disabilita-e-lavoro-ecco-le-ricette-di-avenir-suisse
Keystone
Spesso il percorso di reintegrazione è ‘una vera e propria maratona’
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
12 ore

Contromano in autostrada: quattro feriti di cui due gravi

L'incidente è avvenuto questa mattina nei pressi di Delémont (JU). I contusi sono stati trasportati in elicottero agli ospedali di Basilea e Berna
Svizzera
13 ore

Intervengono gli artificieri, ma era un router abbandonato

È successo in un autosilo a Zurigo. L'allarme per l'oggetto sospetto è stato lanciato verso le 9.30 e la situazione è ritornata alla normalità dopo le 14
Svizzera
15 ore

Dalla Svizzera 600 respiratori all'Indonesia

Oltre ai concentratori di ossigeno sono state inviate anche tute protettive e mascherine
Svizzera
15 ore

Canton Berna, uomo investito da un treno in un tunnel

Il corpo è stato trovato ieri mattina. L'identità della vittima non è ancora stata chiarita
Svizzera
16 ore

Parmelin incontra il primo ministro giapponese Yoshihide Suga

Per il consigliere federale si tratta del primo incontro ufficiale del suo soggiorno
Svizzera
19 ore

Coda di 14 km al portale nord della galleria del San Gottardo

Lo ha comunicato il Tcs su Twitter. Il tempo di attesa è di circa due ore e venti minuti
Svizzera
1 gior

Il Plr: 'I non vaccinati senza sintomi paghino il test Covid'

Secondo i liberali, eventuali restrizioni future dovrebbero essere applicate solo a chi si potrebbe vaccinarsi ma si rifiuta di farlo
Svizzera
1 gior

Proiettile vecchio di cent'anni rimosso dalle rive del Sitter

Era una granata d'acciaio da 7,5 cm proveniente da un antico pezzo di artiglieria: oggi a mezzogiorno è stata portata via da un camion messo in sicurezza
Svizzera
13.04.2021 - 18:150
Aggiornamento : 19:02

Disabilità e lavoro, ecco le ricette di Avenir Suisse

Da uno studio pubblicato oggi emergono marcate differenze regionali. Tra le ragioni, strategie di integrazione molto diverse tra loro.

Berna – La reintegrazione delle persone con disabilità deve essere facilitata. Uno studio di Avenir Suisse, pubblicato oggi, mostra notevoli differenze tra i cantoni e suggerisce modi per ottimizzare un processo che oggi è ancora "una vera e propria" maratona.

Il think-tank liberale ha analizzato per la prima volta dati dell'Ufficio federale delle assicurazioni sociali (Ufas) soffermandosi sugli sforzi di reintegrazione a livello cantonale, si legge in un comunicato. In particolare prende in considerazione persone che si sono iscritte all'Assicurazione per l'invalidità (Ai) tra il 2010 e il 2015 ed esamina la loro situazione quattro anni dopo.

Differenze sostanziali da un cantone all’altro

Nel raffronto intercantonale emergono differenze sostanziali. Eccezion fatta per il Giura, nella Svizzera romanda e in Ticino la quota di rendite accordate - vale a dire le rendite concesse in rapporto alle iscrizioni - supera di almeno di 27% la media nazionale. Nel Canton Ginevra si arriva addirittura al 41%. Le differenze riflettono l'interpretazione del diritto federale da parte degli uffici cantonali Ai e in parte dei tribunali cantonali, ma sono anche il risultato di strategie d'integrazione differenti, scrive Avenir Suisse.

I Cantoni di Appenzello Esterno, Giura e Zugo spendono più del triplo per ogni beneficiario rispetto al Ticino. Non sono però soltanto gli importi per singolo caso a variare molto, ma anche il numero di destinatari e il successo delle misure di integrazione. Il tasso di successo nei Cantoni di Soletta e Vallese è ad esempio sensibilmente inferiore a quello di San Gallo.

Classificazione medica uniforme e tetto di spesa

Secondo Avenir Suisse, in qualità di organo di vigilanza l'Ufas dovrebbe approfondire le ragioni di queste differenze e porre le basi per i raffronti in caso di malattie mentali mediante l'adozione di una classificazione medica uniforme. Per utilizzare le risorse in modo più efficiente bisognerebbe inoltre stabilire un tetto di spesa massimo, basato sul numero di iscrizioni all'anno, per tutte le misure professionali per singolo ufficio Ai, in analogia alla prassi dell'assicurazione contro la disoccupazione.

Avenir Suisse stima i costi complessivi per il trattamento, l'integrazione e il versamento delle rendite a persone con disabilità a 24 miliardi di franchi all'anno. Considerati l'elevato numero di attori coinvolti e l'entità degli oneri bisogna evitare lacune nella comunicazione e falsi incentivi, sottolinea.

Occorre inoltre evitare i doppioni tra l'Ai, l'assicurazione contro la disoccupazione e l'assistenza sociale a favore dei pazienti, traendo spunto da quanto messo in opera in maniera esemplare dal Canton Argovia. Secondo Avenir Suisse il profilo di integrazione orientato alle risorse (Pir) impiegato dalla Rete sull'occupabilità Compasso potrebbe infine contribuire a migliorare la comunicazione tra medici e datori di lavoro.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved