cassis-vaccino-al-governo-necessario-in-tempo-di-crisi
(Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
1 ora

Sommaruga in viaggio per festeggiare i 175 anni delle Ffs

La consigliera federale è partita da Baden su un treno a vapore storico. Cerimonia ufficiale in corso alla stazione principale di Zurigo
Svizzera
1 ora

Al Ps dell’Inselspital il dolore si calma con la realtà virtuale

Un’équipe dell’ospedale bernese ha testato degli occhiali che portano virtualmente il paziente in ambienti rilassanti. I risultati sono incoraggianti
Svizzera
2 ore

Le Ffs si preparano alla Street Parade con vari treni aggiuntivi

Un orario speciale verrà inoltre adottato sulla rete notturna della Comunità dei trasporti di Zurigo
Svizzera
3 ore

Pollini, il 2022 anno eccezionale per precocità e abbondanza

In Ticino quelli del nocciolo sono presenti dalla fine di dicembre 2021. Vari i record in tutta la Svizzera
Svizzera
5 ore

Dopo l’incendio, il Kunsthaus abbassa il prezzo d’ingresso

Questo per compensare l’offerta ridotta durante i lavori, che dureranno alcuni mesi. La causa del rogo: l’autocombustione di un dispositivo a batteria
Svizzera
8 ore

Due morti in un incidente stradale sul Bernina

Durante un sorpasso un’auto si è scontrata con una moto. La polizia cerca testimoni
Svizzera
23 ore

Zurigo, viaggiatori infastiditi dalla puzza in stazione centrale

Gli odori sono causati dai bioreattori delle toilette dei nuovi treni Dosto, oltre che dal gran caldo. Le Ffs assicurano che il problema verrà risolto
Svizzera
23 ore

Tra cinque anni l’area alpina europea troppo piccola per il lupo

Dopodiché ci sarà un’autoregolazione. Secondo il Gruppo lupo svizzero una maggiore regolamentazione della specie non riuscirà a bloccarne la crescita
Svizzera
1 gior

Scoperto un altro scheletro su un ghiacciaio in Vallese

I resti sono stati ritrovati nei giorni scorsi nella regione di Saas Fee. Gli esperti di medicina legale sono al lavoro
27.01.2021 - 12:42

Cassis: vaccino al governo necessario in tempo di crisi

Secondo il consigliere federale è necessario assicurare la guida del paese evitando che i consiglieri federali si ammalino e non siano in grado di lavorare

Secondo il consigliere federale Ignazio Cassis, la vaccinazione anti-Covid-19 dei membri del governo - nessuno dei quali ha più di 75 anni - è una misura necessaria per assicurare la guida del paese in un periodo di crisi.

I primi consiglieri federali hanno ricevuto una prima dose di vaccino dopo la metà di gennaio, senza che il pubblico ne fosse prima informato. L'operazione ha sollevato critiche in particolare perché nessuno dei "sette saggi" ha più di 75 anni, l'età fissata dalla strategia vaccinale della Confederazione nelle prime fasi della campagna.

"Abbiamo solo sette ministri, non 21 come altri paesi. Se improvvisamente quattro consiglieri federali si ammalassero e due di loro non fossero in grado di lavorare, non potrebbe nemmeno essere garantita la loro supplenza", argomenta Cassis in un'intervista pubblicata oggi dai giornali del gruppo CH Media. È estremamente importante che la guida del paese sia garantita in momenti di crisi. Il capo del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) fa inoltre notare che il Consiglio federale non ha avuto subito ricorso al siero, ma ha atteso che un secondo vaccino fosse omologato.

L'ex medico cantonale ticinese, proprio in funzione delle sue precedenti competenze professionali, spiega poi di aver potuto alimentare la discussione all'interno dell'esecutivo su indicatori come il numero di riproduzione Rt (ossia il numero di nuovi casi sintomatici generati da un singolo caso) o la curva epidemiologica.

La via svizzera non è stata fallimentare

La politica svizzera in materia di coronavirus non è stata fallimentare. Ma in una crisi di questa portata, la responsabilità individuale raggiunge i suoi limiti, afferma il membro del PLR. A suo avviso, "il liberalismo esce rafforzato" dalla crisi: fino alla pandemia, molte persone credevano che fosse normale poter viaggiare all'estero o fare quello che volevano a casa. Nel frattempo, la gente ha imparato che ciò non è scontato e che deve sempre lottare per la libertà.

Ora che varianti del virus stanno causando grande incertezza e il pericolo di una terza ondata epidemica è reale, non è più possibile proteggere simultaneamente la libertà e la vita. In questa situazione, la protezione della vita ha priorità assoluta.

Confrontato al numero di vittime in Svizzera nella seconda ondata, superiore alla media internazionale, Cassis ammette che non c'è da essere orgogliosi. La situazione, nella gestione della crisi, richiede "grande umiltà e flessibilità". In governo "i decessi ci hanno occupato, li deploriamo. Condividiamo il lutto delle famiglie che devono vivere con una perdita".

Fin dall'inizio della crisi l'obiettivo principale del governo è stato di limitare il numero di morti. Per questo al centro della strategia dell'esecutivo c'è il mantenimento delle capacità degli ospedali in ogni momento.

La mortalità, aggiunge, è forse l'indicatore più solido e importante dell'evoluzione di un'epidemia. Ma solo alla fine della crisi sarà possibile valutare se le misure hanno avuto successo o no. È possibile che altri paesi in futuro presentino una sovramortalità superiore a quella censita ora in Svizzera. La storia della medicina mostra che cifre affidabili saranno disponibili solo tra tre-cinque anni.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
consiglieri federali ignazio cassis vaccino anti-covid
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved