dazi-industriali-verso-l-abolizione-calo-dei-prezzi-in-vista
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
10 ore

Secondo miliardo di coesione, il Nazionale discuterà giovedì

Il Parlamento vuole accelerare la discussione, che sarà trattata nel corso di una seduta ‘open end’
Svizzera
10 ore

‘Matrimonio per tutti’, divario fra centro e periferie

Tutti i cantoni hanno approvato l’oggetto in votazione, con differenze tra regioni per le quali non sarebbe estraneo il ruolo delle chiese
Svizzera
11 ore

No comment del Consiglio federale sul ‘caso Maurer’

Il presidente della Confederazione Parmelin, rispondendo all’interrogazione del Ps, ha rifiutato di commentare le dichiarazioni del consigliere federale
Svizzera
11 ore

Matrimonio per tutti, felicitazioni dall’Alto commissariato Onu

L’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i diritti umani (Ohchr) accoglie positivamente il “sì” degli svizzeri tramite un tweet odierno
Svizzera
12 ore

Plr svizzero, lasciano due dirigenti del partito

Hanno rassegnato le dimissioni dall’incarico la segretaria generale Fanny Noghero e il responsabile della campagna elettorale Damian Müller
Svizzera
13 ore

Imposizione individuale, tre modelli nel rapporto del governo

Con la tassazione individuale redditi e patrimoni di ciascun adulto sono tassati singolarmente e l’imposta non deriva dal reddito complessivo di una comunione
Svizzera
13 ore

Credit Suisse aumenta il congedo parentale a 26 settimane

Per l’altra persona che si occupa dei figli, oltre a quella che li accudisce principalmente, il congedo sarà di 6 settimane e non più 12 giorni lavorativi
Svizzera
13 ore

In Svizzera 3’096 contagi in 72 ore. Netto calo dei ricoveri

Il tasso di riproduzione del virus registra un’ulteriore discesa fermandosi a 0,74. Più che dimezzate le ospedalizzazioni rispetto alla settimana scorsa
Svizzera
15 ore

Il Covid ha tagliato la speranza di vita come non si vedeva dal ’45

Una ricerca dell’Università di Oxford su dati di 29 Paesi soprattutto in Europa e Stati Uniti svela che sono stati spazzati via anni di progressi sulla mortalità
Svizzera
15.09.2021 - 10:440
Aggiornamento : 16:47

Dazi industriali verso l’abolizione, calo dei prezzi in vista

Il Nazionale approva il progetto di legge già passato agli Stati. La misura comporterà vantaggi per i consumatori

Automobili, capi d’abbigliamento e altri articoli importati potrebbero presto costare di meno in Svizzera. Seguendo il Consiglio degli Stati, oggi anche il Nazionale ha approvato - con 106 voti a 75 e 15 astensioni - l’abolizione dei dazi doganali sui prodotti industriali, dopo che nel giugno del 2020 aveva respinto l’entrata in materia.

Attualmente i prezzi praticati in Svizzera sono in media del 30% superiori a quelli dei nostri vicini. Per contrastare il fenomeno dei prezzi alti, il governo ha proposto la soppressione unilaterale di tutti i dazi industriali, seguendo l’esempio di altri Paesi come l’Islanda, il Canada, la Nuova Zelanda e la Norvegia.

Oltre alla riduzione dei prezzi per imprese e consumatori, la riforma, effettuata tramite una revisione della Legge sulla tariffa delle dogane, mira a ridurre l’onere burocratico per le aziende, ha ricordato in entrata a nome della commissione preparatoria Jürg Grossen (PVL/BE).

La sinistra sosteneva la non entrata in materia. Jacqueline Badran (PS/ZH) ha fatto notare che l’80% dei beni importati non sono soggetti a dazi. Il governo ha parlato di una riduzione dei prezzi dello 0,1%, i consumatori non ne avranno dunque alcun vantaggio, ha poi rilevato. “Perderemmo inoltre la protezione di settori innovativi, come ad esempio quello delle biciclette, in pieno boom.”

Regula Rytz (Verdi/BE) ha messo in guardia contro le mancate entrate: circa 560 milioni all’anno, proprio in un momento difficile e proposto, senza successo, un rinvio del progetto al Consiglio federale affinché rivedesse il testo in modo da renderlo in linea con gli obiettivi di protezione del clima.

Sull’altro fronte Petra Gössi (PLR/SZ) ha ricordato che il progetto mira a lottare contro l’“isola dei prezzi elevati”. La diminuzione è complessivamente dello 0,1%, ha ammesso, rilevando però che per alcuni settori sarà maggiore. “Questo aumenterà la nostra concorrenzialità.” Per Magdalena Martullo-Blocher (UDC/GR) si tratta di introdurre una misura a favore degli importatori ma anche per il consumo. “Possiamo semplificare la vita alle piccole e medie imprese”, ha dichiarato.

L’Alleanza del Centro ha proposto di procedere in due fasi, con un’abolizione dapprima dei dazi sulle materie prime industriali e sui semilavorati. I rimanenti in seguito, ma solo se le finanze federali lo permetteranno, ha spiegato Leo Müller (LU). La sua proposta è stata bocciata di misura, con 98 voti a 97 e 2 astensioni.

Il presidente della Confederazione, Guy Parmelin, ha snocciolato i vantaggi che questa misura dovrebbe generare: migliori condizioni quadro per le aziende, meno costi amministrativi per i vari settori, effetto positivo su tutta l’economia svizzera, che potrebbe investire di più e creare posti di lavoro, e infine vantaggi per i consumatori.

“Vi posso garantire che la situazione attuale del bilancio della Confederazione permette di abolire questi dazi", ha poi aggiunto. "Non ho tendenze suicide”, ha infine concluso il ministro dell’economia, garantendo che il Consiglio federale non ha alcuna intenzione di abolire in futuro anche i dazi agricoli.

Il dossier è pronto per le votazioni finali.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved