appesero-lo-striscione-kill-erdogan-da-martedi-a-processo
Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
2 ore

La legge più inutile? Vietare le campane al collo delle mucche

Lo ha stabilito l’associazione ‘IG Freiheit’, che ha conferito l’annuale riconoscimento a una norma fatta valere a Berikon, nel canton Argovia
Svizzera
5 ore

Manifestarono a seno nudo per l’8 marzo, sei donne prosciolte

Le militanti femministe erano accusate di manifestazione vietata secondo le norme Covid, disturbo alla quiete pubblica e di abbigliamento indecente
Svizzera
7 ore

Negazionista multirecidivo condannato a sei mesi di carcere

L’uomo aveva definito la Shoah una frode e postato varie tesi razziste sui social. Nessuna sospensione condizionale concessa: dovrà scontare la pena
Svizzera
8 ore

Vittime di violenza, servono centri di prima assistenza

Lo indica una mozione della ticinese Marina Carobbio Guscetti, e che il Consiglio federale si dice pronto ad accogliere
Svizzera
9 ore

Per Smood un Ccl con migliori condizioni di lavoro. Unia critica

Il Ccl negoziato prevede un salario minimo di 23 fr./ora e un minimo di 4 ore di lavoro settimanali garantite. Dovrà ora essere accettato dal personale
Svizzera
9 ore

Più mezzi ai servizi segreti contro l’estremismo violento

Fra le novità poste in consultazione l’accresciuta sorveglianza dell’estremismo violento, anche con metodi di controllo intrusivi, e dei flussi finanziari
Svizzera
10 ore

Ciclista ubriaco dà in escandescenze alla centrale di polizia

Movimentato fermo di un uomo in sella alla sua bici in stato di ebbrezza ieri sera a Weinfelden
Svizzera
11 ore

Passo del Furka, riapertura anticipata al 25 maggio

Inizialmente previsto per il 10 giugno, il via libera è stato anticipato poiché i lavori di sgombero della neve e di ripristino sono a buon punto
Svizzera
11 ore

Servizio universale, statu quo della ComCom fino a fine 2023

Complice la revisione dell’ordinanza sui servizi di telecomunicazione, la concessione a Swisscom sarà prolungata d’ufficio di un anno
Svizzera
13 ore

Caro-carburanti, da Berna niente sgravi sui dazi

Per ora non sussiste alcuna necessità immediata di adottare misure compensatorie: così il governo risponde a diversi interventi parlamentari
Svizzera
14 ore

Fondi russi bloccati: ‘Sanzioni di ampiezza e peso mai visti’

Parole di elogio dall’ambasciatore americano nella Confederazione per gli sforzi di Berna nella ricerca dei capitali da congelare: ‘Sforzi immensi’
Svizzera
14 ore

Sostegno secolare a favore di 3’000 progetti e associazioni

Rosso semi-trasparente: è il centesimo distintivo del 1° agosto di Pro Patria. Dalla sua creazione, stanziati quasi 500 milioni di franchi
16.01.2022 - 17:38

Appesero lo striscione ‘Kill Erdogan’, da martedì a processo

I quattro imputati, chiamati a presentarsi davanti alla giustizia bernese, nel 2017 protestarono durante una manifestazione per la democrazia in Turchia

Ats, a cura de laRegione

La giustizia bernese sarà occupata martedì e mercoledì a esaminare gli eventi del 25 marzo 2017 a Berna, quando presunti attivisti di sinistra hanno esposto uno striscione “Kill Erdogan” durante una manifestazione per la democrazia in Turchia. Quattro persone saranno sul banco degli imputati, in particolare a causa degli interventi diplomatici di Ankara in Svizzera.

La manifestazione di migliaia di persone per la pace, la libertà e la democrazia in Turchia è arrivata otto mesi dopo un fallito tentativo di colpo di stato e tre settimane prima di un referendum per accordare più potere al presidente Recep Tayyip Erdogan. L’azione è stata organizzata da associazioni curde, dal Ps e dai Verdi come da altre associazioni.

Circa 150 persone, che quasi cinque anni fa si erano riunite al centro culturale alternativo Reitschule di Berna, nei pressi della stazione, si sono unite alla dimostrazione nel corso del pomeriggio, brandendo lo striscione che raffigurava la testa del presidente turco e una pistola puntata contro di lui con la scritta “Kill Erdogan with his own weapons!” (“Uccidete Erdogan con le sue stesse armi!”). Il “Gruppo di giovani rivoluzionari di Berna” (“Revolutionäre Jugendgruppe Bern”) ha poi rivendicato la responsabilità del manifesto.

Lo stesso giorno della dimostrazione, la Turchia ha protestato presso il Dipartimento federale degli affari esteri (Dfae) e ha convocato la sostituta dell’ambasciatore svizzero ad Ankara. C’è stata anche una conversazione telefonica tra i due ministri degli affari esteri. La Turchia ha chiesto un’indagine ed Erdogan ha detto che la Svizzera doveva cessare di sostenere le organizzazioni terroristiche.

All’indomani della manifestazione, la Procura di Berna ha aperto un’inchiesta penale per sospetta pubblica istigazione a un crimine o alla violenza. Questo procedimento ha portato circa un anno fa, secondo gli imputati, a quattro decreti d’accusa, contestati dagli interessati. Da qui il processo che si terrà martedì e mercoledì a Berna e che prenderà in considerazione anche altre accuse come sommossa e disobbedienza a decisioni dell’autorità.

Il processo come scena politica

I quattro imputati vogliono dare al processo “un contenuto politico”, ha detto ai media un comitato di sostegno costituito per l’occasione. “È Erdogan che è sotto processo”, hanno scritto su un conto Twitter appositamente creato.

I circoli autonomi di sinistra a Berna sostengono da tempo l’opposizione in Turchia e i movimenti curdi. Già prima del processo, il comitato di sostegno e gli avvocati degli imputati attaccano il Dfae e il Ministero pubblico. L’avvocato zurighese Bernard Rambert, che rappresenta uno dei sospettati, ha detto: “Accusandoli, la Procura capitola di fronte alle pressioni del Dfae, che si è dimostrato uno strumento obbediente del despota del Bosforo”.

Contattato da Keystone-Ats, il Dfae sottolinea che il principio della separazione dei poteri vieta qualsiasi ingerenza nei procedimenti giudiziari. Non ha influenzato in alcun modo l’inchiesta ed è stato informato solo del suo stato di avanzamento. Dalla documentazione emerge che il Dfae ha contattato sei volte la polizia cantonale bernese e il Ministero pubblico per informarsi sullo stato del procedimento.

Il procuratore generale di Berna indica anche che secondo il codice di procedura penale, l’ufficio del pubblico ministero è autorizzato a informare il pubblico sui procedimenti in corso. Questo vale soprattutto per un caso penale di particolare importanza. I media hanno spesso fatto uso di questa disposizione e hanno chiesto informazioni. Alle domande del Dfae il Ministero pubblico ha risposto solo che l’inchiesta era ancora pendente.

Processo in condizioni speciali

Questo processo si tiene in condizioni particolari: l’incaricato dell’inchiesta ha escluso il pubblico dalle udienze, senza dare per ora alcuna spiegazione.

I rappresentanti dei media possono partecipare solo se firmano preventivamente una dichiarazione in cui si impegnano a non rivelare i nomi delle persone coinvolte o qualsiasi informazione che permetta di trarre conclusioni sulle attività professionali dei querelanti, dei testimoni o dei sospettati. Se lo fanno, rischiano una denuncia per disobbedienza a decisioni dell’autorità.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
democrazia dfae erdogan giustizia bernese imputati kill erdogan processo striscione
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved