covid-in-svizzera-grido-d-allarme-dal-settore-sanitario
Keystone
Personale al limite dopo più di un anno e mezzo di pandemia
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
20 min

Molestie sessuali, allarme nella polizia di Losanna

Un sondaggio ha mostrato che più della metà del personale ha subito questo tipo di abuso.
Svizzera
30 min

Cassis allenatore di un Consiglio federale ‘multi-tasking’

Per il presidente della Confederazione, la gita annuale dell’Esecutivo è ‘un’occasione per formare lo spirito di squadra’
Svizzera
1 ora

Estate e voglia di viaggi, l’Ustra avverte: attenzione alle code

Dopo due anni di pandemia, la gente ritrova il piacere delle vacanze. Ma i problemi di compagnie aeree e aeroporti rischiano di intasare le strade
Svizzera
1 ora

Swiss lascia a terra il Contratto collettivo di crisi

Da inizio 2023 la compagnia aerea controllata da Lufthansa abolirà gradualmente le misure d’emegenza prese in tempo di pandemia
Svizzera
1 ora

Si invaghisce via social di un medico dell’Onu. Ma è una truffa

Una 62enne argoviese è stata raggirata e frodata per diverse decine di migliaia di franchi. La polizia: ‘State in guardia: malfattori abili’
Svizzera
2 ore

Da oggi migliore localizzazione per le chiamate d’emergenza

Le informazioni, provenienti dai telefoni e dai pulsanti Sos delle auto, devono essere automaticamente inoltrate alla centrale d’allarme competente
Svizzera
3 ore

Aeroporto Zurigo, guasto ai check-in: operazioni a rilento

La causa è un malfunzionamento del sistema. I passeggeri vengono registrati manualmente.
Svizzera
3 ore

Retromarcia sui binari: le Ffs rinunciano ai treni bipiano

Problemi con la compensazione del rollio: quando i convogli saranno giunti a fine vita, saranno rimpiazzati da materiale rotabile standard
Svizzera
4 ore

Decolli e atterraggi stabili all’aeroporto di Zurigo

In giugno il traffico aereo al principale scalo svizzero ha ricalcato il volume del mese precedente, Ma ancora distante dall’era pre-pandemia
Svizzera
4 ore

Da domani nel piatto solo alimenti esteri. A livello statistico

L’agricoltura nazionale copre solo il 52% del fabbisogno della popolazione svizzera. E il 2 luglio cade il ‘Food Overshoot Day’
Svizzera
5 ore

Alcolici ai minorenni? Online è facile aggirare i controlli

La Croce Blu zurighese denuncia Coop e Denner: da test condotti dalla Fondazione Dipendenze Svizzera, oltre il 90% dei partecipanti ci è riuscito
Svizzera
5 ore

Cumulus contro Certo, è braccio di ferro tra Migros e Cembra

Chiusa la lunga collaborazione sul fronte delle carte di credito, è confronto aperto per contendersi i clienti
Svizzera
6 ore

‘Con la riforma Avs 21 le lavoratrici sono penalizzate’

In vista delle votazioni del 25 settembre, scende in campo i contrari, con in prima fila sindacati e Partito socialista
Svizzera
6 ore

Il matrimonio da oggi è ufficialmente una realtà

Per Roman Heggli, direttore di Pink Cross, ‘quella di oggi è una pietra miliare per la parità’
Svizzera
6 ore

Winterthur chiude i suoi rubinetti al gas russo

Per rifornire l’utenza, dal primo giugno l’azienda della città zurighese fa capo a quello acquistato in Europa occidentale
Svizzera
7 ore

Secondo booster necessario: col tempo, meno protezione

Covid-19, per il presidente della Conferenza dei direttori cantonali della sanità, l’ulteriore dose di richiamo va raccomandata al più presto
Svizzera
10 ore

Urc2022, in piena guerra si parla di ricostruzione

Lunedì e martedì prossimi occhi puntati sulla città per la conferenza sulla ricostruzione dell’Ucraina. Le risposte alle principali domande.
Svizzera
21 ore

Svizzera-Ue: Leu firma l’intesa sul contributo di coesione

La segretaria di Stato si è recata oggi a Bruxelles per colloqui esplorativi in vista di una normalizzazione delle relazioni con l’Unione europea
Svizzera
23 ore

Infosekta: teorie del complotto sempre in voga

La guerra in Ucraina continua ad alimentare le tesi cospiratorie, riferisce il centro svizzero tedesco di informazione e consigli sulle sette
17.12.2021 - 08:38

Covid in Svizzera, grido d’allarme dal settore sanitario

Quindici associazioni firmano una lettera aperta e parlano di situazione ‘deleteria’. Attesa per le decisioni che prenderà oggi il Consiglio federale

Settimana dei record in Svizzera per quanto riguarda il coronavirus: dall’inizio della pandemia l’incidenza dei contagi non è mai stata così elevata; e anche l’occupazione dei reparti di terapia intensiva ha raggiunto il massimo storico. In una lettera aperta, 15 associazioni del settore sanitario deplorano una situazione “deleteria” e chiedono alla politica l’adozione “immediata” di “misure di sostegno” per fermare a corto termine “l’emorragia” di personale. Il Consiglio federale decide oggi in che modo le misure anti-Covid in vigore verranno inasprite per far fronte alla quinta ondata pandemica.

11’070 nuovi contagi (‘solamente’ l’1,6% in più di una settimana fa), 33 decessi (quasi stabili rispetto a sette giorni fa), 149 ricoveri (addirittura il 23% in meno in una settimana; il 77,5% dei pazienti non era vaccinato): l’ultimo bollettino giornaliero dell’Ufficio federale della sanità pubblica (Ufsp) non è dei peggiori. Ma in questa fase pandemica il dato dei contagi non è il più significativo; e quello dei ricoveri – puntualizza l’Ufsp – va interpretato con cautela a causa di lacune nelle segnalazioni.

Letti di cure intense occupati all’81%

L’incidenza su sette giorni ha raggiunto un valore record di 741 casi confermati per 100mila persone (Ticino: 362). In confronto, in Germania siamo attualmente a 350 circa, in Francia a 500 circa e in Italia a circa 200. Ma a preoccupare è soprattutto il tasso di occupazione dei reparti di terapia intensiva, salito all’81%. In media 273 pazienti Covid hanno dovuto essere trattati nelle cure intense, il 15% in più rispetto alla settimana precedente. Hanno occupato circa il 40% dei letti disponibili, rispetto al 35% della settimana precedente.

La Società svizzera di medicina intensiva (Ssmi) ha riferito che al momento non esiste una situazione di triage (selezione dei pazienti tra prioritari e non prioritari) negli ospedali. Ciò avverrà quando non ci saranno più letti di terapia intensiva liberi a livello nazionale. Tuttavia, nella maggior parte degli ospedali le operazioni e i trattamenti non urgenti devono già essere rinviati. E diversi pazienti sono già stati trasferiti da una struttura all’altra, anche fuori dal cantone di domicilio.

‘Penuria di personale’

La situazione nel settore sanitario è “deleteria”, secondo 15 associazioni di categoria. In una lettera aperta inviata alle massime autorità federali, l’Associazione svizzera delle infermiere, Fmh, Oncosuisse, il sindacato Ssp/Vpod e gli altri firmatari esortano la politica a “decidere e mettere in atto immediatamente misure di sostegno ai professionisti della salute”. Obiettivo: salvare delle vite ed evitare che questi ultimi rassegnino le dimissioni e si ammalino.

I toni sono gravi. “L’accesso della popolazione a prestazioni sanitarie sicure è direttamente minacciato”. “Molti” professionisti si ammalano (disturbi dovuti a stress post-traumatico, depressione), vengono messi in quarantena o in isolamento, riducono il tempo di lavoro o abbandonano la professione, anche a causa della “frustrazione crescente di dover agire in contraddizione con le proprie esigenze professionali ed etiche”. Il risultato: una “penuria di personale” che limita ancora di più la capacità dei servizi sanitari. E che è destinata ad aggravarsi, visto che finora “nessuna condizione quadro è stata introdotta in maniera sistematica per permettere di sopportare un sovraccarico fisico e psichico di diversi mesi”.

‘Sostegno subito’

I firmatari della lettera aperta precisano: le misure di sostegno invocate “non rimpiazzano né le offensive di formazione necessarie né i miglioramenti sostanziali e duraturi delle condizioni di lavoro”, ossia quanto previsto dal nuovo articolo costituzionale sulle cure infermieristiche approvato in votazione popolare il 28 novembre. Al Parlamento ci vorrà del tempo per elaborare la legge che lo applica. Difficile che prima succeda qualcosa di significativo. Oggi il Consiglio federale deciderà con quali misure affrontare le imminenti festività. Ma queste non avranno che un impatto indiretto (quanto incisivo, è tutto da vedere) sulla situazione negli ospedali e l’“emorragia” di personale sanitario.

Sette giorni fa il Consiglio federale ha proposto (variante 1) d’introdurre su larga scala la regola del 2G (dal tedesco ‘geimpft’ e ‘genesen’, vaccinato e guarito) con obbligo di mascherina. Laddove non fosse possibile indossare la mascherina e consumare stando seduti, varrebbe la regola del 2G plus: non basta cioè essere vaccinati o guariti, bisognerà produrre anche il risultato negativo di un test Covid. L’alternativa (variante 2) è la chiusura di tutti i luoghi in cui non sia possibile portare la mascherina, compresi gli spazi interni dei ristoranti, delle palestre, delle discoteche e dei bar. Il Consiglio federale ha proposto pure la reintroduzione dell’obbligo di telelavoro, limitazioni agli incontri in famiglia e tra amici e il ritorno della gratuità per una parte dei test Covid (in ossequio alla volontà del Parlamento).

2G e telelavoro obbligatorio

Nella consultazione, la maggioranza dei Cantoni si è espressa a favore di un inasprimento dei provvedimenti. Ma la variante preferita è la prima, che esclude qualsiasi chiusura. E per giunta la regola 2G plus non piace quasi a nessuno. Stando al ‘Blick’, Alain Berset si accingerebbe a proporre ai colleghi di governo la forma più soft della variante 1: un modello 2G classico, senza plus ma con obbligo di mascherina e di consumare stando seduti. Il ministro della Sanità sarebbe pure per il ritorno dell’obbligo di telelavoro: la misura potrebbe anche trovare una maggioranza, poiché durante le festività comunque le scuole sono chiuse e molte aziende lavorano a regime ridotto.

Giovedì ha detto la sua Ignazio Cassis. Il presidente eletto della Confederazione nel 2022 non esclude categoricamente una vaccinazione obbligatoria contro il coronavirus. In un’intervista ai giornali di CH-Media, il consigliere federale afferma però che ora come ora rendere il vaccino obbligatorio non sarebbe proporzionato. Inoltre, si tratterebbe di un serio pregiudizio alla libertà individuale. “Ma se il numero di decessi dovesse aumentare improvvisamente”, prosegue il ministro degli Esteri, “come ultima spiaggia bisognerebbe prendere in considerazione” questo provvedimento. Sempre ieri a Berna è stata depositata un’iniziativa popolare federale che intende tra l’altro vietare l’obbligo vaccinale. Il testo, hanno indicato i promotori (un comitato denominato Movimento svizzero per la libertà), è corredato di circa 125’200 firme.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
2g consiglio federale contagi covid mascherina settore sanitario
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved