disordini-a-san-gallo-ricorsi-contro-allontanamenti-dal-centro
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
5 min

Assemblea federale, creato intergruppo parlamentare Lgbtq+

Il consigliere nazionale Damien Cottier (Plr): "L'obiettivo è di coordinare gli interventi alle Camere e unire le forze"
Svizzera
1 ora

Zurigo, incidente d'auto. Feriti due giovani, uno è grave

Il veicolo su cui viaggiavano i ragazzi è precipitato per alcuni metri lungo una scarpata
Svizzera
2 ore

Covid, Canton Berna ha rilasciato oltre 200'000 certificati

Tutte le persone completamente vaccinate che avevano dato il loro consenso per un attestato, hanno ora il codice di accesso via Sms al loro documento
Svizzera
18 ore

Credit Suisse occupata: respinto ricorso degli attivisti

I dodici ambientalisti erano riusciti a entrare nella sede di Losanna del gruppo bancario
Svizzera
18 ore

Questione giurassiana: Belprahon rinuncia al voto

Sia la Confederazione che il Canton Berna si erano opposti. Il 27 giugno il comune del Giura non andrà alle urne
Svizzera
19 ore

Moderna chiede a Swissmedic l'omologazione per adolescenti

L'Istituto svizzero per gli agenti terapeutici ha ricevuto la domanda di omologazione da parte della ditta farmaceutica
Svizzera
20 ore

Incontro Parmelin-Putin, arriva la fumata bianca

Il presidente della Confederazione e il consigliere federale Cassis incontreranno mercoledì prossimo il presidente e il ministro degli Esteri della Russia
Svizzera
21 ore

Biden-Putin nelle immagini esclusive della Rts

Il prossimo 16 giugno, l'emittente della Svizzera romanda produrrà tutte le riprese ufficiali dell'incontro tra il presidente russo e quello americano.
Svizzera
06.04.2021 - 13:200

Disordini a San Gallo, ricorsi contro allontanamenti dal centro

Ricorsi inoltrati contro i divieti di accesso ad alcune zone della città pronunciati contro oltre 500 persone dopo i disordini durante le festività pasquali

Il canton San Gallo ha ricevuto i primi ricorsi relativi ai divieti di accedere a determinate aree della città pronunciati contro oltre 500 persone dopo i disordini registrati durante le festività pasquali.

Il Venerdì Santo ci sono stati disordini per la seconda volta in una settimana. La domenica di Pasqua, la polizia ha controllato centinaia di persone a seguito di nuovi appelli alla violenza pubblicati sui social media: 60 persone sono state fermate e sono stati emessi oltre 500 divieti di accedere ad alcuni luoghi della città. Gli agenti hanno anche fermato un gruppo che trasportava 2,5 litri di alcool metilico e piccole bottiglie vuote che avrebbero potuto essere utilizzate per confezionare bombe Molotov.

"Gli allontanamenti in questa situazione straordinaria sono stati considerati proporzionati", stando a una valutazione dell'operazione di polizia. Non ci sono stati disordini, nessuno è rimasto ferito e i danni alla proprietà sono stati ampiamente evitati.

Nessun effetto sospensivo

Questa misura implica che la persona interessata non può accedere a una piazza, un parco o un quartiere per un massimo di un mese. La polizia di San Gallo ha sfruttato questo margine di manovra: per i prossimi 30 giorni le circa 500 persone colpite dal provvedimento non potranno più entrare nel perimetro designato.

"Abbiamo ricevuto i primi ricorsi contro i divieti", ha detto all'agenzia di stampa Keystone-ATS Hans-Rudolf Arta, segretario generale del dipartimento cantonale di sicurezza e giustizia. Le persone interessate hanno 14 giorni di tempo per opporsi.

Il cantone deve verificare se gli allontanamenti soddisfano i requisiti legali, sono proporzionati nel caso specifico e non rappresentano una grave violazione dei diritti fondamentali. L'interesse pubblico a scongiurare il pericolo deve prevalere sull'interesse privato degli esclusi dall'uso dello spazio pubblico.

"I ricorsi non hanno effetto sospensivo", ha spiegato Arta. Le persone respinte non possono entrare nel perimetro in questione fino a quando il cantone prenderà una decisione, a meno che non debbano recarsi in città per lavoro o studio. Se il ricorso viene respinto, è ancora possibile appellarsi al tribunale amministrativo.

Un ulteriore appello alla violenza

"Volevamo fermare la spirale di violenza", ha detto Roman Kohler, portavoce della polizia cittadina di San Gallo. "Ci sono già appelli alla violenza per venerdì prossimo", ha aggiunto precisando che dei 33 espulsi Venerdì Santo, 25 hanno ignorato l'ordine e dovranno ora subirne le conseguenze.

Il portavoce della polizia è consapevole che i molti divieti ad accedere al perimetro sollevano anche interrogativi. Gli interessati che possono spiegare in modo credibile di essere stati ingiustamente respinti possono contattare la polizia.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved