l-autorita-di-vigilanza-sull-mpc-va-rafforzata
Keystone
Strascichi del caso Lauber
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
1 ora

Il caldo della primavera 2022 batte tutti i record

Temperature più alte di 2,5 gradi rispetto alla norma. Manca anche la riserva di neve. Dodici stazioni meteo locali registrano nuove soglie massime
Svizzera
2 ore

Vacanze estive: il Ticino gettonato fra chi resta in Svizzera

Secondo un sondaggio di Generali, solo il 27% di chi andrà in vacanza rimarrà in patria. Un terzo di questi intende passare le vacanze in Ticino
Svizzera
21 ore

Gli svizzeri spendono di più all’estero (lo dicono le carte)

In particolare in Francia e in Italia, stando ai dati di Monitoring Consumption Switzerland, sito che osserva i dati delle carte di pagamento
Svizzera
22 ore

‘I cambiamenti climatici alla base di incidenti come questo’

Il glaciologo Jacopo Gabrielli torna sulla tragedia consumatasi stamane sul Grand Combin e costata la vita a due persone
Svizzera
22 ore

Le lingue dei segni vanno riconosciute giuridicamente

Il governo riprende l’idea della Commissione della scienza, dell’educazione e della cultura del Nazionale. Ma non con una legge separata
Svizzera
1 gior

C’è un volto e un nome dietro ai misteriosi incendi

È un 33enne svizzero il presunto piromane che da aprile teneva col fiato sospeso gli abitanti del canton Soletta. Oltre una dozzina i roghi
Svizzera
1 gior

Base jumper si schianta con la tuta alare nel canton San Gallo

L’incidente si è verificato in mattinata nella località di Walenstadtberg, tra l’Alp Tschingla e l’Alp Büls
Svizzera
1 gior

Task force per individuare i beni russi? Non ce n’è bisogno

Pur riconoscendo che ‘l’attuazione delle sanzioni pone sfide in parte nuove’, il Consiglio federale non ritiene necessaria la sua istituzione
22.06.2021 - 17:41

L’autorità di vigilanza sull’Mpc va rafforzata

Le Commissioni della gestione del Parlamento chiedono più mezzi e competenze. Sul tavolo l’ipotesi di una direzione collegiale della Procura federale.

Berna – L'Autorità di vigilanza sul Ministero pubblico della Confederazione (AV-MPC) va rafforzata. Dopo aver esaminato le divergenze esistenti tra l'AV-MPC e il Ministero pubblico della Confederazione (MPC), le Commissioni della gestione (CdG) delle Camere federali propongono di accordargli più mezzi e competenze.

L'autorità di vigilanza deve restare una entità indipendente dal Consiglio federale. Nessuno auspica l'introduzione di una vigilanza politica, indicano le CdG nel rapporto finale pubblicato oggi. Insomma: il modello attuale è idoneo. Nelle loro raccomandazioni gli esperti partono dal presupposto che il legislatore punti a rafforzare la vigilanza o, in ogni caso, a non indebolirla.

Le CdG raccomandano di accordare alla vigilanza un diritto esteso di consultare gli atti, anche nei procedimenti in corso. L'AV-MPC ha del resto proposto di estendere i suoi diritti all'informazione ispirandosi al potere delle autorità che esercitano l'alta vigilanza parlamentare. Le commissioni raccomandano alle Camere federali di legiferare in questo senso.

Lacune da colmare

L'AV-MPC dovrebbe inoltre conservare il suo diritto disciplinare. L'Assemblea generale e la Commissione giudiziaria non sono infatti gli organi adatti a condurre procedimenti disciplinari. Alcune lacune andrebbero colmate e tale diritto completato.

Nel settore del diritto del personale, le CdG non riscontrano invece nessuna necessità di fare chiarezza. L'autorità non dovrebbe avere competenze supplementari in materia. Quanto ai problemi legati all'elezione, rielezione e destituzione di persone con ruoli dirigenziali del MPC, questi dovrebbero essere risolti con la riforma della rielezione dei giudici della attualmente in corso.

L'esperienza ha mostrato che è in particolare la rinomina del procuratore generale a correre il pericolo di essere politicizzata. Ciò ne pregiudica l'indipendenza e rappresenta anche un problema: candidati altamente qualificati non si mettono praticamente più a disposizione per la carica, evidenzia il rapporto.

Riforme legislative in vista

Per le CdG occorre chiarire i rapporti di lavoro tra Parlamento e la direzione del MPC e risolvere i problemi derivanti dalle disposizioni sulla nomina dei procuratori straordinari. Devono inoltre essere tenute in considerazione le proposte degli esperti in merito a una direzione collettiva del MPC nel quadro di un modello adattato in funzione dei settori di competenza.

L'autorità di vigilanza dovrebbe poi diventare più professionale. Ciò implica un adeguato indennizzo dei membri e una migliore dotazione di risorse. Secondo le CdG, sarebbe inoltre opportuna una aggregazione a una unità amministrativa o ai Servizi del Parlamento.

La palla è ora nelle mani delle Commissioni degli affari giuridici. Spetta a loro avviare una revisione legislativa.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
autorità di vigilanza ministero pubblico confederazione mpc parlamento rapporto
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved