gravi-lacune-nelle-perizie-degli-esperti-dell-ai
Keystone
Inclusion Handicap ha raccolto le segnalazioni degli utenti
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
8 ore

La legge più inutile? Vietare le campane al collo delle mucche

Lo ha stabilito l’associazione ‘IG Freiheit’, che ha conferito l’annuale riconoscimento a una norma fatta valere a Berikon, nel canton Argovia
Svizzera
11 ore

Manifestarono a seno nudo per l’8 marzo, sei donne prosciolte

Le militanti femministe erano accusate di manifestazione vietata secondo le norme Covid, disturbo alla quiete pubblica e di abbigliamento indecente
Svizzera
14 ore

Negazionista multirecidivo condannato a sei mesi di carcere

L’uomo aveva definito la Shoah una frode e postato varie tesi razziste sui social. Nessuna sospensione condizionale concessa: dovrà scontare la pena
Svizzera
15 ore

Vittime di violenza, servono centri di prima assistenza

Lo indica una mozione della ticinese Marina Carobbio Guscetti, e che il Consiglio federale si dice pronto ad accogliere
Svizzera
15 ore

Per Smood un Ccl con migliori condizioni di lavoro. Unia critica

Il Ccl negoziato prevede un salario minimo di 23 fr./ora e un minimo di 4 ore di lavoro settimanali garantite. Dovrà ora essere accettato dal personale
Svizzera
16 ore

Più mezzi ai servizi segreti contro l’estremismo violento

Fra le novità poste in consultazione l’accresciuta sorveglianza dell’estremismo violento, anche con metodi di controllo intrusivi, e dei flussi finanziari
Svizzera
17 ore

Ciclista ubriaco dà in escandescenze alla centrale di polizia

Movimentato fermo di un uomo in sella alla sua bici in stato di ebbrezza ieri sera a Weinfelden
Svizzera
18 ore

Passo del Furka, riapertura anticipata al 25 maggio

Inizialmente previsto per il 10 giugno, il via libera è stato anticipato poiché i lavori di sgombero della neve e di ripristino sono a buon punto
Svizzera
18 ore

Servizio universale, statu quo della ComCom fino a fine 2023

Complice la revisione dell’ordinanza sui servizi di telecomunicazione, la concessione a Swisscom sarà prolungata d’ufficio di un anno
26.01.2022 - 14:53
Aggiornamento : 17:42

‘Gravi lacune nelle perizie degli esperti dell’Ai’

Inclusion Handicap punta il dito contro istituti ed esperti che non soddisfano requisiti di base per garantire la qualità della valutazione

Ats, a cura de laRegione

Berna – Le perizie mediche hanno un ruolo decisivo nella valutazione della capacità lavorativa delle persone con disabilità e di conseguenza sul diritto a una rendita dell’assicurazione invalidità (AI). Dalle segnalazioni raccolte da Inclusion Handicap emerge però che alcuni istituti ed esperti non soddisfano requisiti di base per garantire la qualità della valutazione.

L’87% delle persone interessate riferisce che gli esperti non hanno esaminato il loro problema di salute, la loro disabilità o qualsiasi altra limitazione delle loro capacità. Quasi il 74% descrive l’atmosfera durante il colloquio come pessima o cattiva, spiega l’organizzazione mantello delle associazioni di disabili in un comunicato stampa e un rapporto pubblicati oggi. In queste condizioni, non è possibile redigere valutazioni affidabili.

Inclusion Handicap sottolinea inoltre che le perizie sono troppo spesso assegnate e redatte con l’obiettivo di evitare, se possibile, che si arrivi a versare una rendita di invalidità. Invita quindi la commissione di garanzia della qualità, che agisce come organo di controllo, e i responsabili dell’AI ad analizzare la cooperazione con gli istituti di valutazione e gli esperti che non soddisfano gli standard minimi.

Esperti discutibili

Le nuove disposizioni applicabili dall’inizio di quest’anno che prevedono una maggiore trasparenza sono positive, ma non migliorano la situazione per tutti gli assicurati, afferma Petra Kern, responsabile del dipartimento assicurazioni sociali di Inclusion Handicap citata nel comunicato.“Gli istituti e gli esperti discutibili sono noti a tutti. I casi basati sulle loro perizie devono essere esaminati e il diritto alla rendita delle persone interessate deve essere rivisto”, ha aggiunto.

I media alla fine del 2019 hanno evidenziato una serie di malfunzionamenti nel campo delle perizie mediche che hanno suscitato interventi politici in Parlamento. Il consigliere federale Alain Berset aveva annunciato l’avviso di un’inchiesta esterna per analizzare i malfunzionamenti e determinare le misure correttive. I risultati sono disponibili dall’autunno 2020.

Centro di segnalazione online

Inclusion Handicap ha accolto con favore questa iniziativa e ha aperto un centro di segnalazione online per le perizie AI all’inizio del 2020. Tra febbraio e ottobre di quell’anno, sono state inoltrate più di 700 segnalazioni da parte di assicurati, dei loro rappresentanti legali e di medici curanti. La valutazione di 613 dichiarazioni tra la fine di febbraio 2020 e la fine di ottobre 2021 ha rivelato un gran numero di malfunzionamenti. Il relativo rapporto è stato pubblicato oggi da Inclusion Handicap.

In base al nuovo regolamento le perizie dell’AI a disciplina unica possono sfociare in una procedura di conciliazione solo se la persona si oppone attivamente all’esperto nominato. “Purtroppo, però, questo non cambia il fatto che alcuni uffici AI assegnano deliberatamente perizie in modo orientato al risultato”, afferma l’associazione. Per evitare di ritrovarsi nelle mani di esperti inaffidabili, l’organizzazione sul suo sito web fornisce informazioni sulla procedura di assegnazione delle perizie e sui passi da intraprendere quando si intende contestare l’esperto.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
esperti inclusion handicap invalidità istituti perizie
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved