DAL Stars
4
ARI Coyotes
1
fine
(1-0 : 0-1 : 3-0)
Seattle Kraken
1
PIT Penguins
5
2. tempo
(0-3 : 1-2)
VAN Canucks
2
LA Kings
0
2. tempo
(0-0 : 2-0)
export-armi-ecco-il-controprogetto-del-governo
Keystone
Palla al Parlamento
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
7 ore

Trattati internazionali, no a referendum obbligatorio

Il Nazionale bissa la decisione di non entrata in materia. Il progetto è definitivamente affossato.
Svizzera
8 ore

Stop ai viaggi per chi è ammesso provvisoriamente in Svizzera

Il Nazionale si allinea al Consiglio degli Stati. Ai titolari di un permesso F non sarà consentito muoversi nemmeno all’interno dello spazio Schengen.
Svizzera
10 ore

Passo avanti in Svizzera verso il ritorno dei test gratuiti

I ‘senatori’ sono d’accordo sul principio, ma vogliono escludere i test rapidi per uso personale o quelli sierologici non ordinati dal Cantone
Svizzera
10 ore

Due bambine rimpatriate in Svizzera dalla Siria

Le due giovani, partite da un campo nel Nord-est del Paese, sono in viaggio verso la Confederazione. La madre si sarebbe unita alla milizia dell’Isis.
Svizzera
11 ore

L’esercito inasprisce le regole per uscite e congedi

Da oggi nuove direttive per impedire contagi e casi di Covid-19. Per tutti i militari uscite limitate all’area della piazza d’armi e all’accantonamento
Svizzera
15 ore

‘Media indipendenti fondamento della democrazia diretta’

Il comitato per il ‘sì’ al pacchetto di aiuti lancia la campagna in vista della votazione del 13 febbraio
Svizzera
16 ore

Pochissime le morti fra i vaccinati

A dirlo l’Ufficio federale della sanità pubblica. In quasi 9 decessi su 10 le vittime non erano state completamente vaccinate
Svizzera
16 ore

In Svizzera 23’888 nuovi casi di Covid nel weekend

Nelle ultime 72 ore si registrano anche 39 nuovi decessi e 181 ricoveri in ospedale
Svizzera
16 ore

Tpf: pena ridotta a 36 mesi per ‘l’emiro di Winterthur’

Al 35enne, condannato per essere un sostenitore dell’Isis, in prima istanza erano stati inflitti 50 mesi di reclusione senza la condizionale
Svizzera
17 ore

Tf: Divieto di entrata in Svizzera per un boss della ’ndrangheta

Il mafioso era stato estradato in Italia nel 2017 e condannato a 9 anni e 6 mesi di reclusione. Confermata dal Tf l’espulsione di 20 anni dalla Svizzera
Svizzera
18 ore

Aumenta il prezzo del caffè al bar, colpa anche del Covid?

A confermare il rincaro Hans-Petter Oettli, di CafetierSuisse: ‘La crisi prosegue e altri fattori di costo stanno crescendo’
Svizzera
05.03.2021 - 12:280
Aggiornamento : 18:06

Export armi, ecco il controprogetto del governo

Il Consiglio federale giudica troppo rigida l’Iniziativa correttiva e propone di ancorare in una legge i criteri di autorizzazione.

a cura de laRegione

Berna – Il controprogetto all'iniziativa popolare "Contro l'esportazione di armi in Paesi teatro di guerre civili (Iniziativa correttiva)", che prevede un inasprimento della prassi in materia, è pronto per l'esame parlamentare. Nel licenziarlo, oggi, l'esecutivo invita anche le Camere a respingere la proposta di modifica costituzionale.

La volontà di presentare una controproposta all'iniziativa era stata annunciata dal Governo già nel dicembre del 2019. I contenuti erano stati presentati dall'esecutivo nel marzo scorso e confermati in ottobre al termine della procedura di consultazione.

L’iniziativa

L'iniziativa, che ha raccolto 126'355 firme valide in soli sei mesi, vuole fissare nella Costituzione il diritto per Parlamento e popolo di avere voce in capitolo nella vendita all'estero di materiale bellico. Attualmente tale competenza spetta esclusivamente al Consiglio federale che ne fissa i contenuti in una ordinanza.

L'iniziativa prende spunto dalla revisione dell'ordinanza sulle armi proposta - e poi abbandonata - dal Consiglio federale, che avrebbe consentito alla Svizzera di esportare armamenti anche verso Paesi teatro di conflitti interni. Un'alleanza anti-export si era formata con esponenti di Ps, Verdi, Verdi liberali, borghesi-democratici, evangelici, ambienti ecclesiastici, sindacati e organizzazioni umanitarie.

Una via di mezzo

Il controprogetto si situa a metà strada: prevede che i criteri di autorizzazione vengano sanciti a livello di legge. L'inserimento di tali esigenze nella Costituzione, come chiesto dall'iniziativa, priverebbe infatti il Consiglio federale e il Parlamento "della competenza necessaria per adeguarli", spiega l'esecutivo in una nota.

"Il Parlamento - prosegue il Governo - non potrebbe quindi più assicurare il mantenimento dei settori economici importanti per la sicurezza del Paese, come previsto dalla legge sul materiale bellico". L'iniziativa mette anche in discussione il regime speciale sulla fornitura di pezzi di ricambio: le imprese elvetiche non potrebbero più adempiere ai loro obblighi contrattuali. Ciò potrebbe compromettere la reputazione della Svizzera come partner economico affidabile.

Controllo democratico rafforzato

Trasferendo i criteri d'esportazione dall'ordinanza alla legge si potrebbe comunque rafforzare il controllo democratico. In caso di necessità, afferma il Governo, il Parlamento potrebbe modificare la legislazione ma grazie al diritto di referendum l'ultima parola spetterebbe comunque al popolo.

Da notare poi che il controprogetto prevede un ulteriore inasprimento della prassi attuale in materia di autorizzazione, che è già molto più restrittiva di quella di altri Paesi europei. Non sarà più possibile derogare al divieto di esportare materiale bellico in Paesi che violano in modo grave e sistematico i diritti umani.

Con questa modifica la Svizzera andrebbe ben oltre quanto previsto dal Trattato internazionale sul commercio delle armi o le istruzioni dell'Ue destinate agli Stati membri, evidenzia il Consiglio federale ricordando come le esportazioni verso i cosiddetti Paesi teatro di guerre civili sono in ogni caso escluse.

Margine di manovra assicurato

Il controprogetto consentirà comunque al Governo di derogare, entro un quadro ben definito, ai criteri di autorizzazione "in presenza di eventi straordinari se lo impone la salvaguardia degli interessi della politica estera o della politica di sicurezza della Svizzera". Questa necessità di ponderare gli interessi, emersa durante la procedura di consultazione, è per esempio importante, spiega l'esecutivo, "nel caso di affari di compensazione (offset) legati a un acquisto di armamenti da parte dell'esercito svizzero".

Infine, il controprogetto prevede pure una deroga per le esportazioni di materiale bellico destinato a interventi a favore della pace, come le operazioni di mantenimento della pace effettuate sulla base di un mandato delle Nazioni Unite o dell'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (Osce).

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved