export-armi-la-deroga-da-filo-da-torcere-al-nazionale
Keystone
Sembra farsi più complicato il ritiro dell’iniziativa
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
1 min

Covid, quarantena e telelavoro fino a fine febbraio

Validità dei certificati di vaccinazione e guarigione ridotta a 270 giorni a partire dal 31 gennaio
Svizzera
36 min

Covid, 25 decessi e più di 38mila contagi

Il tasso di test Pcr che hanno dato esito positivo è del 38,4 per cento.
Svizzera
53 min

Trasporti pubblici, in Svizzera prezzi nella media europea

Studio commissionato dalla Litra ha messo a confronto le tariffe di vari Paesi europei. Sfatato il mito del ‘troppo caro’, e poi la qualità è eccellente.
Svizzera
4 ore

È svizzera la 1ª etichetta di responsabilità digitale al mondo

L’obiettivo del marchio, valido per tre anni, è quello di far sentire i clienti sicuri nell’uso della tecnologia digitale fornita dalle aziende.
Svizzera
18 ore

Lacune nel registro di Swisstransplant, Mister dati al lavoro

Possibili violazioni delle norme sulla privacy e dei requisiti di sicurezza. Adrian Lobsiger vuole vederci chiaro dopo le rivelazioni di ‘Kassensturz’
Svizzera
19 ore

Lupo in Svizzera, ‘consentire l’uccisione preventiva’

Anche la competente commissione del Consiglio degli Stati vuole poter regolare i branchi sul modello di quanto già avviene per lo stambecco
Svizzera
22 ore

Cade da un ponte di carico: un ferito a Thusis

L’uomo, un camionista 58enne, stava scaricando una turbina da neve quando ha perso l’equilibrio
Svizzera
23 ore

‘La regola delle 2G? È una restrizione ancora giustificata’

Virginie Masserey fa il punto alla situazione della pandemia in Svizzera. Infezioni ad alto livello ma stabili
Svizzera
1 gior

Coronavirus, in 24 ore 29’142 nuovi casi in Svizzera

Eseguiti 76’619 test. In crescita il numero di persone ospedalizzate (+125) e quello dei decessi (+14)
Svizzera
1 gior

Oltre duecento milioni di pacchi in un anno per la Posta

Più pacchi e meno lettere nel 2021 per il gigante giallo: il trend prosegue. Creati 809 impieghi con la nuova unità logistica
Svizzera
1 gior

Terriccio prende fuoco: principio d’incendio a Ruschein

A domare le fiamme sono stati i residenti del condominio. Polizia cantonale al lavoro per stabilire le cause del rogo
Svizzera
1 gior

Vendite per 13,25 milioni: fatturato record per Caritas

Künzler: ‘Ma la sfida resta quella di alleggerire il più possibile il budget delle persone con difficoltà finanziarie’
Svizzera
1 gior

Tavolino Magico, distribuite 5’182 tonnellate di alimenti

Contro il ‘food waste’, cifre in aumento del 14 per cento rispetto al 2019. Aiutate oltre 21mila persone in difficoltà
Svizzera
1 gior

Scarsa efficacia protettiva: mascherina ritirata dal mercato

La Suva richiama per conto della Procurement Corp Ag il dispositivo di protezione N95/Ffp2 della marca ‘Zg’
13.09.2021 - 19:010
Aggiornamento : 19:56

Export armi, la deroga dà filo da torcere al Nazionale

Il Consiglio federale deve poterlo autorizzare in casi eccezionali? Acceso dibattito al Nazionale sull’iniziativa correttiva e il controprogetto indiretto

a cura de laRegione

Berna – Acceso dibattito oggi al Consiglio nazionale sull’iniziativa popolare “Contro l’esportazione di armi in Paesi teatro di guerre civili” (Iniziativa correttiva). Se da un lato si è fatto leva sulla tradizione umanitaria elvetica, dall’altro si è posto l’accento sugli aspetti economici. La commissione preparatoria, come gli Stati, ne propone la bocciatura, a favore del controprogetto indiretto proposto dal Governo, leggermente modificato. Proprio queste modifiche hanno catalizzato l’attenzione dei parlamentari.

L’iniziativa vuole garantire il controllo e la partecipazione democratica e impedire l’esportazione di materiale militare in Paesi teatro di violazioni gravi e sistematiche dei diritti umani o di guerre civili, ha ricordato in entrata Doris Fiala (Plr/ZH), a nome della commissione. Prevede che i criteri di autorizzazione per l’export, oggi disciplinati a livello di ordinanza, vengano iscritti nella Costituzione. Ciò significa che popolo e cantoni sarebbero chiamati a decidere in merito a eventuali modifiche.

Esportare la pace

Il testo è sostenuto dalla sinistra, ma anche dai Verdi liberali. Nel corso del dibattito, Léonore Porchet (Verdi/VD) ha elencato una serie di recenti “incidenti” che hanno permesso ad armi svizzere di giungere in zone teatro di guerra, gettando cattiva luce sulla Confederazione e la sua neutralità. “L’iniziativa è la risposta a queste promesse tradite”, ha sostenuto, chiamando il plenum a sostenerla.

Greta Gysin (Verdi/TI) ha ricordato i vari tentativi del Governo di allentare le norme in vigore. Eppure non dobbiamo dimenticare che “le armi e il materiale bellico uccidono”, ha aggiunto. Il Governo è venuto meno alle sue promesse di 12 anni fa ed è qui che vuole intervenire l’iniziativa, ha spiegato.

“Vogliamo esportare la pace e non la guerra, i nostri buoni uffici, i servizi di mediazione”, le ha fatto eco Marionna Schlatter (Verdi/ZH). Priska Seiler Graf (Ps/ZH) ha da parte sua ricordato la levata di scudi della popolazione nel 2018 contro la volontà del Consiglio federale di allentare le restrizioni nelle esportazioni di materiale bellico.

Difendere aziende

Per la destra non è invece opportuno un disciplinamento a livello costituzionale. Il parlamento avrebbe meno competenze, ha rilevato Bruno Walliser (Udc/ZH), sottolineando inoltre l’importanza dell’industria tecnica, e le sue esportazioni, per l’economia svizzera. Oltretutto “puntiamo sulle armi difensive, prodotte per tutelare la popolazione”, ha proseguito.

L’iniziativa si spinge troppo lontano anche per il Plr. Da un punto di vista politico non è giusto che popolo e cantoni decidano i criteri di esportazione, ha fatto notare Maja Riniker (Plr/AG), spezzando una lancia in favore di un disciplinamento a livello di legge.

Analoga la posizione di Thomas Rechtsteiner (Centro/AI), che ha pure sottolineato l’importanza del know-how dell’industria bellica elvetica per l’esercito svizzero. Anche Rocco Cattaneo (Plr/TI) ha posto l’accento sul settore che produce materiale bellico fatto di centinaia di aziende “che non potrebbero sopravvivere con la sola domanda interna”. “Un’adozione dell’iniziativa sarebbe drastica per l’industria della sicurezza”, gli ha fatto eco Alex Farinelli (Plr/TI).

Il controprogetto

Anche il Consiglio federale ritiene eccessiva l’iniziativa e ha elaborato un controprogetto indiretto, a livello di legge quindi, ciò che consente al popolo di avere l’ultima parola tramite referendum facoltativo. Esso elimina le deroghe di esportazione per i Paesi che violano gravemente e sistematicamente i diritti umani. Le vendite a Paesi in guerra civile continuerebbero ad essere vietate.

Lo scorso mese di giugno il Consiglio degli Stati ha voluto inasprirlo, cancellando una deroga da questi criteri concessa all’Esecutivo in circostanze eccezionali, per salvaguardare gli interessi di politica estera o di sicurezza nazionale. Proprio su questa deroga si sono concentrati molti interventi. La clausola è particolarmente mal digerita a sinistra, ma anche al centro, poiché secondo questi schieramenti indebolirebbe troppo il controprogetto.

La commissione preparatoria propone al plenum di stralciarla, poiché la considera una cambiale in bianco. Ritiene tuttavia che in casi eccezionali determinate deroghe debbano restare possibili, “ma devono essere limitate ai Paesi democratici che dispongono di un sistema di controllo delle esportazioni paragonabile a quello della Svizzera”.

Raccomanda inoltre la bocciatura di altre due proposte volte a rendere più severo il controprogetto. La prima prevede che la fornitura di pezzi di ricambio sia soggetta alle stesse condizioni di quelle applicate al materiale bellico, la seconda di disciplinare il divieto di esportazione nei casi in cui esiste un rischio elevato, anche al di fuori del Paese destinatario, che il materiale bellico sia impiegato contro la popolazione.

Il dibattito si concluderà mercoledì.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved