antisemitismo-in-forte-aumento-nella-svizzera-romanda
Keystone
Svizzera
23.02.2021 - 15:410
Aggiornamento : 19:44

Antisemitismo in forte aumento nella Svizzera romanda

La pandemia ha favorito il diffondersi delle teorie complottiste, indica il Cicad nel suo rapporto sul 2020. Quasi nove atti su dieci su internet.

Ginevra – Il Coordinamento intercomunitario contro l'antisemitismo e la diffamazione (Cicad) ha registrato 147 atti antisemiti nella Svizzera francese nel 2020, con un aumento del 41% rispetto al 2019. Il 36% di essi riguarda teorie di cospirazione ebraica in relazione alla pandemia di Covid-19.

"Con la crisi sanitaria, economica e sociale, stiamo assistendo a una rinascita dei vecchi temi dell’antisemitismo da parte di gruppi di estrema destra", ha detto martedì ai media Bruno Lévy, presidente della Cicad. La comunità ebraica è anche particolarmente bersagliata dalle teorie complottiste legate al coronavirus, soprattutto da parte dei movimenti anti-vaccini.

La maggior parte degli atti (85%) ha avuto luogo su Internet e sui social network. Dei 147 atti registrati nel 2020, 141 sono descritti come preoccupanti (dichiarazioni antisemite non mirate). Sono stati registrati anche tre atti gravi e tre atti seri (2019: 6 e 8).

L'intera società interessata

Il coordinamento raccomanda che le scuole sensibilizzino sui temi della discriminazione e introducano l'apprendimento della verifica delle informazioni diffuse sulle reti sociali, minate dalle fake news.

Nel loro rapporto annuale, la Federazione svizzera delle comunità israelite (Fsci) e della Fondazione contro il razzismo e l'antisemitismo (Gra) hanno registrato 47 incidenti antisemiti (Internet escluso). Le organizzazioni notano anche che la pandemia ha scatenato reazioni antisemite. Sull'applicazione Telegram in particolare, sono stati registrati 143 incidenti in sette chat di gruppo.

© Regiopress, All rights reserved