tcs-usam-litra-e-pompieri-uniti-contro-i-30-km/h
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
1 ora

Forti temporali e grandine hanno colpito il Nord delle Alpi

Il maltempo ha causato disagi alla circolazione ferroviaria. MeteoSvizzera ha registrato oltre 12mila fulmini e venti che hanno toccato i 95 km/h.
Svizzera
2 ore

Il ‘sì’ a Frontex segna l’attaccamento a Schengen

Secondo la stampa elvetica il popolo temeva troppo di essere escluso dallo spazio europeo
Svizzera
15 ore

Il Canton Zurigo boccia il voto ai 16enni

Un fine settimana di votazioni in dodici cantoni d’Oltralpe, ecco i principali risultati
Svizzera
15 ore

Lex Netflix, nessun finale a sorpresa

Ci si attendeva un risultato risicato, invece la nuova legge sul cinema è stata accolta in modo chiaro. Nonostante il Röstigraben.
Svizzera
16 ore

Più di sette svizzeri su dieci per il potenziamento di Frontex

Prevale il timore di un’uscita da Schengen. I promotori del referendum: risultato vergognoso. I Verdi contano di attivarsi in Parlamento
Svizzera
17 ore

Trapianti, si passa al consenso presunto. La sfida: informare

Approvata con il 60,2% di voti favorevoli la revisione della legge. Sostegno piuttosto tiepido nella Svizzera tedesca. Berset: non è una rivoluzione
Svizzera
18 ore

Trenta gradi nel Vallese: è la prima canicola in Svizzera

A Visp non si era mai arrivati a una tale temperatura così presto nell’anno, ha twittato Srf Meteo
Votazioni federali
18 ore

Votazioni federali, ecco i risultati definitivi

Sostegno a Frontex oltre le previsioni, consenso presunto bocciato solo da Svitto e dai semicantoni di Appenzello. Sì alla Lex Netflix dal 58,4%
Svizzera
20 ore

Cade da una gru e muore in un cantiere a Zurigo

Ancora da chiarire le dinamiche di quanto accaduto verosimilmente nella notte ad Altstetten
Votazioni federali
22 ore

Votazioni federali, verso tre ‘sì’ comodi dalle urne

Frontex, ‘Lex Netflix’ e Legge trapianti verso l’accettazione popolare in modo abbastanza chiaro
Svizzera
23 ore

L’Udc vuole limitare l’accoglienza dei profughi ucraini

Per la consigliera nazionale Martina Bircher, lo statuto S dovrebbe essere accordato solo a chi è direttamente implicato in zone di guerra
11.01.2022 - 14:35
Aggiornamento : 16:44

Tcs, Usam, Litra e pompieri uniti contro i 30 km/h

Le quattro associazioni, contro il limite generalizzato, chiedono che venga rispettata la gerarchia e la funzionalità delle varie arterie

Ats, a cura de laRegione

Varie associazioni di diverso orientamento quanto possono esserlo Tcs, Usam, Litra (trasporti pubblici) e Federazione svizzera dei pompieri (Fsp) scendono oggi in campo per dire la loro ferma opposizione alla generalizzazione del limite di 30 km/h negli abitati. Facendo valere i risultati di un sondaggio, le quattro associazioni reagiscono alle iniziative di alcune città e località più piccole per generalizzare i 30 km/h. Se per le strade di interesse locale può essere adottato un limite di 30 km/h, o anche di 20 km/h nelle zone di incontro, per quelle utilizzate dal traffico generale devono rimanere in vigore i 50 km/h, si legge in un comunicato comune diramato oggi.

Candinas: trasporto pubblico penalizzato

“Ogni tipo di strada ha una funzione specifica che deve essere rispettata per garantire la funzionalità della rete nel suo insieme”, dice, citato nella nota, il presidente del Touring club svizzero (Tcs) Peter Goetschi. Un approccio differenziato ai regimi di velocità aiuterà a mantenere la funzionalità della rete nel suo complesso, sia per il trasporto privato che pubblico. Per il Tcs anche le biciclette elettriche veloci (che possono raggiungere i 45 km/h) sarebbero molto svantaggiate da un limite generale di 30 km/h.

Per Martin Candinas, consigliere nazionale (Centro/Gr) nonché presidente della Litra, associazione di promozione del trasporto pubblico, “una generalizzazione dei 30 km/h sulle strade principali delle città e degli agglomerati avrà un effetto negativo sull’uso del trasporto pubblico. I tram e gli autobus perderanno la loro attrattiva”, avverte, pure lui citato nel comunicato.

Regazzi: abitanti delle città ingenui

Secondo Thomas Widmer, direttore della Fsp, una generalizzazione dei 30 km/h nelle città minerà l’efficienza dei servizi di emergenza a scapito delle vittime. Infine il comunicato cita anche Fabio Regazzi, consigliere nazionale (Centro/Ti) e presidente dell’Unione svizzera delle arti e mestieri (Usam). “Gli abitanti della città a volte dimenticano che i prodotti che acquisiscono nei centri città sono consegnati per la maggior parte su strada e che il tempo di consegna è un fattore determinante nella determinazione del prezzo finale. Una generalizzazione del limite di velocità di 30 km/h nelle aree urbane, combinato con altri ostacoli come l’eliminazione massiccia dei parcheggi, ha l’effetto di spingere le imprese a stabilirsi fuori dai centri urbani”, sostiene.

A loro favore, le organizzazioni fanno valere un sondaggio commissionato dal Tcs all’istituto Link che, tra il primo e il 7 dicembre scorsi, ha interrogato 1’163 abitanti delle tre regioni linguistiche di età compresa tra 15 e 79 anni. Per gli autori dello studio il campione è rappresentativo della popolazione svizzera. Il margine di errore non è pubblicato.

Sondaggio sposa posizione del TCS

Il dato principale dell’inchiesta è inequivocabile: “Quasi il 68% degli svizzeri è contrario a una generalizzazione del limite di velocità di 30 km/h nelle località”, si legge nel comunicato. Anche la soluzione alternativa di introdurre questa limitazione solo di notte non trova una maggioranza, dato che circa il 55% della popolazione rifiuta questa idea, mentre il 38% la sostiene e l’8% non si esprime.

Sposando le richieste delle quattro associazioni, quasi i tre quarti della popolazione (73%) vogliono che il limite di velocità di 30 km/h sia riservato alle strade di interesse locale (per esempio le zone residenziali). A tutte queste domande gli interrogati rispondono sensibilmente allo stesso modo indipendentemente dal loro luogo di residenza, città o zone rurali.

Il sondaggio mostra anche che tre quarti degli interrogati (73%) vorrebbero vedere adottata in Svizzera una soluzione uniforme per fissare i limiti di velocità locali. Solo il 23% pensa il contrario e il 5% non esprime un’opinione. Tutte le regioni linguistiche sono d’accordo su questo punto: Svizzera tedesca (72%), Romandia (73%) e Ticino (75%), senza una vera differenza tra città (72%) e campagna (73%).

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
litra pompieri tcs usam velocità zona 30
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved