energia-eolica-alto-il-potenziale-di-collisione-con-il-gipeto
Keystone
Pale contro ali
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
1 ora

Preventivo 2023: eccedenza di 0,3 miliardi ma nubi all’orizzonte

Dal 2024 in poi le direttive del freno all’indebitamento non potranno essere rispettate e sarà quindi necessario adottare contromisure.
Svizzera
2 ore

Materie prime: ‘Serve maggiore trasparenza’

Il Consiglio federale ha deciso di voler raccogliere maggiori dati statistici su un settore sul quale aleggia una certa opacità
Svizzera
3 ore

Proposta una tassa per le auto elettriche

Lo suggerisce il Consiglio federale. Queste vetture non sottostanno alle tasse sui carburanti, utilizzate anche per finanziare le infrastrutture stradali.
Svizzera
4 ore

Veicoli più sicuri, al via la consultazione

Si mira a introdurre sistemi di assistenza alla guida e ad adottare un nuovo tachigrafo in grado di monitorare il rispetto degli orari degli autisti
Svizzera
4 ore

Alloggi protetti, anche in Ticino ne servono di più

Secondo un rapporto adottato oggi dal Consiglio federale anche nella Svizzera occidentale e in quella centrale sono necessarie maggiori strutture
Svizzera
5 ore

La polizia ferma con il taser un uomo armato di ascia a Berna

Il 51enne ha minacciato gli agenti rifiutandosi di gettare le armi. Fermata anche una donna che ha disturbato l’operazione di polizia.
Svizzera
8 ore

Dal traffico costi annui per 1’600 pro capite

Nel 2019 la spesa complessiva per danni all’ambiente e alla salute ha raggiunto i 14 miliardi di franchi
Svizzera
22 ore

Novartis taglia 1’400 posti di lavoro in Svizzera

La riduzione degli impieghi riguarda il 10% dei posti occupati nella Confederazione
Svizzera
23 ore

In Svizzera +34% di contagi da coronavirus in sette giorni

Nell’ultima settimana sono stati registrati 33’108 casi. In terapia intensiva il 6% dei letti è occupato da pazienti Covid
09.02.2022 - 16:14
Ats, a cura de laRegione

Energia eolica, alto il potenziale di collisione con il gipeto

Uno studio dell’Università di Berna evidenzia i rischi per il rapace nelle Alpi. Particolarmente pericolosi sono i versanti esposti a sud.

Berna – Nelle Alpi esiste un conflitto nell’uso dello spazio aereo tra i rapaci e le pale delle turbine eoliche. Entrambi abbisognano di condizioni del vento adeguate che spesso si sovrappongono. Lo indica uno studio dell’Università di Berna condotto sui gipeti barbuti.

Utilizzando i dati forniti da 28 esemplari dotati di segnalatori GPS durante sei anni, i ricercatori – il cui studio è stato pubblicato sulla rivista “Royal Society Open Science” – hanno scoperto che il 74% delle posizioni GPS è stato registrato a un’altezza inferiore a 200 metri. Questo dato concorda con precedenti studi condotti in Sudafrica.

Di conseguenza, notano i ricercatori, si può affermare che i gipeti nelle Alpi svizzere sono attivi per la maggior parte del tempo in una fascia di altitudine pericolosa, dove potrebbero verificarsi collisioni se in tali luoghi fossero installati parchi eolici.

Il potenziale di rischio di collisione è particolarmente elevato sui versanti esposti a sud, nelle zone dove la probabilità per il gipeto di trovare carcasse di stambecco sono più elevate. In queste aree i venti ascendenti utilizzati da questi rapaci sono frequenti.

77% dell’habitat è a rischio

Lo studio ha permesso di stabilire che il 77% dell’habitat del gipeto barbuto (che corrisponde al 30% dell’intero arco alpino Svizzero) presenta un potenziale rischio di collisione tra il rapace e una ipotetica centrale eolica. Le zone maggiormente interessate, che i ricercatori hanno illustrato su una cartina, sono le Alpi Pennine, quelle Bernesi, quelle Glaronesi e quelle Retiche.

L’auspicio dei ricercatori è che lo studio possa guidare le autorità e le aziende elettriche nella pianificazione dei parchi eolici. L’analisi si è concentrata solo sul gipeto barbuto, ma anche altri animali come i pipistrelli, gli uccelli migratori e l’aquila reale vanno ovviamente presi in considerazione, ha indicato l’autore principale della ricerca Sergio Vignali a Keystone-Ats.

Con la sua équipe sta del resto già elaborando una mappa del rischio proprio per l’aquila reale. Due settimane fa, BirdLife aveva annunciato la morte di una aquila reale dopo che questa aveva urtato una pala di una turbina eolica del sito del Mont-Soleil, nel Giura bernese. Secondo l’associazione di protezione della natura e degli uccelli, l’incidente, che risale allo scorso novembre, costituisce il primo caso documentato in Svizzera.

Il gipeto barbuto

Con un’apertura alare di quasi tre metri, il gipeto barbuto è l’uccello più grande delle Alpi. Può vivere fino a 40 anni in cattività; in natura circa 25. In Europa all’inizio del XX secolo si era estinto, come specie nidificante, in tutto l’arco alpino e in vaste aree dei Carpazi, dei Balcani e dei Pirenei.

Nel 1986, i primi giovani gipeti sono stati liberati in natura in Austria, nel parco nazionale degli Alti Tauri, al fine di ricostruire una popolazione nelle Alpi. Da allora, più di 220 giovani uccelli sono stati rilasciati nella regione alpina. Attualmente vivono in Svizzera 24 coppie di uccelli nidificanti selvatici.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
alpi gipeto barbuto pale eoliche rischio studio
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved