la-convinzione-di-burkart-nuovo-presidente-del-plr
Keystone
Thierry Burkart
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
12 min

Estate e voglia di viaggi, l’Ustra avverte: attenzione alle code

Dopo due anni di pandemia, la gente ritrova il piacere delle vacanze. Ma i problemi di compagnie aeree e aeroporti rischiano di intasare le strade
Svizzera
20 min

Swiss lascia a terra il Contratto collettivo di crisi

Da inizio 2023 la compagnia aerea controllata da Lufthansa abolirà gradualmente le misure d’emegenza prese in tempo di pandemia
Svizzera
35 min

Si invaghisce via social di un medico dell’Onu. Ma è una truffa

Una 62enne argoviese è stata raggirata e frodata per diverse decine di migliaia di franchi. La polizia: ‘State in guardia: malfattori abili’
Svizzera
1 ora

Da oggi migliore localizzazione per le chiamate d’emergenza

Le informazioni, provenienti dai telefoni e dai pulsanti Sos delle auto, devono essere automaticamente inoltrate alla centrale d’allarme competente
Svizzera
2 ore

Aeroporto Zurigo, guasto ai check-in: operazioni a rilento

La causa è un malfunzionamento del sistema. I passeggeri vengono registrati manualmente.
Svizzera
2 ore

Retromarcia sui binari: le Ffs rinunciano ai treni bipiano

Problemi con la compensazione del rollio: quando i convogli saranno giunti a fine vita, saranno rimpiazzati da materiale rotabile standard
Svizzera
3 ore

Decolli e atterraggi stabili all’aeroporto di Zurigo

In giugno il traffico aereo al principale scalo svizzero ha ricalcato il volume del mese precedente, Ma ancora distante dall’era pre-pandemia
Svizzera
3 ore

Da domani nel piatto solo alimenti esteri. A livello statistico

L’agricoltura nazionale copre solo il 52% del fabbisogno della popolazione svizzera. E il 2 luglio cade il ‘Food Overshoot Day’
Svizzera
4 ore

Alcolici ai minorenni? Online è facile aggirare i controlli

La Croce Blu zurighese denuncia Coop e Denner: da test condotti dalla Fondazione Dipendenze Svizzera, oltre il 90% dei partecipanti ci è riuscito
Svizzera
4 ore

Cumulus contro Certo, è braccio di ferro tra Migros e Cembra

Chiusa la lunga collaborazione sul fronte delle carte di credito, è confronto aperto per contendersi i clienti
Svizzera
5 ore

‘Con la riforma Avs 21 le lavoratrici sono penalizzate’

In vista delle votazioni del 25 settembre, scende in campo i contrari, con in prima fila sindacati e Partito socialista
Svizzera
5 ore

Il matrimonio da oggi è ufficialmente una realtà

Per Roman Heggli, direttore di Pink Cross, ‘quella di oggi è una pietra miliare per la parità’
Svizzera
5 ore

Winterthur chiude i suoi rubinetti al gas russo

Per rifornire l’utenza, dal primo giugno l’azienda della città zurighese fa capo a quello acquistato in Europa occidentale
Svizzera
6 ore

Secondo booster necessario: col tempo, meno protezione

Covid-19, per il presidente della Conferenza dei direttori cantonali della sanità, l’ulteriore dose di richiamo va raccomandata al più presto
Svizzera
9 ore

Urc2022, in piena guerra si parla di ricostruzione

Lunedì e martedì prossimi occhi puntati sulla città per la conferenza sulla ricostruzione dell’Ucraina. Le risposte alle principali domande.
Svizzera
19 ore

Svizzera-Ue: Leu firma l’intesa sul contributo di coesione

La segretaria di Stato si è recata oggi a Bruxelles per colloqui esplorativi in vista di una normalizzazione delle relazioni con l’Unione europea
Svizzera
21 ore

Infosekta: teorie del complotto sempre in voga

La guerra in Ucraina continua ad alimentare le tesi cospiratorie, riferisce il centro svizzero tedesco di informazione e consigli sulle sette
Svizzera
23 ore

Mantenuta l’immunità a Roger Köppel, Molina perseguibile

Il primo è accusato di aver divulgato informazioni confidenziali. Il secondo è incolpato di aver partecipato a una dimostrazione non autorizzata.
Svizzera
23 ore

In Svizzera manca la manodopera qualificata

È il grido d’allarme che lanciano gli imprenditori. In futuro andrà meglio sfruttato il potenziale interno
Svizzera
23 ore

Grandine, danni per almeno 20 milioni di franchi

In giugno sono state fatte circa 4mila segnalazioni all’Assicurazione grandine svizzera
Svizzera
1 gior

Bus divorato dalle fiamme nei pressi di Rotsee

A bordo del torpedone, fortunatamente, vi era solo l’autista, che è riuscito a mettersi in salvo. Tragedia sfiorata oggi a mezzogiorno sulla A2
Svizzera
1 gior

Nidvaldo si conferma il cantone più attrattivo per le imprese

Ticino al 24esimo posto della classifica, ma le cose stanno per cambiare. Per le persone fisiche, a svettare è sempre Zugo (davanti a Svitto)
Svizzera
1 gior

Panne di Skyguide, conseguenze milionarie per Swiss

Il Ceo Dieter Vranckx torna sul blackout di metà giugno: ‘Se subiamo un danno finanziario indipendente da noi, è giusto reclamare un risarcimento’
Svizzera
1 gior

Torna l’obbligo di mascherina in diversi ospedali

Interessato quello cantonale dei Grigioni e alcuni nosocomi zurighesi. In Svizzera segnalate martedì oltre 33mila infezioni da Covid in sette giorni.
Svizzera
1 gior

Ventidue falle nel sistema informatico della Posta; una seria

‘Stress test’ per il Gigante Giallo, messo sotto pressione in una conferenza di hacker. Risultati tutto sommato confortanti
Svizzera
1 gior

Livia Leu a Bruxelles per colloqui esplorativi

Durante la visita ufficiale della segretaria di Stato è prevista la firma di un accordo di principio sul secondo contributo di coesione
Svizzera
1 gior

Processo ai biker: pene detentive (anche lunghe) per tre persone

Otto anni di carcere al principale imputato, per altri due 8 e 42 mesi. E fuori dall’aula la tensione resta alta
laR
 
02.10.2021 - 05:30

La convinzione di Burkart, nuovo presidente del Plr

Il ‘senatore’ argoviese prende il timone del partito. Con una idea chiara: ‘Vincenti se stiamo alla destra del centro, con un programma chiaro e liberale’.

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Quello del presidente di partito è «un lavoro logorante», ha riconosciuto Petra Gössi. E quando le cose vanno male è sempre colpa sua, aveva detto anni fa l’ex presidente del Plr Franz Steinegger. Signor Burkart, non teme di dover pagare un prezzo troppo elevato, sul piano privato e magari anche su quello politico?

In effetti ho considerato attentamente la mia candidatura. Ma assumersi delle responsabilità significa anche assumersi dei compiti impegnativi. E sarò sostenuto da una squadra forte. Se sarò eletto, affronterò la nuova sfida con gioia, ma anche con una certa umiltà.

Negli scorsi giorni si sono dimessi dai loro incarichi la segretaria generale Fanny Noghero, il responsabile della campagna elettorale 2023 Damian Müller e il membro del team elettorale Alex Farinelli [nel frattempo tornato in squadra, ndr]. Sorpreso?

Damian Müller aveva già detto internamente nelle scorse settimane che si sarebbe dimesso. Lo ha giustificato con una nuova attività professionale. Bisogna rispettare la sua decisione. Ho già un nuovo responsabile della campagna, ma non posso ancora comunicare il suo nome, perché devo prima presentarlo alla Conferenza dei presidenti del partito. Fanny Noghero lo ha già detto pubblicamente: quello che fa lo fa per Petra Gössi. Rispetto anche la sua decisione. Non abbiamo differenze, e d’altronde io non sono ancora presidente.

La macchina elettorale era già stata avviata: un problema per il partito?

Prendo atto dei ritiri e delle dimissioni e rispetto le decisioni. Lavorerò volentieri con chiunque sia disposto a portare avanti il partito, assieme.

Politica climatica, accordo quadro: è stato uno dei critici più severi di Petra Gössi. Il Plr seguirà un nuovo corso, con lei ai comandi?

È un’etichetta che ritengo superficiale. Non ho partecipato a una campagna, né mi sono mai espresso pubblicamente in modo critico nei confronti di qualcuno. L’articolo sull’accordo quadro [apparso lo scorso gennaio sui giornali del gruppo CH-Media, ndr] fa parte della normale discussione che ogni partito deve avere. Il Plr è la voce liberale originale nel nostro paese. Insieme alla mia squadra, elaboreremo soluzioni praticabili e sostenibili. Il corso che seguirà il partito alla fine lo determinano il gruppo parlamentare e l’assemblea dei delegati.

In aprile ha dichiarato alla rivista satirica ‘Nebelspalter’ che “se ci posizioniamo chiaramente con valori liberali alla destra del centro, avremo successo. Questa è la mia convinzione”. Cosa significa, in concreto? Per la politica climatica, ad esempio.

Il passato lo ha dimostrato chiaramente: ogni volta che il Plr ha fatto politica a destra del centro e si è presentato con un programma chiaro e liberale, ha guadagnato quote di elettori. La politica climatica liberale è orientata alla verità dei costi, al principio ‘chi inquina paga’ e al progresso tecnologico: noi liberali-radicali, su questo siamo d’accordo.

Se il Plr si sposta a destra non rischia di diventare il partner minore dell’Udc?

Per trovare maggioranze, lavoreremo insieme all’Udc, all’Alleanza del Centro o anche ad altri partiti, a seconda dei temi. Non siamo a disposizione di nessuno come ‘Juniorpartner’.

L’Udc sembra volersi congedare dalle città: ha lasciato spazio al Plr, scrive la ’Nzz’. Lo vede come un’opportunità o piuttosto come un rischio per il suo partito?

Il Plr è l’unica forza borghese che ha una presenza uguale nelle zone rurali e urbane di tutta la Svizzera. La città e la campagna dipendono l’una dall’altra, non devono essere messe l’una contro l’altra. Questo è inappropriato e vergognoso.

“Il Plr non capisce le città”, ha dichiarato il consigliere nazionale Kurt Fluri, storico sindaco liberale-radicale di Soletta. Il Plr spesso viene ancora visto come il ‘partito dei posteggi’. Riuscirete prima o poi a lasciarvi quest’etichetta alle spalle?

Kurt Fluri è proprio il migliore esempio di come una città a guida Plr progredisce al meglio. Invece, lo sviluppo a Zurigo mostra in modo evidente quali problemi porta con sé la monocultura ideologica di sinistra. Questa non rende più giustizia alla diversità nelle città. Qui il Plr deve offrire più spesso alternative liberali.

Nello specifico, cosa non le piace di questo “sviluppo a Zurigo”?

Le città governate da socialisti e Verdi si sviluppano in biotopi di divieti e rieducazione. Prenda la politica dei trasporti: da tempo non si tratta più di una coesistenza e di una ottimale organizzazione della mobilità per il trasporto delle persone e delle merci, bensì di una rieducazione ideologica unilaterale a favore della bicicletta. Persino il trasporto pubblico ora diventa vittima di questa politica; e i suoi rappresentanti stanno valutando se gli svantaggi che subisce non richieda una messa in guardia contro l’applicazione generalizzata di zone 30. La via della saggezza è stata definitivamente abbandonata.

Ha menzionato la necessità di proporre più spesso “alternative liberali’: quali, per esempio?

La politica liberale dei trasporti permette una coesistenza ottimale di tutte le modalità di trasporto, in modo che spazio abitativo e produzione commerciale trovino spazio l’uno accanto all’altra. Soprattutto, però, siamo contro la cieca ideologia, che in funzione del programma di rieducazione mette in conto più colonne e quindi produce più CO2 e rumore.

La si conosce soprattutto come politico che si occupa di trasporti: ha sostenuto l’espansione dei tratti autostradali a sei corsie ed è contrario al ‘road pricing’. Come si conciliano queste sue posizioni con un partito votato alla sostenibilità, al rispetto del clima e orientato al futuro?

Una politica climatica in grado di riunire una maggioranza deve offrire misure che siano ecologicamente, economicamente e socialmente sostenibili. Per la politica dei trasporti in particolare, questo significa che i conflitti di obiettivi devono essere presi sufficientemente in considerazione. Ho sempre sostenuto la coesistenza paritaria di trasporto privato e pubblico. Continuerò a farlo. Il Plr è di per sé orientato al futuro, perché sostiene e promuove le innovazioni, indipendentemente dalla tecnologia.

I suoi predecessori Philipp Müller e Petra Gössi hanno rinunciato a importanti mandati privati quando hanno assunto la carica. Lei invece intende mantenere la presidenza dell’Astag [l’associazione degli autotrasportatori, ndr]. Il ‘Tages-Anzeiger’ ha titolato così: ‘La lobby della strada si siede al volante del Plr’. Non nuoce alla sua indipendenza e credibilità?

Al contrario, sono una persona che mantiene le sue promesse. Non ci si assume una responsabilità solo per rinunciarvi qualche mese dopo, perché un’altra carica ci chiama. Fin dall’inizio ho detto alla commissione cerca che questo mandato [presidente dell’Astag, ndr] non era in discussione. Per inciso, al cuore della politica di milizia svizzera sta proprio il principio che uno possa ricoprire ruoli differenti. Numerose persone in posizioni di responsabilità hanno dimostrato che ciò è possibile.

Ha dato un ‘badge’ per entrare a Palazzo federale al vicedirettore dell‘Unione svizzera delle arti e mestieri (Usam). Significa che nei rapporti tra il Plr – un tempo il partito dell’economia – e le organizzazioni economiche dovete recuperare un certo ritardo?

Non vedo un ‘bisogno di recuperare’, ma solo l’importante necessità che le organizzazioni economiche siano forti e attivamente coinvolte nella ricerca di soluzioni politiche. Questo vale anche per le associazioni degli imprenditori e i sindacati – ed è un aspetto enormemente importante del nostro sistema politico di successo! Solo in questo modo si possono trovare soluzioni sostenute da una maggioranza. A proposito, lasciate che ve lo dica: il Plr era, è e sarà sempre il partito delle condizioni quadro favorevoli per l’economia. Condizioni quadro che preservino e creino posti di lavoro, che promuovano la formazione professionale in questo paese, che garantiscano le assicurazioni sociali e che portino a un uso responsabile delle risorse.

La ‘Weltwoche’ è lapidaria: “Da gennaio, il Plr non governa più una grande città. In aprile, ha perso la sua posizione di partito col maggior numero di seggi nei parlamenti cantonali. A livello nazionale, ha la quota elettorale più bassa della sua storia. Se continua così, tra due anni dovrà rinunciare a un seggio in Consiglio federale”. Come intende evitare che il Plr cada ancora più in basso?

Il nostro obiettivo è portare avanti il fuoco liberale con un programma chiaro e un’organizzazione potente. Per farlo, vogliamo che le molte persone di grande competenza di cui dispone il partito, siano maggiormente in primo piano. Il nostro paese, il modello di successo della Svizzera, si basa su una politica liberale. Pertanto ci può essere una sola voce liberale. Ed è quella del Partito liberale radicale.

Il secondo seggio del Plr in Consiglio federale è a rischio. La preoccupa?

No, perché un seggio Plr in meno in Consiglio federale significherebbe una maggioranza di sinistra in governo. Le elettrici e gli elettori ne sono consapevoli. Quindi, chi non vuole uno scivolamento a sinistra in Consiglio federale, vota Plr alle elezioni federali del 2023.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
petra gössi plr presidente thierry burkart
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved