ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
1 ora

Più soldi nel portamonete dei pensionati in Svizzera

Il Parlamento chiede un adeguamento integrale delle rendite Avs all’inflazione. Niente da fare per l’aumento dei sussidi di cassa malati.
Svizzera
1 ora

Offensiva solare, obbligo pannelli solo per edifici grandi

La Camera del popolo ha deciso di limitare tale vincolo alle strutture che occupano una superficie al suolo superiore a 300 metri quadrati
Svizzera
1 ora

‘No’ definitivo alla privatizzazione di PostFinance

Lo ha decretato il Consiglio nazionale bocciando senza opposizioni un progetto di revisione legislativa del governo sull’organizzazione della Posta
Ecuador
3 ore

Affonda barca alle Galapagos, svizzeri a bordo: vi sono morti

Secondo le autorità, quattro persone sono decedute e altre quattro risultano disperse: nessuna indicazione per ora sulla sorte dei cittadini elvetici
Svizzera
4 ore

Piano salvataggio aziende elettriche, eliminate divergenze

Il Consiglio federale ha redatto un progetto di legge così da equipaggiarsi precauzionalmente contro un eventuale collasso del sistema
Svizzera
4 ore

Allarme per le piccole medie imprese: ‘Bollette sestuplicate’

Preoccupazione per l’associazione di categoria attiva nell’industria delle macchine, elettrotecnica e metallurgica
Svizzera
4 ore

Sei indebitato? Avrai (forse) una seconda chance

Chiesti miglioramenti sul progetto di legge del Consiglio federale che mira a sostenere le persone in difficoltà finanziarie
Svizzera
5 ore

Le donne contro la riforma Avs: in centinaia a Berna

La manifestazione indetta dalle donne socialiste e dalle co-presidenti della sezione femminile del partito. Annunciato sciopero per il 14 giugno 2023
Svizzera
6 ore

Ecco come hanno votato gli italiani in Svizzera

Il Partito democratico perde la leadership dei voti di lista, ma il risultato a livello di coalizione presenta alcune sorprese rispetto al voto in Italia
Svizzera
8 ore

I faggi precocemente ingialliti sono destinati a morire presto

Secondo uno studio del Wsl, gli alberi su terreni secchi che perdono presto le foglie non si riprendono negli anni successivi
Svizzera
22 ore

‘Altri modelli da discutere in vista della prossima riforma’

A colloquio con Jerôme Cosandey di Avenir Suisse sulle prospettive future del primo pilastro dopo il risicato sì popolare ad Avs 21
Svizzera
1 gior

Domenica di bocciature a livello cantonale

La bocciatura più sonora, col 71,5% dei no, va al credito che il Canton Lucerna voleva dare alla Guardia Pontificia in Vaticano
Svizzera
1 gior

Allevamento intensivo: il no è netto

La bocciatura dell’iniziativa va oltre le previsioni: il 62,86% dei votanti ha infatti detto no
Svizzera
1 gior

Imposta preventiva: respinta dal 52% dei voti

Malgrado il testa a testa, alla fine prevale il no
Svizzera
1 gior

Riforma AVS: le donne andranno in pensione a 65 anni

La modifica della legge federale sull’assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti approvata per un soffio: sì al 50,6%
13.06.2021 - 19:17

Legge-Covid approvata con il 60,2%

Il testo ha ottenuto i favori di 18 cantoni (69,2% in Ticino), mentre otto vi si sono opposti

Ats, a cura de laRegione
legge-covid-approvata-con-il-60-2
Un ristorante chiuso, a Losanna, durante il lockdown (Keystone)

Commercianti, ristoratori e indipendenti continueranno a essere sostenuti in caso di difficoltà legate alla crisi del coronavirus. Gli Svizzeri hanno approvato oggi la Legge Covid-19 con il 60,2% dei voti, confermando i sondaggi e le prime tendenze dell'istituto gfs.bern. Il testo ha ottenuto i favori di 18 cantoni, mentre otto vi si sono opposti.

Tali risultati non costituiscono una sorpresa visto che la maggioranza di partiti e associazioni aveva invitato a sostenere la legge, votata dal Parlamento federale il 25 settembre 2020, che rappresenta lo strumento principale per attenuare le conseguenze sociali ed economiche della pandemia.

Per quanto riguarda i singoli cantoni si nota un'approvazione più netta in quelli latini e a Basilea Città: i Vodesi hanno sostenuto il testo con il 70,1% dei voti, i Ginevrini con il 69,3%, i Ticinesi con il 69,2% e i Basilesi con il 69,1%. Un "sì" confortevole anche a Zurigo (64,4%) e a Berna (60,1%). Nei Grigioni, la legge Covid ha ottenuto il 57,6% dei consensi.

Tra i cantoni che hanno votato "no" spiccano Appenzello Interno (60,8%), Svitto (59,1%), Obvaldo (56,7%) e Uri (54,9%), mentre ad Appenzello Interno, Nidvaldo, Glarona e Turgovia i contrari hanno avuto la meglio con risultati più risicati.

Nessun voto di sfiducia

Il comitato contrario alla legge, denominato "Amici della Costituzione", non è così riuscito a trasformare lo scrutinio in un voto di sfiducia nei confronti del Consiglio federale. Durante la campagna, il campo del "no" aveva tentato di convincere i cittadini che il governo ha reso "le persone malate dalla paura" e ha tolto loro le libertà.

Ultimamente gli "Amici della Costituzione" avevano criticato in particolare le spiegazioni di voto del Consiglio federale, accusandolo di ingannare la popolazione. A loro avviso, il libretto era incompleto, poiché non menzionava il certificato sanitario.

Oggi gli "Amici della Costituzione" si sono detti "delusi" per il netto sì alla Legge Covid-19. Tuttavia il loro co-presidente Werner Boxler ha assicurato che la lotta per ripristinare la sovranità del popolo è soltanto agli inizi. Gli "Amici della Costituzione" sosterranno pertanto il referendum dei Giovani Udc contro le modifiche della legge Covid-19, che risalgono al marzo scorso.

Approvvigionamento in medicinali

Oggi i loro argomenti non hanno però convinto la popolazione, che è stata sensibile agli aiuti economici per i settori che hanno particolarmente sofferto a causa della pandemia. La Legge Covid-19 consente infatti di sostenere finanziariamente le persone e le imprese colpite dalla crisi.

Se fosse stata bocciata, gli aiuti della Confederazione, di cui hanno assoluto bisogno più di 100'000 imprese e oltre un milione di persone, sarebbero stati a rischio, avevano sottolineato Consiglio federale, Cantoni e tutti i partiti (ad eccezione dell'Udc che lasciava libertà di voto) durante la campagna.

Oltre a ristoratori, commercianti e indipendenti, i teatri, i cinema, i fitness e le agenzie di viaggio ne beneficeranno. Il telelavoro o la chiusura delle scuole non hanno invece nulla a che fare con la Legge Covid-19, visto che sono regolamentati dalla legge sulle epidemie.

Il testo consente inoltre di garantire l'approvvigionamento del Paese in medicinali, apparecchi respiratori, equipaggiamenti di protezione e altri beni medici importanti. Crea inoltre le basi legali per la presa a carico dei test da parte della Confederazione o l'istituzione di un certificato vaccinale.

Soddisfazione di Ps e Plr

Le reazioni al "sì" alle urne non si sono fatte attendere, sin dal primo pomeriggio di oggi. Il Partito socialista ha dichiarato che il netto "sì" alla Legge Covid-19 è un chiaro sostegno alle misure economiche e alla politica del Consiglio federale.

Secondo la vicepresidente del PS svizzero, la consigliera nazionale Barbara Gysi (Ps/SG), "il sì alla legge può essere anche interpretato come un sì al superamento della crisi". Inoltre, con l'approvazione della Legge Covid-19 la popolazione ha espresso la propria solidarietà nei confronti delle aziende e dei settori particolarmente toccati dalla pandemia, ha aggiunto.

Dal canto suo il "senatore" Philipp Bauer (Plr/Ne) ha dichiarato che il netto "sì" del popolo alla legge Covid-19 rassicura le aziende per quanto riguarda i futuri aiuti finanziari.

A suo avviso gli Svizzeri hanno votato in maniera "saggia ed efficace" in favore di questa normativa economica incaricata di sostenere coloro che ne hanno bisogno. In caso di un "no" alle urne, la legge Covid-19 sarebbe scaduta il 30 settembre e con essa anche gli aiuti finanziari, ha precisato il liberale-radicale neocastellano.

Sospiro di sollievo per la cultura

Sospiro di sollievo anche per gli operatori culturali dopo il "sì" odierno alle urne. Le misure di sostegno sono necessarie e contribuiscono a preservare la diversità culturale in Svizzera, ha ricordato Alex Mezmer, dell'ufficio di coordinamento della task force cultura e direttore di Suisse.

Numerosi avvenimenti hanno dovuto essere annullati quest'estate e l'offerta comincia a riprendere soltanto oggi. "Ci attendiamo che il settore della cultura ritornerà alla normalità al più presto soltanto durante l'estate 2022, se tutto si svolgerà come previsto", ha aggiunto Mezmer. In quest'ottica la legge Covid garantisce una certa sicurezza per numerosi lavoratori culturali.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved