le-aziende-di-trasporto-hanno-gia-rimborsato-60-milioni
Keystone
Il cda di Bls dovrà presentare ‘misure incisive’
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
2 ore

Violenti nubifragi su gran parte della Svizzera

Diversi disagi e danni a causa dei violenti temporali. Situazione critica soprattutto nel Canton Berna
Svizzera
8 ore

‘Per la tutela del clima necessaria un’altra fiscalità’

Lo dice Gioventù socialista, che lancia l’‘Iniziativa per il futuro’. Osteggiata dai Giovani liberali: ‘Attacco frontale al modello svizzero’
Svizzera
8 ore

Per Viktor Janukovyč sanzioni anche Svizzere

La Confederazione si allinea a quanto deciso dall’Unione europea: pure l’ex presidente ucraino, assieme a suo figlio, finisce sulla lista
Svizzera
9 ore

Si schianta un aliante in Vallese, muore il pilota 72enne

Il velivolo è precipitato ieri sera sul ghiacciaio vallesano del Giétro, nella Val de Bagnes
Svizzera
10 ore

Tenta una rapina in banca, ma poi si dà alla fuga

Un 25enne ceco si è presentato con un coltello allo sportello della Banca Cantonale Grigoine di St. Moritz. La polizia lo ha poi arrestato
Svizzera
10 ore

Indennità di servizio civile va calcolata su base realistica

Lo ha stabilito il Tribunale federale di Lucerna, che sconfessa una decisione del Tribunale cantonale di Basilea Campagna
Svizzera
11 ore

Dal Ticino più diretti in Romandia. Aggirando Visp

Dopo anni di lavori, il 23 settembre aprirà la circonvallazione autostradale della località vallesana. Ma per ora solo sull’asse est-ovest
Svizzera
11 ore

Ecco le contromosse per scongiurare il blackout

Via libera alle trattative per l’utilizzo di centrali elettriche di riserva. E si valuta pure l’impiego dei generatori di emergenza
Svizzera
12 ore

Caro-benzina, verso un’inchiesta e un calcolatore dei prezzi

La Commissione economia e tributi al Nazionale ha accolto una mozione per affidare alla Comco un’inchiesta su eventuali distorsioni della concorrenza
Svizzera
12 ore

Ritrovato morto l’alpinista disperso sopra Flims

Il corpo senza vita dell’uomo, segnalato disperso da qualche giorno dal canton Zurigo, è stato ritrovato ai piedi della sella del Surenjoch (Gr/Gl)
Svizzera
13 ore

Norme più severe per i voli commerciali con aerei storici

In base alle risultanze dell’inchiesta relativa al ‘crash’ sul Piz Segnas, rivista l’ordinanza sulla navigazione aerea: paletti più stretti
Svizzera
13 ore

I club di calcio aiutano l’integrazione sociale dei migranti

La pratica del calcio contribuisce soprattutto fornendo accesso ad altre attività sociali e reti di contatto al di là dell’associazione sportiva
Svizzera
13 ore

Chi non taglia le corna alle vacche andrebbe indennizzato

Per la Commissione economia e tributi del Nazionale sarebbe una compensazione per lo sforzo supplementare degli allevatori per la dignità dell’animale
09.04.2021 - 19:32

Le aziende di trasporto hanno già rimborsato 60 milioni

L’Ufficio federale dei trasporti fa il punto sulla restituzione dei sussidi incassati indebitamente. Denuncia penale contro la Bls e la Vbl.

Berna – Negli scorsi anni alcune imprese di trasporto hanno percepito sussidi troppo elevati: Confederazione e Cantoni hanno richiesto e finora concordato la restituzione di almeno 60 milioni di franchi. Lo rende noto oggi l'Ufficio federale dei trasporti (Uft), precisando che già dopo il "caso AutoPostale" era stato adeguato e rafforzato il sistema di vigilanza.

Nel febbraio 2020, l'Uft aveva comunicato di aver individuato altri casi di sovvenzionamento indebiti, sottolineando che i sussidi percepiti in eccesso sarebbero dovuti essere restituiti. In due casi si è giunti a un accordo sulla restituzione, mentre in altri tre le vicende non sono ancora concluse. Le autorità penali si occuperanno invece dei casi di ipotesi di frode.

Denuncia penale per Bls

La compagnia ferroviaria bernese Bls e la sua filiale Busland restituiranno 49 milioni di franchi alla Confederazione e ai Cantoni interessati (Be, Ne, Fr, Lu, So, Vs), poiché fra il 2012 e il 2018 hanno percepito sussidi troppo elevati nel traffico regionale viaggiatori e nel trasporto locale. Le due imprese non avevano calcolato nelle domande di indennità ricavi per l'abbonamento metà prezzo provenienti dalla comunità tariffaria "Libero".

Lo scorso autunno, a seguito di un'indagine commissionata dal consiglio di amministrazione della Bls, la società di revisione contabile PwC è giunta alla conclusione che la mancata dichiarazione delle entrate in questo caso "è stata intenzionale". Per questo motivo, a novembre l'Uft ha sporto denuncia. Se ne dovrà occupare la Corte dei reclami penali del Tribunale penale federale. Nel frattempo, il cda di Bls deve presentare misure incisive volte a garantire "operazioni conformi".

Sempre nell'autunno del 2020, una verifica condotta dal Controllo federale delle finanze aveva riscontrato una serie di irregolarità minori per un ammontare inferiore a un milione di franchi. In questo ambito è in preparazione una convenzione, così come nel caso di Busland, la seconda impresa coinvolta nella vicenda, che dovrà inoltre rimborsare circa 1,4 milioni di franchi "per aver percepito sussidi troppo elevati riconducibili all'applicazione di un modello dei costi dell'interesse", scrive l'Uft.

Ffs e "Z-Pass"

Il secondo caso nel quale l'Uft - insieme a 14 cantoni coinvolti, tra i quali i Grigioni - è giunto a un accordo sulla restituzione riguarda le Ffs: le parti hanno stipulato una convenzione per il rimborso di 8,8 milioni di franchi in merito alla comunità tariffaria "Z-Pass", che da Zurigo e si estende fino ad Argovia.

Nel periodo 2012-2019 l'impresa ha commesso errori di calcolo nella ripartizione delle entrate tra il traffico a lunga distanza finanziariamente autonomo e il traffico regionale viaggiatori sovvenzionato. Le Ffs avevano individuato da sé gli errori e provveduto a comunicarli all'Uft. Quest'ultimo precisa che la compagnia ha già corrisposto il dovuto.

Conseguenze penali anche per Vbl

Attualmente sono ancora in corso alcune trattative per ottenere i rimborsi dovuti: la Verkehrsbetriebe Luzern (Vbl), l'impresa di trasporto lucernese, dovrà restituire 16 milioni di franchi, poiché tra il 2010 e il 2017 la compagnia ha percepito indennità troppo alte a seguito dell'adozione di un modello di holding. La quota della Confederazione sul danno totale è pari a circa 300mila franchi, cui si aggiunge il pagamento di interessi.

Se non si dovesse arrivare a un accordo, l'Uft e la Comunità dei trasporti di Lucerna (Verkehrsverbund Luzern, Vvl) si vedrebbero costretti ad esigere la restituzione mediante ingiunzione giudiziaria. Anche in questo caso, viene sottolineato nel comunicato, è stata sporta denuncia penale nei confronti della Vbl presso il Ministero pubblico lucernese.

Shuttlewise

Pure una compagnia olandese attiva nel traffico combinato non accompagnato attraverso le Alpi, la Shuttlewise, è finita nel mirino dell'Uft poiché ha manipolato la corrispondenza e dichiarato il falso sui volumi di trasporto, percependo lo scorso anno contributi d'esercizio troppi elevati per circa 500mila franchi.

L'importo, viene spiegato nel comunicato, sarà compensato con i pagamenti dovuti per i convogli circolati nell'anno in corso. Nel frattempo l'impresa ha presentato domanda di moratoria concordataria. L'Uft farà dunque valere il credito residuo di 40mila franchi nell'ambito della corrispondente procedura.

Infine, l'Uft ha concluso i lavori relativi a un caso di irregolarità interne riscontrate nel finanziamento di binari di raccordo. Il responsabile è stato condannato dal Ministero pubblico della Confederazione mediante decreto d'accusa a una pena pecuniaria con la condizionale e, inoltre, deve risarcire il danno.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bls restituzione sussidi trasporto uft
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved