l-iniziativa-anti-burqa-a-volto-scoperto
Keystone
Soprattutto turiste
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
3 ore

Un lupo sbrana 28 animali in Vallese: ordinato l’abbattimento

Il predatore ha ucciso gli ovini in situazione protetta su superfici agricole utili: soddisfatti i requisiti per l’uccisione
Svizzera
5 ore

Entro il 2025 il 50% dei nuovi veicoli dovrà essere ricaricabile

Sottoscritta oggi dai rappresentanti dello Stato e dei settori automobilistico, elettrico e immobiliare la nuova fase della Roadmap mobilità elettrica
Svizzera
6 ore

Imbrattato il monumento a Suvorov nelle Gole della Schöllenen

Il memoriale al feldmaresciallo russo e ai soldati austro-russi caduti contro le truppe napoleoniche del 1799 è stato sporcato con vernice blu e gialla
Svizzera
6 ore

Adozioni illegali da Sri Lanka, Berna aiuta a ritrovare origini

La Confederazione e i Cantoni partecipano a un progetto pilota a sostegno delle persone adottate dello Sri Lanka nella ricerca delle loro origini
Svizzera
7 ore

Oro di origine ignota, Ong svizzera ricorre al TF

La Società per i popoli minacciati contro una decisione del Taf che permette a quattro raffinerie d’oro svizzere di non rivelare l’origine del metallo
Svizzera
7 ore

Berna, un 29enne muore schiacciato da una balla di fieno

L’incidente è avvenuto mentre l’uomo stava caricando il foraggio su un mezzo agricolo
gallery
Svizzera
8 ore

Proiettili inesplosi: 227 eliminati nel 2021

L’anno scorso sono state fatte 908 segnalazioni per vari oggetti tra cui anche munizioni. In alcuni casi è possibile ricevere una ricompensa
Svizzera
8 ore

‘Quest’anno ferie più care del 20%’

La causa sarebbe l’aumento dei costi di materie prime e catene d’approvvigionamento. Lo sostiene il responsabile della società di viaggi Globetrotter
Svizzera
9 ore

In Ticino un’ottima estate in vista per le case vacanze

Parahotellerie Svizzera ha diffuso i dati sulle prenotazioni per i prossimi mesi: molto bene i campeggi Tcs, bene appartamenti e ostelli, meno bene Reka
Svizzera
12 ore

Forti temporali e grandine hanno colpito il Nord delle Alpi

Il maltempo ha causato disagi alla circolazione ferroviaria. MeteoSvizzera ha registrato oltre 12mila fulmini e venti che hanno toccato i 95 km/h
Svizzera
13 ore

Il ‘sì’ a Frontex segna l’attaccamento a Schengen

Secondo la stampa elvetica il popolo temeva troppo di essere escluso dallo spazio europeo
Svizzera
1 gior

Il Canton Zurigo boccia il voto ai 16enni

Un fine settimana di votazioni in dodici cantoni d’Oltralpe, ecco i principali risultati
Svizzera
1 gior

Lex Netflix, nessun finale a sorpresa

Ci si attendeva un risultato risicato, invece la nuova legge sul cinema è stata accolta in modo chiaro. Nonostante il Röstigraben.
Svizzera
1 gior

Più di sette svizzeri su dieci per il potenziamento di Frontex

Prevale il timore di un’uscita da Schengen. I promotori del referendum: risultato vergognoso. I Verdi contano di attivarsi in Parlamento
Svizzera
1 gior

Trapianti, si passa al consenso presunto. La sfida: informare

Approvata con il 60,2% di voti favorevoli la revisione della legge. Sostegno piuttosto tiepido nella Svizzera tedesca. Berset: non è una rivoluzione
Svizzera
1 gior

Trenta gradi nel Vallese: è la prima canicola in Svizzera

A Visp non si era mai arrivati a una tale temperatura così presto nell’anno, ha twittato Srf Meteo
Votazioni federali
1 gior

Votazioni federali, ecco i risultati definitivi

Sostegno a Frontex oltre le previsioni, consenso presunto bocciato solo da Svitto e dai semicantoni di Appenzello. Sì alla Lex Netflix dal 58,4%
Svizzera
1 gior

Cade da una gru e muore in un cantiere a Zurigo

Ancora da chiarire le dinamiche di quanto accaduto verosimilmente nella notte ad Altstetten
Votazioni federali
1 gior

Votazioni federali, verso tre ‘sì’ comodi dalle urne

Frontex, ‘Lex Netflix’ e Legge trapianti verso l’accettazione popolare in modo abbastanza chiaro
Svizzera
1 gior

L’Udc vuole limitare l’accoglienza dei profughi ucraini

Per la consigliera nazionale Martina Bircher, lo statuto S dovrebbe essere accordato solo a chi è direttamente implicato in zone di guerra
Svizzera
1 gior

Elezioni, Pfister mette in discussione la formula magica

Per il presidente dell’Alleanza di Centro, nel governo dovrebbero essere rappresentate le potenziali forze dell’Assemblea federale
Svizzera
1 gior

Ancora fiamme nella notte nel Canton Soletta

Segnalati altri due incendi, a pochi metri di distanza l’uno dall’altro. La misteriosa serie sale così a 8-10 episodi da inizio aprile
Svizzera
1 gior

‘Lex Netflix’, trapianti e Frontex, ultime ore per esprimersi

Weekend di votazioni a livello federale e in diversi cantoni. Nei Grigioni appuntamento alle urne anche per il rinnovo di Gran Consiglio e governo
Svizzera
2 gior

‘Basta merci pericolose sulla dorsale del Sempione’

Lo chiede l’Iniziativa delle Alpi. Che punta il dito anche contro il Governo, vallesano reo di ‘mettere in pericolo l’intera regione
Svizzera
2 gior

Sempre meno bambini in bici: la tendenza va invertita

È l’obiettivo che vuole perseguire Pro Velo, che per questo weekend in 200 località svizzere propone il ‘Kidical Mass’
Svizzera
2 gior

Cyberattacco alla rete dei trasporti lucernesi

Presi di mira i pannelli elettronici alle fermate. Nessun problema alla circolazione e alle biglietterie
Svizzera
2 gior

Capannone in fiamme nella notte nel canton Zurigo

Il rogo si è sviluppato nell’area industriale di Flurlingen: danni per 200mila franchi. Ancora ignote le cause
Svizzera
2 gior

Pierre-Yves Maillard in corsa per una poltrona agli Stati

Con questa mossa, il consigliere nazionale vodese vuole rafforzare la posizione del Ps alle prossime elezioni
laR
 
16.02.2021 - 21:39

L’iniziativa ‘anti-burqa’ a volto scoperto

Dopo i minareti, il velo integrale? L’essenziale da sapere sul più controverso degli oggetti in votazione il 7 marzo

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Su cosa votiamo?

Sull’iniziativa popolare ‘Sì al divieto di dissimulare il proprio viso’, detta impropriamente ‘anti-burqa’. Chiede di vietare la dissimulazione del viso in tutti i luoghi accessibili al pubblico: strade, uffici, trasporti pubblici, stadi di calcio, ristoranti, negozi, cinema o all’aperto, nella natura. L’iniziativa prevede diverse eccezioni: anche se verrà accolta, chiunque potrà continuare a dissimulare il proprio viso nei luoghi di culto, per motivi di sicurezza (il casco da motociclista, ad esempio) o salute (mascherine igieniche), se le condizioni climatiche (sciarpa) o le usanze locali (costume di carnevale) lo richiedono. Il divieto non si applica all’ambito privato (automobile compresa). Si applica per contro alle turiste nello spazio pubblico.

‘Dissimulazione del viso’: cosa si intende?

L’iniziativa non lo specifica. Ma è chiaro che il divieto mira a colpire chi si copre il viso per ragioni religiose (con il burqa e il niqab, in particolare: vedi infografica) o per commettere un reato (con un passamontagna, ad esempio).

Quante donne portano il burqa o il niqab in Svizzera?

Il Consiglio federale nel 2010 le stimava in 95-130. Oggi resta più sul vago: parla di un numero “molto basso”, che “riguarda perlopiù le turiste”. Difficile ad ogni modo essere più precisi. I musulmani che vivono in Svizzera sono circa 390mila, in gran parte non praticanti. Le donne musulmane sono un po’ meno della metà. Solo un paio di dozzine di loro esce di casa col niqab: stando a uno studio dell’Università di Lucerna, quelle che lo indossano regolarmente sono 20-30. Si tratterebbe in buona parte di convertite che scelgono di portare il velo integrale di loro spontanea volontà. La più nota era Nora Illi, fattasi conoscere anche in Ticino per la sua lotta contro la legge detta ‘anti-burqa’, morta a 35 anni nel 2020. Un’altra convertita all’islam ha rilasciato la scorsa settimana un’intervista alla ‘Nzz’: afferma di non essere costretta dal marito a portare il velo integrale (“È una mia decisione”), né di voler essere ‘liberata’ dalle femministe che sostengono l’iniziativa. Le poche donne col burqa che capita di vedere per le strade svizzere sono turiste. 

Chi ha lanciato l’iniziativa?

Il Comitato di Egerkingen, già all’origine di un’altra iniziativa popolare contro i musulmani in Svizzera: quella per il divieto di costruire minareti, che nel 2009 venne accolta con il 57% dei voti e da quasi tutti i cantoni. Il Comitato si batte per “fermare l’estremismo” e per uno “Stop all’islamizzazione della Svizzera”. Suo presidente è il consigliere nazionale solettese Walter Wobmann (Udc). Nell’organo direttivo siede anche lo zurighese Ulrich Schlüer, ex consigliere nazionale dell’Udc (1995-2011) e già segretario di James Schwarzenbach, che a cavallo degli anni Sessanta e Settanta voleva proteggere la Svizzera dall’“inforestierimento”. 

In quale contesto è stata lanciata?

L’iniziativa sui minareti ha dato la stura al dibattito sull’islam in Svizzera. Da allora tematiche come il velo integrale (niqab o burqa), il velo (hijab) a scuola, la partecipazione di allieve musulmane ai corsi di nuoto e ginnastica, le strette di mano tra allievi musulmani e insegnanti donne, il finanziamento delle moschee e il terrorismo islamista occupano regolarmente – spesso amalgamate a sproposito – i media elvetici. Ben prima che Ticino e San Gallo vietassero il velo integrale, richieste di proibirlo erano giunte dagli ambienti conservatori (Ppd) e nazionalisti (Udc). Ma soltanto nel 2015, poco prima delle elezioni federali, il Comitato di Egerkingen ha annunciato il lancio di un’iniziativa popolare in tal senso.

Esistono già divieti simili?

Sì, nel frattempo il divieto di dissimulare il viso è stato introdotto in Ticino (dal 1o giugno 2016) e nel canton San Gallo (dal 1o gennaio 2019). Poche le infrazioni registrate. A Sud delle Alpi finora sono state comminate 60 multe: 32 a hooligans e 28 a donne che indossavano il niqab, indica il Dipartimento delle istituzioni cantonale, da noi interpellato. A San Gallo, invece, le infrazioni sono state “zero virgola zero”, puntualizza il portavoce della Polizia cantonale.

Negli ultimi anni Zurigo, Svitto, Glarona si sono invece espressi contro un tale divieto. In 15 cantoni è in vigore il divieto di coprirsi il viso in occasione di manifestazioni ed eventi sportivi. In Europa un divieto più o meno generalizzato di dissimulare il viso col velo integrale esiste tra l’altro in Francia, Belgio, Austria, Danimarca, Paesi Bassi e nelle regioni italiane della Lombardia e del Veneto.  

Chi è a favore e chi contro?

Per il ‘sì’ si batte il Comitato di Egerkingen, spalleggiato dall’Udc, dall’Unione democratica federale, dai Democratici svizzeri e dalla Lega dei Ticinesi. A dar loro man forte, alcuni esponenti dell’Alleanza del Centro (ex Ppd e Pbd) e del Partito evangelico (Pev). A favore dell’iniziativa, anche un gruppo interpartitico di donne formatosi attorno alle consigliere nazionali Marianne Binder-Keller (Alleanza del Centro) e Monika Rüegger (Udc) e alla nota esperta di islam Saïda Keller-Messahli. Un comitato analogo (‘À visage découvert’) di personalità liberali indipendenti dall’Udc si è costituito nella Svizzera romanda. Contro l’iniziativa sono schierati il Consiglio federale e la maggioranza del Parlamento. Tra i partiti, contrari sono la sinistra (Ps e Verdi), i Verdi-liberali e il Plr svizzero. La sezione vodese del Plr, la più grande del Paese, si è però espressa a favore dell’iniziativa, contro il parere del partito nazionale e della ‘sua‘ consigliera federale Karin Keller-Sutter.

Perché votare ‘sì’?

. Il velo integrale è incompatibile con i valori fondamentali di una società moderna, nella quale ci si guarda reciprocamente negli occhi quando ci si parla.

. Il velo integrale simboleggia la sottomissione della donna ed è contrario all’uguaglianza tra uomo e donna.

. Il divieto proibisce ai teppisti di dissimulare il proprio volto, favorendo il lavoro delle forze dell’ordine.

. Burqa e niqab non vengono menzionati nel Corano, non hanno nulla a che vedere con gli obblighi religiosi dei musulmani.  

. Il divieto di portare il velo integrale esiste già in due cantoni e in altri Paesi. In una sentenza del 2014, la Corte europea dei diritti dell’uomo ha stabilito che il divieto di indossarlo è proporzionato e non lede la libertà di religione, né di opinione.

. Il divieto ha un carattere preventivo. “Vogliamo intervenire prima che sia troppo tardi”, dice Walter Wobmann.

Perché votare ‘no’?

. Pochissime donne indossano il velo integrale in Svizzera, un divieto sul piano nazionale iscritto nella Costituzione federale sarebbe inutile ed eccessivo. Avrebbe inoltre un significato essenzialmente simbolico, tanto più che già oggi chi costringe una persona a dissimulare il proprio viso commette reato (coazione) e le autorità preposte possono negare il permesso di dimora o di domicilio e la naturalizzazione se il velo integrale è giudicato segno di un’insufficiente integrazione.

. Un divieto nazionale sarebbe anche troppo rigido: un’ingerenza nella competenza dei cantoni, che invece devono poter continuare a decidere liberamente se introdurlo o no.

. Un divieto nazionale obbligherebbe ogni cantone a legiferare, e ognuno lo attuerebbe a modo suo. Si rischia di avere un patchwork di eccezioni e multe diverse.

. Un divieto non rafforza  la posizione delle donne che portano il velo integrale. Anzi, le spingerebbe a non più uscire di casa, con tutti i rischi che ciò comporta.

. Il divieto ha ripercussioni negative sul turismo: dissuade facoltose donne dei Paesi del Golfo dal fare shopping sulla Bahnhofstrasse a Zurigo, in via Nassa a Lugano, nelle strade del centro di Ginevra, a St. Moritz o a Interlaken. 

Cosa succede in caso di ‘sì’ all’iniziativa?

Lo scenario è verosimile. Nei primi sondaggi il ‘sì’ viene dato tra il 56% (sondaggio gfs.bern per conto della Ssr) e il 63% (Tamedia/‘20 Minuten’). Gli indecisi sono pochi, le opinioni sembrano in massima parte fatte. L’iniziativa è ben accolta anche all’interno del Plr, del Centro e del Pvl. “È qui che la decisione sarà presa”, afferma il gfs.bern. Anche il voto delle donne e quello dei romandi potrebbero fare da ago della bilancia. Sin qui entrambi gli schieramenti hanno adottato un profilo basso e la campagna si è svolta senza sussulti. Se alla fine prevarrà il ‘sì’, anche i cantoni che non lo hanno ancora fatto dovranno elaborare una legge. Probabili differenze cantonali in quanto a eccezioni ed entità delle multe. 

Cosa succede in caso di ‘no’ all’iniziativa?

I cantoni potranno decidere se seguire l’esempio di Ticino e San Gallo, oppure evitare di legiferare in materia. Quel che è certo è che entrerà automaticamente in vigore il controprogetto indiretto del Consiglio federale. Prevede che le persone si presentino alle autorità a viso scoperto per l’identificazione, ad esempio negli uffici o sui mezzi pubblici. Chi si rifiuta di farlo sarebbe punito con una multa e/o dovrà rinunciare a determinate prestazioni, ad esempio l’acquisto di un abbonamento generale del treno. Il controprogetto colma una lacuna legislativa a livello federale e rispetta l’autonomia dei cantoni, sottolinea la ministra di giustizia e polizia Karin Keller-Sutter. Il ‘pacchetto’ contiene poi provvedimenti per rafforzare i diritti della donna nei programmi cantonali di integrazione, in quelli che promuovono l’uguaglianza tra uomo e nella legge sulla cooperazione allo sviluppo.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
burqa iniziativa popolare minareti niqab velo integrale volto votazione
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved