ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
42 min

Successione di Maurer, anche Natalie Rickli si defila

L’ex consigliera nazionale di Winterthur, tra i favoriti per il posto vacante in Governo, non sarà della corsa
Svizzera
9 ore

È corsa ai gadget per il risparmio energetico

In Svizzera è boom di vendite per misuratori di energia, timer, ciabatte con interruttori, soffioni doccia a risparmio idrico e candele
Svizzera
15 ore

Sempre più problemi per l’approvvigionamento di farmaci

Le carenze, come precisa l’Ufsp, erano già preesistenti e non dipendono dalla guerra in Ucraina. Mancano anche centinaia di prodotti salvavita
Svizzera
17 ore

Fino a oltre un’ora di coda alle biglietterie Ffs

K-Tipp traccia una mappa della Svizzera in base ai tempi di attesa agli sportelli delle principali stazioni. A Zurigo fino 71 minuti di fila
Svizzera
17 ore

‘Finora tante promesse, ma troppi pochi soldi’

Il Fondo di risarcimento per le vittime dell’amianto sta ancora attendendo i 30 milioni preannunciati da imprese e organizzazioni economiche
Svizzera
17 ore

Abbattuta una giovane lupa in Val Lumnezia

L’esemplare faceva parte del branco di Wannaspitz. L’autorizzazione a cacciarla era stata emessa a inizio settembre
Svizzera
18 ore

Non ci sarà recessione, ma una crescita del Pil più lenta

Lo indicano le previsioni del Kof, che rivede al ribasso la progressione del Prodotto interno lordo
Svizzera
19 ore

La Città di Zurigo ‘congela’ la cannabis legale

Decisione inevitabile in attesa dell’approvazione definitiva del progetto da parte di Berna. Il tutto slitta alla prima metà del 2023
Svizzera
20 ore

La distribuzione di eroina in forma agevolata proseguirà

Le persone stabili dal punto di vista sociosanitario potranno continuare a portare le dosi in compresse a casa anziché recarsi giornalmente nei centri
Svizzera
20 ore

Grigioni, passo avanti per il centro Sup

La commissione preparatoria del Gran Consiglio retico avalla il progetto per la costruzione della nuova Scuola universitaria professionale
Svizzera
20 ore

I funzionari pubblici ginevrini incrociano le braccia

Dal malcontento per il budget 2023 allo sciopero: mercoledì prossimo una giornata di astensione dal lavoro. Baud: ‘È la prima tappa’
Svizzera
21 ore

‘Pronti a ritirare l’Iniziativa per i ghiacciai’

Soddisfatto dal controprogetto, a determinate condizioni il comitato promotore potrebbe fare retromarcia
Svizzera
22 ore

Il mercato del lavoro ha raggiunto il suo picco

Dopo mesi di forte crescita (+15% da inizio anno), le offerte di impiego sembrano essersi arrestate: 1% nell’ultimo trimestre
Svizzera
1 gior

Impennata di casi di coronavirus

Sono 25’134 nell’ultima settimana, con 13 morti e 290 ricoverati. Una settimana fa erano il 50 per cento in meno
le mosse nell’udc
1 gior

Stamm Hurter apre a una candidatura per il dopo-Maurer

È consigliera di Stato nel Canton Sciaffusa. Gregor Rutz, interpellato sullo stesso argomento, invece si tira indietro: era considerato tra i favoriti
Svizzera
1 gior

Negli impianti di risalita... saliranno anche i prezzi

Previsti aumenti ‘moderati’. Resta anche la sfida del reclutamento del personale
Svizzera
1 gior

Riuscita l’iniziativa per l’imposizione individuale dei coniugi

I promotori chiedono una tassazione separata allo stesso modo dei conviventi. Ma è già allo studio il progetto del Consiglio federale
laR
 
19.08.2021 - 18:06

Il ‘jolly’ Stefan Blättler: la carica mi è stata proposta

Il probabile futuro procuratore generale della Confederazione svela il retroscena della sua candidatura

il-jolly-stefan-blattler-la-carica-mi-e-stata-proposta
Keystone
L’uomo giusto?

La Commissione giudiziaria (Cg) del Parlamento lo ha cercato ovunque. Lo ha fatto per un anno intero, costellato da indiscrezioni e polemiche. Alla fine lo ha trovato dietro l’angolo: il candidato alla successione di Michael Lauber alla testa del Ministero pubblico della Confederazione (Mpc) è Stefan Blättler, dal 2006 comandante della polizia cantonale bernese. A dispetto della sua ‘visibilità’ (tra il 2014 e il 2020 è stato anche presidente della Conferenza dei comandanti delle polizie cantonali svizzere), il 62enne è rimasto fino all’ultimo fuori dai radar di osservatori e mass media. Anche perché, se fosse stato solo per lui, non si sarebbe fatto avanti: all’agenzia Keystone-Ats ieri ha detto che a convincerlo a candidarsi sono state persone appartenenti “alla cerchia professionale più stretta”.

Il jolly

In commissione Stefan Blättler ha messo tutti d’accordo. Lunga esperienza nel campo del perseguimento penale, solide competenze dirigenziali, le qualità personali necessarie, una carriera esemplare (lodata da molti, anche a sinistra, nel suo cantone) in seno alla polizia cantonale bernese, il fatto che parli fluentemente tedesco, francese, italiano e inglese: secondo la Cg Blättler “soddisfa tutti i requisiti richiesti” per ricoprire questa carica. “Abbiamo estratto il jolly”, ha commentato alla Srf il suo presidente, un entusiasta Andrea Caroni (Plr/Ar). L’Assemblea federale non dovrebbe trovare granché da ridire su un candidato unico di tale calibro. L’elezione del nuovo procuratore generale della Confederazione è prevista il 29 settembre.

Sembra dunque volgere finalmente al termine la tormentata procedura di selezione e nomina del successore di Michael Lauber. Il posto è vacante da poco più di un anno. Lauber si era dimesso per la fine di agosto del 2020, travolto dalle critiche ricevute per gli incontri segreti avuti col presidente della Fifa Gianni Infantino nell’ambito della maxi-inchiesta sul mondo del calcio internazionale. Da allora la direzione della Procura federale è garantita ad interim dai due vice di Lauber, Ruedi Montanari e Jacques Rayroud.  La Cg ha messo a concorso per ben tre volte il suo posto. L’elezione prevista per la sessione primaverile delle Camere era stata rinviata dopo che i candidati rimasti in lizza (Maria-Antonella Bino, Lucienne Fauquex e Félix Reinmann) non avevano fatto l’unanimità. E la Cg a sua volta era stata subissata dalle critiche per le indiscrezioni filtrate alla stampa sui nomi dei papabili e le divisioni che questi avevano creato al suo interno. Errori che stavolta si è voluto a tutti i costi evitare. Sono state adottate tutte le misure possibili per garantire alle candidati e ai candidati il massimo della discrezione, ha affermato Caroni. 

Sei anni di tempo

Ma a sbloccare la situazione è stato anche, e forse soprattutto, un altro elemento: l’innalzamento a 68 anni del limite d’età per ricoprire la carica di procuratore generale e sostituto procuratore generale della Confederazione (attualmente la funzione non può essere occupata oltre l’età legale di pensionamento). Il Consiglio degli Stati ha già dato luce verde, all’unanimità, alla proposta della sua Commissione degli affari giuridici (Cag-S). Se anche il Consiglio nazionale farà altrettanto, come peraltro appare scontato, la modifica dovrebbe entrare in vigore il 1. gennaio 2022. Il 62enne Blättler avrebbe così sei anni di tempo a disposizione. Per riportare tranquillità al Ministero pubblico della Confederazione e in seguito per preparare l’istituzione alle riforme strutturali che la attendono, ha spiegato Caroni alla Srf. 

Quello delle riforme strutturali è un cantiere già aperto. La Cag-S ha incaricato di recente il Consiglio federale di gettare le basi di una riforma globale dell’Mpc e della sua autorità di vigilanza (Av-Mpc). La proposta è scaturita dal rapporto finale delle Commissioni della gestione sulla relazione di vigilanza tra le due entità. Secondo il documento, pubblicato lo scorso 22 giugno, l’elezione del Mpc e dell’Av-Mpc deve restare di competenza del Parlamento e all’autorità di vigilanza vanno attribuiti maggiori poteri e risorse. Le Commissioni della gestione si soffermano in particolare sul “vertice monocratico” dell’Mpc. Per evitare un’eccessiva concentrazione di competenze e una sovraesposizione mediatica e politica del procuratore generale della Confederazione, suggeriscono di approfondire l’ipotesi – formulata dagli esperti – di passare a una direzione collegiale. La scelta di un candidato unico fatta dalla Cg non è in contraddizione con questa proposta, ha spiegato Caroni: abbiamo cercato una persona per il sistema attuale e un vertice con più persone al momento non sarebbe nemmeno permesso, ha precisato l’appenzellese. Ad ogni modo ci vorrà ancora parecchio tempo prima che un’eventuale direzione collegiale dell’Mpc – un’idea che trova perplesso il Dipartimento federale di giustizia e polizia – si concretizzi e finisca sul tavolo del futuro procuratore generale (unico) della Confederazione.

Scelta non facile

Blättler, in dichiarazioni all’agenzia Keystone-Ats, ammette: la decisione di candidarsi per il posto lasciato vacante da Michael Lauber non è stata facile. Significa in particolare dover rinunciare alla guida dell’Istituto svizzero di polizia di Neuchâtel, una responsabilità che avrebbe assunto a partire dal prossimo anno. Il comandante della polizia cantonale bernese – figlio di un ex comandante della polizia cantonale nidvaldese, titolare di un dottorato in diritto e docente all’Istituto di diritto penale e di criminologia dell’Università di Berna – non nasconde un certo timore reverenziale per un compito che si presenta difficile. Ma, grazie alla sua esperienza, pensa di poter influire sul funzionamento del Mpc. Crede che per il posto di procuratore generale sia necessaria una persona capace di risolvere sfide complicate, come è stato il caso della creazione di una polizia unica per il canton Berna.

 


 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved