pandora-papers-circa-90-le-societa-svizzere-coinvolte
(Keystone)
04.10.2021 - 08:55
Aggiornamento: 11:10
Ats, a cura de laRegione

Pandora Papers, circa 90 le società svizzere coinvolte

Lo rivela un’indagine del Consorzio Internazionale dei Giornalisti Investigativi (ICIJ). Fra i nomi spicca la società di consulenza zurighese Fidinam

Circa 90 società svizzere sono presumibilmente coinvolte in un vasto sistema di società offshore utilizzate per scopi di evasione fiscale, secondo un’indagine del Consorzio Internazionale dei Giornalisti Investigativi (ICIJ). La creazione di queste società di comodo permetteva a politici e personaggi pubblici di investire le loro ricchezze con discrezione.

Secondo la ricerca, soprannominata “Pandora Papers", che ha coinvolto circa 600 giornalisti e si è basata su circa 11,9 milioni di documenti, 90 società di consulenza svizzere - studi legali, notai e società di consulenza - erano coinvolte in queste attività, ha detto l’ICIJ sul suo sito web. Tra il 2005 e il 2016, almeno 26 imprese svizzere avrebbero fornito servizi a clienti le cui società offshore erano sotto inchiesta per riciclaggio di denaro e altri crimini finanziari. "Nella maggior parte dei casi, queste aziende hanno agito come intermediari collegando i clienti con le società di servizi offshore”, ha dettagliato l’ICIJ. In totale, l’indagine ha scoperto informazioni su 14 società di servizi finanziari e 29.000 società offshore.

"Conforme agli obblighi legali”

In questo contesto, l’ICIJ ha notato in particolare il nome di Fidinam, una società di consulenza fiscale e contabile con sede anche a Lugano. In una dichiarazione al gruppo di giornalisti, Fidinam ha detto che le sue “entità svizzere rispettano e hanno rispettato i requisiti legali e regolamentari in vigore in Svizzera e i regolamenti applicabili a livello internazionale". Tuttavia, Fidinam non ha risposto alle domande sui suoi clienti a causa dei suoi obblighi di "privacy, conformità e segreto professionale”. L’azienda non ha neanche risposto alle domande sulle sue filiali offshore.

L’indagine dell’ICIJ, pubblicata domenica, ha rivelato che diversi leader, tra cui il primo ministro ceco, il re di Giordania e i presidenti del Kenya e dell’Ecuador, hanno nascosto beni in società offshore, in particolare per scopi di evasione fiscale. In totale, il consorzio di giornalisti ha stabilito collegamenti tra i beni offshore e 336 leader e politici di spicco, che hanno creato quasi 1’000 società, più di due terzi delle quali nelle Isole Vergini britanniche. Nella maggior parte dei paesi, questi fatti non sono perseguibili. Ma nel caso dei dirigenti, l’ICIJ fa notare la contraddizione fra la retorica anti-corruzione di alcuni di loro e i loro investimenti nei paradisi fiscali.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
fidinam icij pandora papers
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved