ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
7 ore

‘Altri modelli da discutere in vista della prossima riforma’

A colloquio con Jerôme Cosandey di Avenir Suisse sulle prospettive future del primo pilastro dopo il risicato sì popolare ad Avs 21
Svizzera
10 ore

Domenica di bocciature a livello cantonale

La bocciatura più sonora, col 71,5% dei no, va al credito che il Canton Lucerna voleva dare alla Guardia Pontificia in Vaticano
Svizzera
12 ore

Allevamento intensivo: il no è netto

La bocciatura dell’iniziativa va oltre le previsioni: il 62,86% dei votanti ha infatti detto no
Svizzera
12 ore

Imposta preventiva: respinta dal 52% dei voti

Malgrado il testa a testa, alla fine prevale il no
Svizzera
12 ore

Riforma AVS: le donne andranno in pensione a 65 anni

La modifica della legge federale sull’assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti approvata per un soffio: sì al 50,6%
Svizzera
13 ore

Ambasciatore ucraino a Berna, no asilo per disertori russi

Preoccupano i migliaia di russi in fuga dal loro Paese per evitare il reclutamento, si teme che tra loro vi siano spie di Putin
Svizzera
17 ore

Una votazione che ha lasciato col fiato sospeso

Le urne sono chiuse, è iniziato lo spoglio delle schede. I risultati in tempo reale
Svizzera
20 ore

C’è tempo fino a mezzogiorno per votare

Svizzeri alle urne su Avs, imposta preventiva e allevamento intensivo
Svizzera
1 gior

Gli F-35 si comprano e gli oppositori si vestono da lutto

La manifestazione oggi a Berna per denunciare “la farsa democratica” riguardo alla decisione del Consiglio federale di acquistare i jet da combattimento
18.03.2021 - 11:30
Aggiornamento: 12:00

La legge Covid-19 è in dirittura d'arrivo

Resta al 40% la soglia di perdita di fatturato per gli aiuti ai casi di rigore. Sul 'pass Covid' svizzero sarà il Consiglio federale a stabilire le esigenze

Ats, a cura de laRegione
la-legge-covid-19-e-in-dirittura-d-arrivo
(Keystone)

La revisione della Legge Covid-19 è in dirittura d'arrivo: oggi il Consiglio degli Stati ha approvato all'unanimità le proposte della Conferenza di conciliazione eliminando le ultime divergenze sui punti contestati.

In particolare non vi saranno agevolazioni per i locatari e la perdita di fatturato per le aziende in crisi - cosiddetti casi di rigore - che possono chiedere aiuti a fondo perso rimane fissa al 40%. Su questi due aspetti si è imposta la camera dei cantoni, ha ricordato in aula a nome della commissione, Christian Levrat (PS/FR), contento di essere giunto a conclusione di un "percorso ad ostacoli".

Circa le agevolazioni per i locatari di superfici commerciali, il Nazionale voleva concedere loro più tempo per pagare l'affitto in caso di chiusura (90 giorni) e una maggiore protezione in caso di disdetta (non valida se pronunciata durante il lockdown o sei mesi dopo la riapertura).

Gli Stati, forti anche del sostegno del ministro delle finanze Ueli Maurer, hanno sempre sostenuto che gli aiuti per i casi di rigore servono proprio alle aziende in difficoltà per pagare l'affitto: inutile quindi una protezione supplementare.

Un'altra divergenza riguardava il sostegno alle manifestazioni, fiere od altri eventi, rinviati a causa delle misure di protezione decise dalle autorità. Ebbene, alla fine è stata trovata una soluzione di compromesso (un mix tra la proposta del Nazionale, più generosa, e quella degli Stati, più restrittiva) che prevede l'aiuto sussidiario della Confederazione ai Cantoni per le manifestazioni pubbliche di "importanza sovracantonale" che si svolgono dal primo giugno 2021 al 30 aprile 2022.

La presa a carico della Confederazione è al massimo equivalente a quella dei cantoni, mentre il sostegno alle manifestazioni regionali e locali rientra nell'esclusiva competenza cantonale.

Circa i casi di rigore, le camere hanno stabilito che possono considerarsi tali le aziende con un fatturato di cinque milioni di franchi annui che hanno subito una perdita di ricavi pari al 40% della media pluriennale. Gli aiuti a queste ditte sono di competenza dei Cantoni e della Confederazione (per fatturati superiori la Confederazione). Per Levrat e Maurer era importante non toccare il diritto attuale onde non ostacolare i Cantoni nel versamento degli aiuti, che devono giungere ai destinatari al più presto. "Ciò dovrebbe tranquillizzare gli imprenditori e la popolazione", ha sostenuto il consigliere federale.

In merito al sostegno alle società sportive professionali o semi professionali, gli Stati hanno ceduto al Nazionale, lasciando intatti i criteri per quanto riguarda il taglio dei salari.

Da ultimo, per quanto attiene al passaporto vaccinale, le camere si sono messe d'accordo affinché il Consiglio federale definisca le esigenze applicabili al documento che provino come il titolare sia stato vaccinato contro il Covid-19, che ne è guarito o che dispone di un test di depistaggio per il Covid-19. Per Levrat, questa formulazione tiene conto degli ultimi sviluppi a livello europeo. "Più che di passaporto vaccinale, ha spiegato, bisognerebbe parlare di passaporto di immunità".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved