respinto-il-ricorso-contro-la-votazione-antiterrorismo
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
13 ore

I due centauri morti sul Bernina erano sposati da un mese

Stavano scendendo dal passo con un maxi scooter quando sono stati travolti da due auto
Svizzera
13 ore

Boom dei costi, i contadini: alzare i prezzi di pane e latte

I produttori di cereali e latte chiedono aumenti di pochi centesimi dei prezzi al dettaglio per compensare il boom milionario dei costi di produzione
Svizzera
13 ore

Svizzeri e viaggi: Edelweiss fa il record di passeggeri

La compagnia svizzera specializzata in voli per vacanzieri ha fatto registrare il più alto numero di passeggeri trasportati in un mese nella sua storia
Svizzera
14 ore

Lieto evento allo zoo di Basilea: nascono tre procavie

Si tratta di un roditore tipico dell’Africa subsahriana. Il parto è stato possibile nonostante due operazioni agli occhi per la madre dei cuccioli
Svizzera
17 ore

Il lupo che doveva essere abbattuto a Uri si è dato alla macchia

Per l’animale era stato autorizzato l’abbattimento dopo oltre dieci predazioni. Verosimilmente non è più nel territorio del cantone
Svizzera
18 ore

Caduta fatale per un escursionista 77enne nel Klöntal

È successo ieri nel canton Glarona. Il corpo è stato trovato a 1’512 metri d’altitudine.
Votazioni federali
18 ore

Avs: modifiche apprezzate soprattutto dagli uomini

Secondo il sondaggio di Tamedia e 20 Minuten si prospetta un ‘sì’ anche per l’iniziativa sull’allevamento. ‘No’ invece per l’imposta preventiva.
Svizzera
19 ore

Vallese, alpinista 64enne muore sul Täschhorn

L’uomo, un olandese, si trovava in compagnia di un altro scalatore. Si trovava a circa 3’910 metri d’altitudine quando è caduto dalla parete rocciosa.
04.06.2021 - 16:12
Aggiornamento: 19:24
Ats, a cura de laRegione

Respinto il ricorso contro la votazione antiterrorismo

Il Tf ha ritenuto 'irricevibile' il ricorso presentato da nove ex procuratori ticinesi. Uniti per il diritto: 'Sospensione del voto ancora pendente'

Non dovrebbero esserci ostacoli al voto referendario del prossimo 13 giugno sulla legge federale sulle misure di polizia per la lotta al terrorismo (MPT). Il Tribunale federale (TF) ha infatti ritenuto "irricevibile" il primo ricorso contro la votazione popolare.

Data la manifesta inammissibilità, i giudici della corte suprema con sede a Losanna hanno rinunciato a un esame sostanziale della questione di fondo, si evince dalla sentenza emessa il 28 maggio e comunicata da una delle parti all'agenzia Keystone-ATS.

Nove ex funzionari ticinesi avevano chiesto che la votazione sulla legge antiterrorismo fosse abbandonata o che il risultato fosse annullato. Dopo il loro appello infruttuoso al governo cantonale si sono rivolti al TF, adducendo che le autorità avessero diffuso informazioni fuorvianti e false nel libretto di voto e quindi violato il diritto alla libertà di opinione.

Secondo l'ex procuratore federale Paolo Bernasconi è particolarmente scioccante l'affermazione che la polizia possa agire solo dopo che un crimine è stato commesso: si tratta di una palese falsità, poiché il codice penale punisce già dal 2014 gli atti preparatori di un'impresa criminale o terroristica.

Inoltre, secondo gli autori del ricorso, il Consiglio federale sostiene nel libretto di voto che la legge non viola i diritti fondamentali e la costituzione federale. Ma una sessantina di professori di diritto hanno confutato tale affermazione.

Ricorsi contro la legge antiterrorismo sono stati presentati anche nei cantoni di Ginevra, Zurigo, Lucerna, Obvaldo, Berna e Turgovia. Le denunce sono state organizzate dal Partito Pirata, che insieme ai partiti di sinistra aveva lanciato il referendum contro la legge. Oltre 500 cittadini chiedono che il voto venga abbandonato e il progetto di legge ritirato.

'Il Tribunale federale deve ancora pronunciarsi sul secondo ricorso'

I nove ex procuratori pubblici ticinesi avevano inoltrato sia un ricorso diretto al Tribunale federale sia un ricorso contro la decisione di incompetenza del Consiglio di Stato. Il Tribunale federale ha dichiarato oggi non ricevibile il ricorso del 26 maggio ricevuto direttamente, mentre dovrà ancora pronunciarsi sul secondo ricorso del 31 maggio, ossia sulla domanda di sospendere la procedura di votazione per le irregolarità nella procedura di votazione. È quanto sostiene il gruppo 'Uniti per il diritto' in una nota diffusa poco dopo la comunicazione della decisione della corte suprema di Losanna. 

"Se la votazione avesse luogo, il Tribunale federale dovrà pronunciarsi anche sulla domanda di annullare il risultato della stessa siccome viziato dalle informazioni fuorvianti diffuse da parte del consiglio federale e dalla polizia federale", scrivono gli ex procuratori.

 

 

Leggi anche:

Terrorismo, nuova legge: le ragioni del ‘sì’ e del ‘no’

Terrorismo, anche i ricorrenti ticinesi vanno a Losanna

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
misure polizia anti-terrorismo paolo bernasconi tribunale federale
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved