, che verrà sciolto domani, nel suo rapporto finale, chiede per il futuro una collaborazione più strutturata

Ats, a cura de laRegione
task-force-e-bilanci-migliorare-cooperazione-scienza-politica
Keystone

A due anni dall’inizio della pandemia di Covid-19 e nell’imminenza della sua dissoluzione, la Task force scientifica della Confederazione ha tracciato il bilancio della sua attività. Nel suo rapporto finale, chiede per il futuro una cooperazione più strutturata tra scienza e politica.

Dopo un inizio difficile, i vari comitati hanno collaborato in maniera stretta e costruttiva, si legge nel rapporto pubblicato ieri sera tardi su Twitter. Il documento, disponibile solo in tedesco, è scaricabile sul sito della Task force, sciencetaskforce.ch.

La valutazione dei vantaggi e degli svantaggi delle strategie di gestione della pandemia è stata centrale nel lavoro della Task force. Ciò comprendeva la valutazione dei rischi per la salute, l’economia e la società quando il virus circolava ampiamente, ma anche la necessità di convincere il pubblico dei benefici dei vaccini e delle maschere. L’organo consultivo ha anche contribuito a un rapido ed efficiente scambio di informazioni, sia a livello nazionale che internazionale.

Rispetto ad altri paesi, la Task force ha fatto in modo di riunire una vasta gamma di competenze. Si trattava di tener conto del fatto che la pandemia non è stata solo una grave crisi sanitaria, ma che ha avuto un impatto su tutti i settori della vita. Questo approccio interdisciplinare ha dimostrato di essere valido, si legge nel rapporto.

Tensione tra scienza e politica

In una situazione di crisi, è essenziale che un organo consultivo scientifico abbia una chiara comprensione del suo ruolo. La netta separazione tra il processo decisionale politico e la conoscenza scientifica è importante. "La scienza consiglia, la politica decide", indica il documento.

Tuttavia, la Task force riconosce che a volte è stato difficile presentare una valutazione scientifica delle misure in modo differenziato, senza difendere la propria opinione politica. Questo è stato il caso soprattutto quando il pubblico si aspettava una presa di posizione chiara.

Una struttura quadro per il futuro

L’ente propone di stabilire un quadro nazionale per la futura cooperazione tra politica e scienza. Ciò assicurerebbe qualità delle relazioni, fiducia, legittimità e scambio di dati e informazioni fin dal primo giorno di una crisi. Questa struttura dovrebbe essere istituita già al di fuori di periodi critici.

Per gli autori del rapporto si tratta anche di mettere le competenze scientifiche a disposizione di tutti i dipartimenti federali, piuttosto che solo di alcuni organismi o dipartimenti. Questo faciliterebbe la presentazione trasparente di tutti gli aspetti per chi deve poi prendere le decisioni.

La pandemia non è finita

Per quanto riguarda il coronavirus, sarà necessario continuare a monitorare l’evoluzione delle infezioni, le varianti in circolazione e l’immunità della popolazione nei prossimi dodici mesi, nota la Task force, ribadendo quanto affermato nella sua centesima e ultima conferenza stampa della scorsa settimana. L’organismo sarà sciolto domani 31 marzo.

Se emergessero nuove varianti o se l’immunità di gregge diminuisse, sarebbe necessario rispondere rapidamente attraverso la vaccinazione, misure o dispositivi ad hoc negli ospedali.

La pandemia di Covid-19 non è finita, conclude la Task force. Ma la fase acuta della crisi sì. Sta iniziando una nuova fase, in cui politica e responsabilità individuale diverranno centrali.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved