il-ticino-e-preparato-per-una-futura-pandemia
Ti-Press
21.02.2022 - 18:46

‘Il Ticino è preparato per una futura pandemia?’

Lo chiede un atto parlamentare del Gruppo Udc che coglie l’occasione per sapere se il Piano del 2007 sarà aggiornato

"A due anni esatti dal primo caso in Ticino di Covid-19 e considerata l’evoluzione pandemica in questo difficile periodo, chiediamo al governo se abbia iniziato o meno a raggruppare tutti i dati fin qui assunti, così come l’analisi dell’operatività adottata in tutti i settori toccati: sanitario, logistico, economico e finanziario. Non meno anche l’operatività politica e il tema della comunicazione rivolta alla popolazione". È quanto affermano in una interrogazione presentata a nome del Gruppo Udc, i deputati Roberta Soldati e Tiziano Galeazzi.

Tra le altre cose, si chiede al governo se sia "già stato implementato e organizzato un Comitato (task force) interdisciplinare per la raccolta dati, analisi degli stessi e revisione dell’ultimo Piano operativo sanitario, logistico e di continuità del Cantone Ticino in caso di pandemia d’influenza (Poslcpi) situazione al 14 dicembre 2007". "Se sì, quando sarà operativo il nuovo Piano nel caso di una futura pandemia?". E poi, "ritenuta l’esperienza di questi ultimi due anni, prevede il governo di farsi parte attiva e discutere con le autorità federali per trovare degli accordi chiari e puntuali con le autorità italiane sui quesiti che venivano già sollevati a pag. 26 del Piano del 2007 (ad esempio sulla requisizione del personale sanitario da parte della vicina Repubblica, circolazione delle ambulanze, beni e persone necessari al funzionamento della regione ecc.)?". "Se no, come mai e quanto tempo prevede il governo per potere aggiornare il Piano?".

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
due anni esatti futura pandemia pandemia ticino
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved