ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
54 min

Dopo Sommaruga: Baume-Schneider e Herzog su ticket femminile

Lo ha deciso il gruppo parlamentare del Partito socialista. La consigliera agli Stati e la senatrice basilese in corsa per il Consiglio federale.
Svizzera
2 ore

Dai frontalieri alla black list: faccia a faccia a Varese

Colloquio per i dossier aperti fra il consigliere federale Ueli Maurer e il ministro italiano dell’economia e delle finanze Giancarlo Giorgetti
Svizzera
2 ore

Suicidio assistito: Cappato si autodenuncia a Milano

Il tesoriere dell’Associazione Luca Coscioni rischia fino a dodici anni di carcere per aver accompagnato in Svizzera un malato di 82 anni
Svizzera
4 ore

La mafia nella Confederazione ha cellule in ‘luoghi noti’

La riflessione del procuratore generale della Confederazione Stefan Blättler che lancia un monito: ‘Bisogna fare un passo avanti’
Svizzera
21 ore

Aviazione: crescono i passeggeri, ma non a livelli pre-Covid

L’evoluzione mensile dei viaggiatori ha mostrato ritmi di recupero superiori in luglio, rispetto ad agosto e settembre
Svizzera
23 ore

Il ‘giallo’ di Zermatt: non si trova più il segretario comunale

Nessun avviso formale di scomparsa, ma l’uomo, già comandante delle Guardie Svizzere in Vaticano, sembra sparito senza lasciare traccia
Svizzera
1 gior

Troppo poche le vaccinazioni anti-Covid fra le persone a rischio

È l’allarme lanciato dai direttori cantonali della sanità: ad oggi solo poco più del 20% degli over 65 ha ricevuto il richiamo
Svizzera
1 gior

Metà delle adolescenti in Svizzera è vittima di molestie sul web

Nel 2014 la percentuale era ancora del 19%. Ancora bassa la consapevolezza sulla sicurezza dei dati su internet e l’uso delle impostazioni sulla privacy
10.02.2022 - 15:58

Pessimi voti a tre centri di partenza bernesi

La Commissione per la prevenzione della tortura è ‘preoccupata per le condizioni di vita dei bambini e delle loro famiglie’

pessimi-voti-a-tre-centri-di-partenza-bernesi
Keystone
Nei tre centri esaminati le donne non si sentono sicure nelle aree comuni

Berna – La Commissione nazionale per la prevenzione della tortura (CNPT) è “preoccupata per le condizioni di vita dei bambini e delle loro famiglie” nei centri di partenza. È quanto emerge da un rapporto, pubblicato oggi, sulla base delle visite in tre centri del Canton Berna.

Tra maggio e agosto dello scorso anno, la CNPT ha vistato i centri di partenza di Aarwangen, Bienne e Gampelen. I primi due ospitano famiglie con bambini, ma entrambe le strutture “sono malandate e l’infrastruttura è vetusta”, indica la Commissione in un comunicato odierno, sottolineando anche che gli spazi per queste famiglie sono molto ristretti.

Violata la Convenzione sui diritti del fanciullo

Stando alla presidente della CNPT, tali condizioni non sono compatibili con la Convenzione sui diritti del fanciullo dell’ONU, poiché violano il diritto del bambino ad avere un livello di vita sufficiente – articolo 27 – così come il diritto al riposo e al tempo libero e il diritto di dedicarsi al gioco e ad attività ricreative proprie della sua età (art. 31).

In tutti e tre i centri bernesi visitati dalla CNPT, inoltre, è emerso che le donne non si sentono sicure – soprattutto di notte – nelle aree a uso comune degli alloggi. “Le donne sole con bambini – scrive la Commissione – dovrebbero essere alloggiate separatamente dalle famiglie con membri maschili. Infine, tutte le donne e le ragazze dovrebbero avere un accesso sicuro ai servizi igienici, anche di notte, senza dover temere molestie”.

La CNPT è dell’avviso che sia necessario migliorare la sicurezza delle donne – ad esempio separando donne e ragazze dagli uomini – e l’infrastruttura in tutti e tre i centri. Raccomanda inoltre al Cantone di Berna di collocare in linea di principio i bambini e le loro famiglie in appartamenti.

Il Canton Berna si difende

La visita della Commissione è stata fatta su richiesta della Direzione della sicurezza del Cantone di Berna. Le autorità cantonali, prendendo atto del rapporto, promettono di apportare miglioramenti “dove ha senso ed è legalmente ammissibile”, scrive il Canton Berna in un comunicato, precisando che a partire da metà febbraio entrerà in funzione un centro a Worb (BE) esclusivamente rivolto a famiglie con bambini e donne sole.

Tuttavia, le autorità bernesi ritengono che la critica sulla violazione dei diritti dei bambini sia una “valutazione politica”. Inoltre, a loro avviso, tutte le proposte che violano il diritto federale – ad esempio la richiesta di occupazione o la sistemazione delle famiglie in appartamenti separati – non possono essere attuate. La Direzione della sicurezza, come “organo operativamente responsabile”, non è il corretto destinatario di queste critiche, spiega, rilanciando la palla alla Confederazione.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved