COB Jackets
2
PIT Penguins
5
fine
(2-2 : 0-0 : 0-3)
CAR Hurricanes
6
NY Rangers
3
fine
(2-0 : 3-1 : 1-2)
NY Islanders
4
ARI Coyotes
0
3. tempo
(2-0 : 0-0 : 2-0)
Detroit Red Wings
4
DAL Stars
4
3. tempo
(1-1 : 2-2 : 1-1)
CHI Blackhawks
0
MIN Wild
5
2. tempo
(0-3 : 0-2)
ANA Ducks
TB Lightning
04:00
 
Seattle Kraken
STL Blues
04:00
 
VAN Canucks
FLO Panthers
04:00
 
tpf-due-islamisti-a-processo-prendiamo-le-distanze-dall-isis
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
10 ore

Impressum per il ‘sì’ all’aiuto ai media

I delegati della più grossa associazione di giornalisti si esprimono all’unanimità
Svizzera
11 ore

Svizzeri ben disposti a cambiare lavoro

Dallo scoppio della pandemia ha cambiato occupazione una persona su quattro, in cerca di un migliore equilibrio tra attività professionale e vita privata
Svizzera
12 ore

Il World Economic Forum sarà a Davos dal 22 al 26 maggio

Il tema del Wef, inizialmente previsto in gennaio, sarà “Lavorare insieme, ripristinare la fiducia” (Working Together, Restoring Trust)
Svizzera
13 ore

L’Ufsp raccomanda il richiamo per i giovani fra i 12 e i 15 anni

Il ‘booster’, con Pfizer, è raccomandato non prima di 4 mesi dall’ultima dose e avviene al di fuori dell’omologazione da parte di Swissmedic (off-label)
Svizzera
14 ore

In Svizzera pazienti Covid in cure intense ancora sotto il 30%

Si registra a livello giornaliero una leggera flessione dei contagi. 22 i decessi segnalati
Svizzera
15 ore

Aiuti ai media, tendenza al voto verso il No

Il secondo sondaggio Tamedia dà il No al 57% e in crescita. Divieto di pubblicità al tabacco e tassa di bollo verso il Sì
Svizzera
19 ore

Maurer accusa i media: ‘Presentano solo gli scenari peggiori’

Il consigliere federale sostiene che la pressione dei media sulla pandemia ha portato la politica ad applicare misure forse non necessarie
Svizzera
19 ore

Reparti di cure intense stabili, il problema è il personale

Nella maggior parte degli ospedali svizzeri la situazione si è stabilizzata, ma troppe assenze per malattia costringono a rinviare centinaia di interventi
la visita in germania
1 gior

Cassis a Berlino: relazione con l’Ue fondamentale

Il presidente della Confederazione faccia a faccia con il nuovo cancelliere tedesco Scholz, la ministra degli Esteri Baerbock e il presidente Steinmeier
Svizzera
1 gior

Latte bio: i contadini ottengono quattro centesimi in più

Adeguamento a partire da febbraio a causa dell’aumento dei costi di produzione dovuto a direttive più severe
votazioni del 15 maggio
1 gior

Legge Netflix, inoltrate 65mila firme

Si voterà sulla discussa tassa del 4%, ma anche sulla donazione degli organi e sulle frontiere
il dossier
1 gior

L’Ocse chiede alla Svizzera riforme sul mercato del lavoro

Ottimismo per il futuro della Confederazione e un Pil previsto in crescita del 3,5%. Tra i problemi il divario salariale tra uomini e donne
Svizzera
1 gior

No al consenso presunto per la donazione di organi

Inoltrate alla Cancelleria federale più di 64mila firme contro la revisione della legge sui trapianti che introduce il consenso presunto in senso lato
Svizzera
1 gior

Ricoveri e decessi calano a livello settimanale in Svizzera

Nonostante l’aumento dei casi, -26% di ricoveri con o a causa del Covid e -10% di decessi. Quasi due terzi delle vittime aveva più di 80 anni.
16.06.2021 - 17:530
Aggiornamento : 19:00

Tpf, due islamisti a processo. 'Prendiamo le distanze dall'Isis'

Due ginevrini, accusati di essersi uniti allo Stato Islamico in Siria e Iraq, dichiarano ora di aver definitivamente voltato le spalle all'estremismo

a cura de laRegione

Il Ministero pubblico della Confederazione (MPC) ha chiesto oggi 36 mesi e 30 mesi di reclusione, parzialmente sospesi, contro due ex islamisti che sono comparsi davanti al Tribunale penale federale (TPF) di Bellinzona. I difensori hanno chiesto l'assoluzione. La sentenza sarà pronunciata in altra data.

Il procuratore federale ha ricordato la gravità dei fatti che hanno portato i due ginevrini, di 26 e 35 anni, al banco degli imputati. Dal 2013 i due, che frequentavano gli ambienti di estrema destra ginevrini, si sono avvicinati al movimento islamista che gravitava attorno alla moschea di Petit-Saconnex.

Il rappresentante del MPC ha sottolineato che gli atti preparatori dei due uomini prima della loro partenza per la Turchia, da dove avrebbero dovuto unirsi ai combattenti del sedicente Stato islamico (Isis) nella zona siro-irachena, erano gravi e assodati. Gli imputati hanno riconosciuto i fatti e non hanno mai veramente espresso rimorsi, anche se ora hanno preso le distanze dall'Islam radicale.

La difesa chiede assoluzione

Gli avvocati dei due ex islamisti hanno chiesto l'assoluzione per tutti i capi d'accusa. François Canonica, legale di H. G., ha sottolineato il pentimento totale del suo cliente, la sua condotta irreprensibile dal suo rilascio quattro anni fa e la fattualità di ciò che ha chiamato la sua "deradicalizzazione". Si è opposto all'estensione delle restrizioni.

Philipp Roth è arrivato alle stesse conclusioni per il suo cliente, il giovane A. M., che è stato introdotto nei circoli islamisti da H. G. quando aveva solo 18 anni. Ha insistito sulle circostanze attenuanti, cioè la lunga durata della procedura penale, la piena cooperazione dell'imputato, il suo totale pentimento e la sua buona condotta.

Dall'estrema destra all'Islam radicale

A. M., originario di Ginevra, 26 anni il 25 settembre, era stato arrestato l'8 giugno 2016 all'aeroporto di Zurigo, di ritorno dalla Turchia, dove aveva trascorso diversi mesi in un campo di addestramento e da dove aveva tentato di unirsi alle truppe dell'Isis in Siria.

Il giovane, inizialmente seguace di ambienti di estrema destra, si era radicalizzato attraverso il contatto con il suo amico e coimputato H. G. e altre persone che frequentavano la moschea di Petit-Saconnex di Ginevra.

Incalzato dalle domande della corte e del procuratore federale, A. M., a cui è stata concessa la liberazione condizionale dopo sei mesi di detenzione, sta attualmente completando un apprendistato e vive in coppia. Ha spiegato alla presidente del tribunale che si era avvicinato ai movimenti di estrema destra prima e a quelli islamisti poi a causa della sua "volontà bellicosa e della mancanza di amore familiare".

Il ginevrino, che ora è in trattamento psicologico, ha preso completamente le distanze dall'Islam radicale: "È ormai storia antica, non farò più quello che ho fatto", ha assicurato alla corte.

Consapevolezza progressiva

Lo stesso vale per H. G., che compirà 35 anni il 25 agosto. Anche questo ginevrino di origine tunisina, figlio unico, ha definitivamente voltato pagina. Ha spiegato dettagliatamente alla corte il suo percorso, dapprima negli ambienti dell'estrema destra ginevrina, dove aveva conosciuto il giovane A. M. nel 2013, per poi passare al movimento islamista che gravitava intorno alla moschea di Petit-Saconnex.

H. G. ha detto che a causa delle origini straniere, si sentiva a disagio nelle file dell'estrema destra, il che lo ha portato, ha detto, a trovare "l'analogo arabo" di questo tipo di movimenti e ad aderire agli ideali dell'Isis intorno al 2013-2014 dopo essersi documentato sulle reti sociali e aver visto video di propaganda, in particolare di Al-Qaida e dell'Isis.

"Da allora in poi", ha ammesso, "ero pronto ad andare a combattere in nome dell'Islam e per me si trattava di aiutare i perseguitati e abbattere gli oppressori".

"Deriva settaria"

Oggi H. G., diventato antiquario a Ginevra, dice di essere "disgustato dallo Stato islamico: ho aperto gradualmente gli occhi sugli orrori commessi da questi combattenti, grazie alle testimonianze che ho sentito quando ero in prigione in Turchia".

H. G., che aveva raggiunto la Turchia alla fine del 2014 per unirsi alla zona di combattimento siro-irachena, è stato poi arrestato e messo in un centro di detenzione in attesa dell'espulsione. È stato arrestato al suo ritorno in Svizzera il 9 agosto 2016 e gli è stata concessa la liberazione condizionale l'8 maggio 2017. Ora sostiene di essere un musulmano poco praticante e non violento, ed etichetta il movimento islamista come una "deriva settaria".

Il Ministero pubblico della Confederazione (MPC) accusa H. G. di aver lasciato la Svizzera per unirsi all'Isis nella zona siro-irachena dalla fine del 2014 all'agosto 2016, di aver condiviso materiale di propaganda con A. M. e di aver fornito a quest'ultimo un sostegno logistico per integrarlo nell'organizzazione. H. G. è anche accusato di aver aiutato altri simpatizzanti dell'Islam radicale ad unirsi alle organizzazioni combattenti e di averli finanziati.

A. M. dal canto suo è accusato di aver lasciato la Svizzera tra la fine del 2014 e il giugno 2016 con l'obiettivo di unirsi all'Isis nella zona di conflitto tra Siria e Iraq e di aver finanziato questa organizzazione.

 


 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved