ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
6 ore

Mattarella auspica Berna in programmi europei di ricerca

Per il presidente italiano ‘una collaborazione che si inserisce nel più ampio contesto europeo e contribuisce allo sviluppo del nostro continente’
Svizzera
10 ore

Sulla protezione della biodiversità la Svizzera è indietro

La Confederazione è all’ultimo posto in Europa: dal 2012 nessuna zona è stata inserita nella rete paneuropea di aree protette ‘Smeraldo’
Svizzera
12 ore

Tetto massimo ai premi di cassa malati, non se ne parla

Il Consiglio degli Stati ha respinto l’entrata in materia sulla proposta socialista di limitare i premi al 10% del reddito disponibile
Svizzera
13 ore

Cercasi mangiatori di plastica nei suoli alpini

L’Istituto federale di ricerca sulla foresta, la neve e il paesaggio ne ha analizzato la possibilità: scoperti organismi sensibili
Successione Sommaruga-Maurer
1 gior

I partiti mantengono un profilo basso

A seguito delle prime audizioni i vari gruppi partitici non si sbilanciano: per il momento nessuna raccomandazione di voto
Svizzera
1 gior

Sergio Mattarella accolto con gli onori militari

Il Consiglio federale al completo ha accolto il presidente della Repubblica italiana, il quale resterà nel Paese per una visita di Stato di due giorni
Svizzera
1 gior

Vögele Shoes chiude a fine anno e licenzia 131 persone

La società si trova attualmente al centro di una procedura di fallimento
Svizzera
1 gior

Il lupo resta ‘rigorosamente protetto’

La Convenzione di Berna respinge la richiesta svizzera di catalogare il grande predatore come specie solo ‘protetta’
Svizzera
1 gior

Sindacati e impresari costruttori raggiungono un accordo

L’esito dei negoziati per il contratto mantello deve ancora essere approvato dagli organi decisionali di entrambe le parti
Svizzera
1 gior

Se il Gigante giallo non resta al passo coi tempi

A rivelarlo Roberto Cirillo, Ceo della Posta: ‘Non ci stiamo muovendo abbastanza velocemente nell’attuazione della nostra strategia di ammodernamento’
Svizzera
1 gior

Al via la riforma del Secondo pilastro

Passano la riduzione del tasso di conversione dal 6,8 al 6% e l’abbassamento della soglia d’entrata nel sistema
Svizzera
1 gior

Dopo la pandemia, meno ‘littering’ in Svizzera

Diverse città, fra le quali Lugano, hanno messo in atto misure per contrastare il fenomeno dell’abbandono indiscriminato di rifiuti in terra
26.08.2021 - 09:08
Aggiornamento: 12:35

Svizzera, un bambino su tre è fortemente stressato

Fra le principali fonti del disagio: casa, scuola e covid-19, soprattutto in Romandia e Ticino. Lo rileva un sondaggio di Pro Juventute su mille persone

svizzera-un-bambino-su-tre-e-fortemente-stressato
La percezione degli insegnanti è un fattore determinante (foto archivio Ti-Press)

Casa, scuola e covid-19 sono le tre principali fonti di stress per le giovani generazioni, sia bambini sia ragazzi in tutta la Svizzera, infatti uno su tre nel nostro paese è fortemente stressato. Un terzo è una proporzione considerevole. A rilevarlo è stato un sondaggio della Fondazione Pro Juventute.

“Un terzo dei bambini e dei giovani è sottoposto a un alto livello di stress. I bambini stressati sono molto più ansiosi e insicuri degli altri bambini e beneficiano di un livello di benessere soggettivo significativamente inferiore. Rispetto agli altri bambini, passano meno tempo con gli amici, hanno meno voce in capitolo a casa e hanno insegnanti con una probabile tendenza ad avere una visione negativa della classe”, si legge nel comunicato stampa della fondazione.

Lo studio è stato condotto su un campione di 1'056 bambini e giovani in 56 classi in tutta la Svizzera e i risultati mostrano come “lo stress sia un compagno fedele delle giovani generazioni”.

Il livello è molto più alto nelle ragazze

“Il 33% dei bambini e dei giovani intervistati ha mostrato forti sintomi di stress. Le giovani generazioni della Svizzera francese (34%) e del Ticino (39%) sono un po’ più stressate rispetto a quelle della Svizzera tedesca (31%). I livelli di stress crescono con l’aumentare dell’età dei giovani partecipanti al sondaggio. Mentre tra i bambini fino a 11 anni il 26% di loro è stressato, nella fascia di età superiore ai 14 anni, lo è il 45%, cioè quasi il doppio. Il livello di stress delle ragazze è significativamente più alto di quello dei ragazzi. 

Lo stress a scuola

“La scuola è un grande fattore di stress. Esami, compiti, ma anche litigi in classe e bullismo portano a un aumento dello stress tra gli studenti”, spiega la fondazione nel comunicato.

Anche gli insegnanti hanno un grande impatto sulla percezione dello stress. Più negativa è l’immagine che l’insegnante ha della classe, più stressati sono gli alunni. Gli insegnanti che hanno un’immagine negativa della classe hanno fatto affermazioni come «gli allievi non si impegnano abbastanza» o «gli allievi sono pigri e piagnucolosi». 

E lo stress a casa

Rispetto agli altri, i bambini con alto stress dichiarano di avere poca voce in capitolo a casa e che i loro genitori si interessano poco a loro. Il 37% dei bambini stressati dice di avere un cattivo rapporto con i propri genitori. Tra i bambini meno stressati, la cifra è del 13%. 

Coronavirus, in aumento i problemi di salute psichica

Il sondaggio è stato condotto prima dello scoppio della pandemia di coronavirus. Tuttavia, è noto da altre indagini che la pandemia è stata particolarmente impegnativa per le giovani generazioni. I giovani soffrono per le restrizioni nella vita sociale, mancano gli amici, con cui ci si può vedere di meno. Anche i problemi di salute psichica sono aumentati nella pandemia da coronavirus.

Le consultazioni al 147 su problemi di salute psichica, ad esempio, sono aumentate del 40%.  Nello studio Swiss Corona Stress Study, condotto nel marzo 2021, la percentuale di giovani intervistati con gravi sintomi depressivi era del 27%. 

I bambini hanno diritto al tempo libero e al riposo 

Se lo stress è più frequente, questo va a discapito della salute psichica. Rispetto agli altri, i bambini e i giovani con forte stress sono significativamente più segnati da ansia e insicurezza, da un minore benessere soggettivo e da una bassa percezione di autoefficacia. 

Il sondaggio mostra che più tempo i bambini e i giovani hanno per il riposo, per incontrare gli amici e per dedicarsi agli hobby come lo sport o la musica, meno sono stressati. I risultati dello studio di Pro Juventute servono come spunto di riflessione per genitori e scuole. Secondo la Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti dell’infanzia, i bambini hanno diritto al tempo libero e al riposo. Questo deve essere preso in considerazione anche nella vita quotidiana della scuola e della famiglia. 

Il sondaggio è stato svolto tra ottobre 2019 e febbraio 2020. La pubblicazione è stata rimandata a causa della pandemia di coronavirus.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved