export-armi-ecco-il-controprogetto-del-governo
Keystone
Palla al Parlamento
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
2 ore

Caduta fatale per un’alpinista sul Pilatus

Una donna di 36 anni è morta dopo esser precipitata per centinaia di metri nel settore di Gsäss
Svizzera
3 ore

Gli imprenditori: non ci sarà un aumento astronomico dei salari

Il presidente dell‘Unione svizzera degli imprenditori (USI) Valentin Vogt ritiene irrealistiche le richieste dei sindacati: ’gettano fumo negli occhi’
Svizzera
17 ore

Paura di un inverno al freddo, occhio alle truffe

In Vallese segnalati annunci online fasulli di legna da ardere e pellet a basso costo. Si chiede di pagare in anticipo, ma la merce non viene consegnata.
Svizzera
20 ore

Incidente mortale ieri sera a Schlatt

Forse un malore all’origine del sinistro costato la vita a un novantenne, andato a cozzare contro una scalinata e il muro di un cimitero
Svizzera
20 ore

Ventisettenne annega nel lago di Zurigo

È accaduto attorno alle 13.30, mentre nella città iniziava la Streetparade: ancora da chiarire se il fatto sia collegato all’evento
Svizzera
21 ore

HotellerieSuisse, competitività intatta malgrado il franco forte

Lo sosteniene il presidente Andreas Züllig, secondo cui la competitività della Svizzera ‘è cresciuta globalmente’
Svizzera
22 ore

Un morto e tre feriti in un incidente sulla A9

A seguito del sinistro, avvenuto ieri attorno alle 17.30 nel tunnel di Chauderon, l’autostrada è rimasta chiusa per una decina di ore
Svizzera
1 gior

Riflessione e tolleranza. È l’inno della 29esima Streetparade

Iniziato nel pomeriggio sulle rive della Limmat il mega raduno a ritmo di musica elettronica dalle ‘love mobile’
Svizzera
1 gior

Derubato di telefono e portafoglio da ignoti

Aggressione a scopo di furto ieri sera a nel canton Basilea. La polizia è alla ricerca di quattro uomini calvi
Svizzera
1 gior

Smart contro un camion: una 22enne ferita in modo grave

L’incidente stradale si è verificato ieri pomeriggio a Hunzenschwil (Ag). I due veicoli si sono scontrati frontalmente
Svizzera
1 gior

Crisi energetica: la legna per riscaldarsi non è la soluzione

Lo afferma il meteorologo Jörg Kachelmann, secondo cui il pellet è dannoso per il clima tanto quanto il carbone, il gas o il petrolio
05.03.2021 - 12:28
Aggiornamento: 18:06

Export armi, ecco il controprogetto del governo

Il Consiglio federale giudica troppo rigida l’Iniziativa correttiva e propone di ancorare in una legge i criteri di autorizzazione.

Berna – Il controprogetto all'iniziativa popolare "Contro l'esportazione di armi in Paesi teatro di guerre civili (Iniziativa correttiva)", che prevede un inasprimento della prassi in materia, è pronto per l'esame parlamentare. Nel licenziarlo, oggi, l'esecutivo invita anche le Camere a respingere la proposta di modifica costituzionale.

La volontà di presentare una controproposta all'iniziativa era stata annunciata dal Governo già nel dicembre del 2019. I contenuti erano stati presentati dall'esecutivo nel marzo scorso e confermati in ottobre al termine della procedura di consultazione.

L’iniziativa

L'iniziativa, che ha raccolto 126'355 firme valide in soli sei mesi, vuole fissare nella Costituzione il diritto per Parlamento e popolo di avere voce in capitolo nella vendita all'estero di materiale bellico. Attualmente tale competenza spetta esclusivamente al Consiglio federale che ne fissa i contenuti in una ordinanza.

L'iniziativa prende spunto dalla revisione dell'ordinanza sulle armi proposta - e poi abbandonata - dal Consiglio federale, che avrebbe consentito alla Svizzera di esportare armamenti anche verso Paesi teatro di conflitti interni. Un'alleanza anti-export si era formata con esponenti di Ps, Verdi, Verdi liberali, borghesi-democratici, evangelici, ambienti ecclesiastici, sindacati e organizzazioni umanitarie.

Una via di mezzo

Il controprogetto si situa a metà strada: prevede che i criteri di autorizzazione vengano sanciti a livello di legge. L'inserimento di tali esigenze nella Costituzione, come chiesto dall'iniziativa, priverebbe infatti il Consiglio federale e il Parlamento "della competenza necessaria per adeguarli", spiega l'esecutivo in una nota.

"Il Parlamento - prosegue il Governo - non potrebbe quindi più assicurare il mantenimento dei settori economici importanti per la sicurezza del Paese, come previsto dalla legge sul materiale bellico". L'iniziativa mette anche in discussione il regime speciale sulla fornitura di pezzi di ricambio: le imprese elvetiche non potrebbero più adempiere ai loro obblighi contrattuali. Ciò potrebbe compromettere la reputazione della Svizzera come partner economico affidabile.

Controllo democratico rafforzato

Trasferendo i criteri d'esportazione dall'ordinanza alla legge si potrebbe comunque rafforzare il controllo democratico. In caso di necessità, afferma il Governo, il Parlamento potrebbe modificare la legislazione ma grazie al diritto di referendum l'ultima parola spetterebbe comunque al popolo.

Da notare poi che il controprogetto prevede un ulteriore inasprimento della prassi attuale in materia di autorizzazione, che è già molto più restrittiva di quella di altri Paesi europei. Non sarà più possibile derogare al divieto di esportare materiale bellico in Paesi che violano in modo grave e sistematico i diritti umani.

Con questa modifica la Svizzera andrebbe ben oltre quanto previsto dal Trattato internazionale sul commercio delle armi o le istruzioni dell'Ue destinate agli Stati membri, evidenzia il Consiglio federale ricordando come le esportazioni verso i cosiddetti Paesi teatro di guerre civili sono in ogni caso escluse.

Margine di manovra assicurato

Il controprogetto consentirà comunque al Governo di derogare, entro un quadro ben definito, ai criteri di autorizzazione "in presenza di eventi straordinari se lo impone la salvaguardia degli interessi della politica estera o della politica di sicurezza della Svizzera". Questa necessità di ponderare gli interessi, emersa durante la procedura di consultazione, è per esempio importante, spiega l'esecutivo, "nel caso di affari di compensazione (offset) legati a un acquisto di armamenti da parte dell'esercito svizzero".

Infine, il controprogetto prevede pure una deroga per le esportazioni di materiale bellico destinato a interventi a favore della pace, come le operazioni di mantenimento della pace effettuate sulla base di un mandato delle Nazioni Unite o dell'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (Osce).

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
armi consiglio federale controprogetto export iniziativa correttiva
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved