tassa-di-bollo-per-la-sinistra-l-abolizione-e-una-truffa
Keystone
Berna, 5 ottobre 2021: consegna delle firme
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
9 ore

Scoperto un pipistrello con la rabbia nel canton Berna

La Svizzera è attualmente, tranne in questo caso, esente dalla malattia, sia negli animali domestici che in quelli selvatici
Svizzera
12 ore

Landquart, in fiamme un container abitativo. Arrestato un uomo

Fermato un marocchino 43enne per l’incendio alla struttura, utilizzata per sanzionare i residenti di altri centri di accoglienza
Svizzera
12 ore

Da Sempach un appello alla solidarietà con l’Ucraina

Dopo due anni d’attesa, torna in grande stile la commemorazione della battaglia. Con la presenza della ‘prima cittadina’ svizzera Irène Kälin
Svizzera
14 ore

Gas per tutti in inverno? Nessuno lo può garantire

La ministra dell’energia Simonetta Sommaruga non esclude che nella stagione fredda si vada incontro a difficoltà nell’approvvigionamento
Svizzera
16 ore

Quattro motociclisti feriti in tre incidenti sul Susten

Una settimana dopo il tragico sinistro costato la vita a due ticinesi, altro weekend da dimenticare sulla strada del passo tra i cantoni Uri e Berna
Svizzera
16 ore

‘I fronti in Ucraina continueranno a inasprirsi’

Ne è convinta la ministra della Giustizia Karin Keller-Sutter, secondo cui ‘la situazione potrebbe peggiorare considerevolmente in inverno’
Svizzera
16 ore

‘L’iniziativa contro l’acquisto degli F-35? Un errore’

Erich Fehr, presidente della piattaforma social-liberale ‘I socialisti liberali nel Ps svizzero’ critica la linea del partito
Svizzera
19 ore

Con Lugano, la Svizzera preserverà la sua immagine di ‘leader’

Ne è convinto Nicolas Bideau. Secondo cui la Conferenza per la ricostruzione dell’Ucraina è un evento ‘compatibile’ con la neutralità
Svizzera
21 ore

Nel 2022 più donne nei Cda delle grandi aziende

Nelle cento maggiori società svizzere quotate in borsa la loro percentuale è passata dal 25,4% al 28,5%
22.12.2021 - 19:28
Aggiornamento: 20:40

Tassa di bollo, per la sinistra l’abolizione è ‘una truffa’

Ad approfittarne saranno poche grandi imprese, sostengono Ps e Verdi. E ‘saranno i contribuenti a dover colmare il buco nelle casse dello Stato’

Berna – La soppressione del diritto di bollo sull’emissione di capitale proprio è una truffa: ad approfittarne saranno poche grandi imprese, e non le Pmi come pretende il Consiglio federale. Parola del comitato referendario che invita la popolazione a respingere l’abolizione di questa tassa il prossimo 13 di febbraio.

Stando ai dati dell’Amministrazione federale delle contribuzioni, citati dal comitato interpartitico – Ps e Verdi –, nel 2020 a contribuire al grosso delle entrate derivanti da questa tassa sono state sostanzialmente 55 grandi società (51,5% dei 180 milioni provenienti soprattutto da imprese internazionali, assicurazioni e società holding), a fronte di 590mila piccole e medie imprese. Insomma, la tesi dei favorevoli alla soppressione del diritto di bollo secondo cui sarebbero proprio le piccole società ad approfittarne non è sostenibile.

Se lo stralcio di questa tassa venisse accolto in votazione, le perdite fiscali annue ammonterebbero in media a 250 milioni. Stando alla sinistra, il diritto di bollo – introdotto oltre 100 anni fa – compensa l’assenza di imposizione sulle transazioni finanziarie, specie sul mancato prelievo dell’Iva.

Popolo gabbato

Se il popolo dovesse accettare lo stralcio dell’imposta di bollo, “saremo tutti noi a dover colmare il buco che si formerà nelle casse dello Stato”, ha affermato davanti ai media Samuel Bendahan, vicepresidente del Partito socialista, secondo cui l’abolizione di questa tassa è solo una di tutta una serie di riforme che peseranno sulle spalle della classe media e dei pensionati.

Secondo il consigliere nazionale vodese, la riforma dell’imposta preventiva o l’abolizione dei dazi doganali sui prodotti industriali costeranno miliardi alle casse pubbliche. Depauperare lo Stato avrà conseguenze nefaste sulle persone, specie quelle più fragili.

Pierre-Yves Maillard, presidente dell’Unione sindacale svizzera, ha sottolineato che la popolazione è preoccupata per l’aumento dei premi dell’assicurazione malattia e per la difficoltà di far quadrare i conti e non intravede alcun bisogno di rinunciare a qualche centinaio di milioni di franchi di entrate fiscali.

Finanza gongola

Per Samuel Bendahan, a guadagnarci è solo il settore finanziario, tra l’altro largamente risparmiato dalla crisi del coronavirus, mentre altri rami economici stanno invece pagando un prezzo elevato. La finanza ormai è avulsa dai bisogni della società e non vuole contribuire al finanziamento dei servizi pubblici, a detta del deputato vodese.

“Il settore più privilegiato, quello finanziario, sta chiedendo a tutti gli altri di pagare; mentre si riscuote l’Iva su ogni transazione, non vi è motivo per esentare un settore particolare da questa tassa”, ha spiegato Cédric Wermuth, co-presidente del Ps.

Le grandi sfide come l’assistenza infermieristica, il cambiamento climatico, l’approvvigionamento energetico o i trasporti richiedono grandi investimenti che andranno a beneficio di tutti. Con 250 milioni all’anno si possono risolvere molti problemi, ha sottolineato Bendahan.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
abolizione bollo ps tassa verdi
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved