turgovia-subi-abusi-piu-di-50-anni-fa-ricorso-accolto
Keystone
Il monastero di Fischingen, dove fino al 1976 c’era il brefotrofio St. Iddazell
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
12 ore

Trattati internazionali, no a referendum obbligatorio

Il Nazionale bissa la decisione di non entrata in materia. Il progetto è definitivamente affossato.
Svizzera
12 ore

Stop ai viaggi per chi è ammesso provvisoriamente in Svizzera

Il Nazionale si allinea al Consiglio degli Stati. Ai titolari di un permesso F non sarà consentito muoversi nemmeno all’interno dello spazio Schengen.
Svizzera
14 ore

Passo avanti in Svizzera verso il ritorno dei test gratuiti

I ‘senatori’ sono d’accordo sul principio, ma vogliono escludere i test rapidi per uso personale o quelli sierologici non ordinati dal Cantone
Svizzera
15 ore

Due bambine rimpatriate in Svizzera dalla Siria

Le due giovani, partite da un campo nel Nord-est del Paese, sono in viaggio verso la Confederazione. La madre si sarebbe unita alla milizia dell’Isis.
Svizzera
15 ore

L’esercito inasprisce le regole per uscite e congedi

Da oggi nuove direttive per impedire contagi e casi di Covid-19. Per tutti i militari uscite limitate all’area della piazza d’armi e all’accantonamento
Svizzera
19 ore

‘Media indipendenti fondamento della democrazia diretta’

Il comitato per il ‘sì’ al pacchetto di aiuti lancia la campagna in vista della votazione del 13 febbraio
Svizzera
20 ore

Pochissime le morti fra i vaccinati

A dirlo l’Ufficio federale della sanità pubblica. In quasi 9 decessi su 10 le vittime non erano state completamente vaccinate
Svizzera
20 ore

In Svizzera 23’888 nuovi casi di Covid nel weekend

Nelle ultime 72 ore si registrano anche 39 nuovi decessi e 181 ricoveri in ospedale
Svizzera
29.07.2021 - 15:210
Aggiornamento : 16:36

Turgovia, subì abusi più di 50 anni fa: ricorso accolto

L’uomo chiede di essere risarcito in base alla legge sull’assistenza alle vittime. Il suo legale: svolta nella questione della prescrizione, sentenza storica.

a cura de laRegione

Frauenfeld – Il Tribunale cantonale turgoviese ha accettato il ricorso di un uomo che ha richiesto assistenza per le vittime di abusi ad oltre 50 anni dai reati. La sentenza, passata in giudicato, è da considerare storica per quanto riguarda la prescrizione, afferma il suo legale.

Il verdetto è una svolta nella questione della prescrizione, e si applica anche a tutti gli altri casi, sostiene il legale della vittima. Le Chiese non potranno più nascondersi dietro l'argomento che i reati sono caduti in prescrizione, ha detto il difensore all'agenzia di stampa Keystone-ATS.

Abusi da un prete

Il suo cliente, ora 65enne, quando era bambino ha subito abusi da un prete cattolico nell'Istituto St. Iddazell (Santa Idda, monaca di clausura) del monastero di Fischingen, che lo ha ospitato dal 1962 al 1972. Nel 2013, l'uomo ha fatto richiesta di risarcimento in base alla legge sull'assistenza alle vittime di abusi.

Al monastero responsabile della scuola dedicata a Santa Idda la vittima richiede un importo di 150'000 franchi di risarcimento e una riparazione morale di 70'000 franchi. Il suo avvocato ha inoltre chiesto al cantone un indennizzo di 1,38 milioni di franchi.

Consapevolezza tardiva

Il tribunale distrettuale di Münchwilen riteneva che le richieste fossero cadute in prescrizione. Ma la istanza superiore non stata è d'accordo: nella fattispecie, la vittima si è resa conto degli abusi subiti solo nel 2010, quando i media hanno riferito di fatti analoghi avvenuti in un monastero del Vorarlberg austriaco. Fu allora che il querelante ha sentito per la prima volta il bisogno legittimo di avvalersi dei diritti di protezione della legge sull'assistenza alle vittime di abuso.

Il tribunale distrettuale deve ora riesaminare se l'uomo ha diritto al risarcimento. L'avvocato vuole intanto sedersi al tavolo con il governo cantonale e negoziare l'indennizzo.

Sevizie quotidiane

Nel novembre del 2012 il monastero turgoviese aveva assegnato ad una società esterna l'incarico di far luce sulle accuse di abusi sessuali avanzate nei confronti di un frate ed ex insegnante del brefotrofio St. Iddazell, chiuso nel 1976. Alcuni ex scolari e alunni di scuola secondaria avevano detto di avere subito abusi sessuali e sevizie da parte dell'insegnante negli anni Settanta.

Due anni dopo un rapporto in merito ha confermato che bambini e adolescenti ospitati al St. Iddazell sono stati vittime di violenze e abusi sessuali. Le punizioni e la violenza fisica nei confronti dei convittori dell'istituto di educazione, in passato uno dei più grandi della Svizzera, erano all'ordine del giorno. I ragazzi sono stati picchiati con cinture e bastoni, costretti a stare inginocchiati per ore o puniti con la rasatura a zero, la negazione dei pasti e la reclusione al buio. Stando al rapporto, non vi sono inoltre dubbi che si siano anche verificati abusi sessuali. Le vittime erano sia maschi che femmine, autori i maestri, frati, suore, giardinieri e un direttore.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved