ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
5 ore

Mattarella auspica Berna in programmi europei di ricerca

Per il presidente italiano ‘una collaborazione che si inserisce nel più ampio contesto europeo e contribuisce allo sviluppo del nostro continente’
Svizzera
9 ore

Sulla protezione della biodiversità la Svizzera è indietro

La Confederazione è all’ultimo posto in Europa: dal 2012 nessuna zona è stata inserita nella rete paneuropea di aree protette ‘Smeraldo’
Svizzera
11 ore

Tetto massimo ai premi di cassa malati, non se ne parla

Il Consiglio degli Stati ha respinto l’entrata in materia sulla proposta socialista di limitare i premi al 10% del reddito disponibile
Svizzera
12 ore

Cercasi mangiatori di plastica nei suoli alpini

L’Istituto federale di ricerca sulla foresta, la neve e il paesaggio ne ha analizzato la possibilità: scoperti organismi sensibili
Successione Sommaruga-Maurer
1 gior

I partiti mantengono un profilo basso

A seguito delle prime audizioni i vari gruppi partitici non si sbilanciano: per il momento nessuna raccomandazione di voto
Svizzera
1 gior

Sergio Mattarella accolto con gli onori militari

Il Consiglio federale al completo ha accolto il presidente della Repubblica italiana, il quale resterà nel Paese per una visita di Stato di due giorni
Svizzera
1 gior

Vögele Shoes chiude a fine anno e licenzia 131 persone

La società si trova attualmente al centro di una procedura di fallimento
Svizzera
1 gior

Il lupo resta ‘rigorosamente protetto’

La Convenzione di Berna respinge la richiesta svizzera di catalogare il grande predatore come specie solo ‘protetta’
Svizzera
1 gior

Sindacati e impresari costruttori raggiungono un accordo

L’esito dei negoziati per il contratto mantello deve ancora essere approvato dagli organi decisionali di entrambe le parti
15.10.2021 - 08:00
Aggiornamento: 20:18

Verso il Sì a Legge Covid e cure infermieristiche

La legge Covid-19 al momento otterrebbe il 63% di Sì, che per l’iniziativa popolare sono all’82%. In dubbio l’elezione per sorteggio dei giudici federali

verso-il-si-a-legge-covid-e-cure-infermieristiche
(Ti-Press)

A sei settimane dal voto, si delineano chiare maggioranze a favore della Legge Covid-19 e dell’iniziativa popolare “Per cure infermieristiche forti”. Quella sulla giustizia ottiene più favori che opposizioni, ma le opinioni non sono ancora del tutto formate.

È quanto emerge dal primo sondaggio pubblicato oggi da “20 Minuten” e Tamedia in relazione alle votazioni federali del 28 novembre. Se lo scrutinio si fosse tenuto all’inizio di questa settimana, la Legge Covid-19 - contro la quale è stato lanciato un referendum - avrebbe ottenuto un 63% di preferenze e un 35% di opposizioni.

A differenza degli altri due oggetti, l’opinione sulla Legge Covid-19 è già molto delineata e dai dati raccolti nel sondaggio emerge che gli uomini sono più propensi ad appoggiarla rispetto alle donne. La sostengono simpatizzanti di tutti i partiti, ad eccezione dell’UDC.

In tutte le fasce di età prevalgono i fautori, anche se fra i giovani si contano voci più critiche. A livello territoriale, il “sì” è meno pronunciato in campagna che in città. Quasi la metà dei favorevoli cita come motivo per approvare la legge il certificato Covid, definito centrale per far fronte al virus durante l’inverno. L’elemento decisivo che spinge gli oppositori a bocciarla è la discriminazione contro i non vaccinati.

Vento in poppa per le cure forti

L’iniziativa “Per cure infermieristiche forti” sta chiaramente beneficiando della pandemia. L’82% degli interpellati per il sondaggio intende accettarla, l’11% vuole bocciarla e il 7% è indeciso. I favorevoli appartengono a tutti gli schieramenti politici, anche se ce ne sono di più a sinistra.

L’argomento principale dei sostenitori è che la pandemia ha messo in luce le lacune nella sanità ed è essenziale intervenire. Gli oppositori sostengono che il controprogetto indiretto elaborato da Governo e Parlamento - che entrerebbe in vigore in caso di “no” popolare - risolverebbe il problema più rapidamente.

Indecisione sulla giustizia

È meno chiara la sorte dell’iniziativa popolare “Per la designazione dei giudici federali mediante sorteggio (Iniziativa sulla giustizia)”. Dal sondaggio emerge un 48% di favorevoli, contro un 33% di contrari. Un quinto degli interpellati è però ancora indeciso e il testo in votazione risulta essere ancora poco conosciuto.

A livello partitico la proposta ottiene consenso fra l’elettorato di sinistra e dei Verdi Liberali, mentre i contrari sono tendenzialmente di centro-destra. Due terzi dei fautori ritengono che i giudici dovrebbero essere indipendenti dalla politica di partito, mentre per gli oppositori con una lotteria non si eleggono i giudici più capaci.

Il sondaggio è stato realizzato online su 15’374 persone provenienti dalla Svizzera tedesca, romanda e italiana l’11 e il 12 ottobre. I dati sono stati elaborati dalla società di politologi Leewas secondo variabili demografiche, geografiche e politiche. Il sondaggio realizzato per conto della SSR seguirà la settimana prossima.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved