krahenb-hl-e-quel-caffe-mancato-con-ignazio-cassis
Keystone
Pierre Krähenbühl
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
4 min

Pannelli solari nelle discariche, Consiglio federale favorevole

Le necessarie basi legali saranno create: accolta una mozione in tal senso di Rocco Cattaneo
Svizzera
5 min

La siccità fa rivedere al ribasso le scorte di petrolio

La scarsa navigabilità del Reno spinge Berna a optare per un ulteriore taglio alle riserve obbligatorie. Che saranno ridotte del 12,8%
Svizzera
5 min

Torna il sereno sul turismo. Ma la crisi non è alle spalle

Svizzera Turismo tira le somme della prima parte della stagione, ed è un bilancio positivo. In vista dell’autunno la prudenza resta però d’obbligo
Svizzera
35 min

La ripresa economica spinge l’aumento dell’immigrazione

Nel primo semestre 2022 l’immigrazione nella popolazione residente permanente di nazionalità straniera è cresciuta del 21% rispetto all’anno precedente
Svizzera
1 ora

Dati Ilo: In Svizzera più occupati e disoccupazione in calo

La rilevazione sulla forza lavoro per il secondo trimestre 2022 dell’Ufficio internazionale del lavoro si basa su sondaggi, a differenza di quella Seco
Svizzera
2 ore

Vendita di canapa: Basilea fa da apripista

Il primo studio sperimentale in Svizzera scatterà a metà settembre in riva al Reno. Iscrizioni aperte: i posti sono limitati a 370
Svizzera
2 ore

Caro-benzina, da Berna un nuovo no a misure urgenti

Prezzi artificialmente bassi creerebbero incentivi sbagliati e peggiorare la situazione. Con un aumento dei consumi
Svizzera
3 ore

Viola Amherd ai Campionati europei di Monaco

Domani e dopodomani la ‘ministra’ dello sport sarà in Baviera. Dove assisterà alle gare di atletica e mountain bike
Svizzera
4 ore

Swisscom e l’apprendista ‘misterioso’

Un progetto pilota mira a selezionare i candidati senza sapere nulla dei loro studi e del loro curriculum. ‘La persona viene prima del suo dossier’
Svizzera
4 ore

Nottata di violenti nubifragi a Basilea e in Ticino

Sulle sponde del Reno sono caduti 58 millimetri di pioggia al metro quadrato, 56 sulle rive del Lago Maggiore. Diverse le strade allagate
Svizzera
14 ore

Violenti nubifragi su gran parte della Svizzera

Diversi disagi e danni a causa dei violenti temporali. Situazione critica soprattutto nel Canton Berna
Svizzera
19 ore

‘Per la tutela del clima necessaria un’altra fiscalità’

Lo dice Gioventù socialista, che lancia l’‘Iniziativa per il futuro’. Osteggiata dai Giovani liberali: ‘Attacco frontale al modello svizzero’
Svizzera
19 ore

Per Viktor Janukovyč sanzioni anche Svizzere

La Confederazione si allinea a quanto deciso dall’Unione europea: pure l’ex presidente ucraino, assieme a suo figlio, finisce sulla lista
Svizzera
21 ore

Si schianta un aliante in Vallese, muore il pilota 72enne

Il velivolo è precipitato ieri sera sul ghiacciaio vallesano del Giétro, nella Val de Bagnes
Svizzera
22 ore

Tenta una rapina in banca, ma poi si dà alla fuga

Un 25enne ceco si è presentato con un coltello allo sportello della Banca Cantonale Grigoine di St. Moritz. La polizia lo ha poi arrestato
Svizzera
22 ore

Indennità di servizio civile va calcolata su base realistica

Lo ha stabilito il Tribunale federale di Lucerna, che sconfessa una decisione del Tribunale cantonale di Basilea Campagna
Svizzera
22 ore

Dal Ticino più diretti in Romandia. Aggirando Visp

Dopo anni di lavori, il 23 settembre aprirà la circonvallazione autostradale della località vallesana. Ma per ora solo sull’asse est-ovest
Svizzera
22 ore

Ecco le contromosse per scongiurare il blackout

Via libera alle trattative per l’utilizzo di centrali elettriche di riserva. E si valuta pure l’impiego dei generatori di emergenza
Svizzera
1 gior

Caro-benzina, verso un’inchiesta e un calcolatore dei prezzi

La Commissione economia e tributi al Nazionale ha accolto una mozione per affidare alla Comco un’inchiesta su eventuali distorsioni della concorrenza
Svizzera
1 gior

Ritrovato morto l’alpinista disperso sopra Flims

Il corpo senza vita dell’uomo, segnalato disperso da qualche giorno dal canton Zurigo, è stato ritrovato ai piedi della sella del Surenjoch (Gr/Gl)
Svizzera
1 gior

Norme più severe per i voli commerciali con aerei storici

In base alle risultanze dell’inchiesta relativa al ‘crash’ sul Piz Segnas, rivista l’ordinanza sulla navigazione aerea: paletti più stretti
Svizzera
1 gior

I club di calcio aiutano l’integrazione sociale dei migranti

La pratica del calcio contribuisce soprattutto fornendo accesso ad altre attività sociali e reti di contatto al di là dell’associazione sportiva
Svizzera
1 gior

Chi non taglia le corna alle vacche andrebbe indennizzato

Per la Commissione economia e tributi del Nazionale sarebbe una compensazione per lo sforzo supplementare degli allevatori per la dignità dell’animale
Svizzera
1 gior

Ripari fonici gratis per produrre energia rinnovabile

Per la sua produzione, la Confederazione metterà a disposizione gratuitamente barriere antirumore e aree di sosta
Svizzera
1 gior

Aiuto a domicilio, sei mesi in più di servizio civile

Troppi impegni sul fronte Covid e rifugiati: per avere dati più indicativi sul progetto pilota, necessaria una proroga
Svizzera
1 gior

A Berna si prevede un deficit di finanziamento di 5 miliardi

Le prime stime lasciano intendere che le uscite straordinarie, causate soprattutto dalla pandemia, ammonteranno a 7,4 miliardi
Svizzera
1 gior

Conferenza clima, la Svizzera si batterà per decisioni concrete

La delegazione elvetica si adopererà per un programma di lavoro incisivo fino al 2030 conformemente al mandato conferitole oggi dal Consiglio federale.
Svizzera
1 gior

Donne in pensione a 65 anni, l’ennesimo tentativo

L’aumento dell’età di riferimento al centro della riforma ‘Avs 21’, in votazione il 25 settembre. Domande e risposte per capire cosa cambierebbe.
Svizzera
1 gior

La questione ‘woke’ tra realtà e strumentalizzazioni

Il termine americano è spuntato nei discorsi Udc dopo la censura di un concerto reggae. Ma le cose sono più complesse, ci spiega il sociologo Cattacin
Svizzera
1 gior

Il copresidente Ps Wermuth sarà ancora in corsa per il Nazionale

Il deputato argoviese ha ottenuto la deroga dalla sezione cantonale socialista per ricandidarsi dopo aver già compiuto tre mandati
Svizzera
1 gior

A Implenia e Frutiger il lotto principale del San Gottardo

L’Ufficio federale delle strade (Ustra) ha assegnato l’appalto relativo alla seconda galleria stradale al consorzio ‘Secondo tubo’
Svizzera
1 gior

Il coronavirus arretra in Svizzera: calano ricoverati e contagi

I 18’204 casi registrati nell’ultima settimana sono 3’613 in meno di quella precedente
Svizzera
1 gior

A luglio lieve crescita delle domande d’asilo

Rispetto al mese precedente ne sono state presentate 58 in più (+34%), e 412 rispetto allo stesso mese dell’anno precedente
Svizzera
1 gior

La Posta azzererà il suo impatto climatico dieci anni prima

Il Gigante Giallo intende eliminare le fonti fossili per i suoi veicoli e il riscaldamento entro il 2030, ciò che era previsto per il 2040
13.02.2021 - 10:54
di Roberto Antonini, giornalista Rsi

Krähenbühl e quel caffè (mancato) con Ignazio Cassis

L’ex numero uno dell’Unrwa, l’agenzia Onu per i rifugiati palestinesi, racconta i retroscena della vicenda sfociata nelle sue dimissioni e chiede giustizia

È stato fino al 6 novembre 2019 il rappresentante elvetico di più alto rango a livello mondiale. Quel giorno Pierre Krähenbühl, capo dell’Unrwa, l’agenzia dell’Onu che si occupa degli oltre 5 milioni di rifugiati palestinesi, getta la spugna e si dimette. La pressione era diventata insostenibile e lui si era sentito abbandonato da Berna. Un pre-rapporto consegnato al segretario generale dell’Onu Antonio Guterres un anno prima, e del quale alcune fughe di notizie rivelavano i contorni, lo accusava di malversazioni, favoritismi, sperpero di denaro. Accuse gravi a tal punto che anche il Dipartimento federale degli affari esteri (Dfae) di Ignazio Cassis decise di sospendere i finanziamenti all’Unrwa. Precedentemente a chiudere i rubinetti fu l’amministrazione americana, con in prima fila il genero di Donald Trump Jared Kushner, per il quale la stessa Unrwa costituiva non la soluzione ma il problema. Un concetto analogo fu espresso da Ignazio Cassis in un suo controverso viaggio ad Amman, sollevando dubbi sulla neutralità svizzera e polemiche da parte di chi lo considerava troppo vicino alle posizioni del governo Netanyahu e dell’amministrazione Trump. Sta di fatto che il rapporto di inchiesta definitivo consegnato al Segretario generale delle Nazioni Unite lo scagiona dalle accuse più gravi, ritenendo contro di lui, stando alle rivelazioni di un’inchiesta della Rts, solo sospetti marginali. In un’intervista esclusiva alla trasmissione ‘Laser’ di Rete Due della Rsi (rsi.ch/podcast), Pierre Krähenbühl si confida, chiede giustizia, e racconta la sua verità in una vicenda dolorosa e dai contorni alquanto opachi.

Oltre un anno fa lei ha rassegnato le dimissioni da uno dei posti più importanti delle Nazioni Unite, in un clima di polemiche e amarezza. È riuscito a voltare pagina?

Da una parte c’è sempre il desidero di chiarimenti dopo avvenimenti così intensi, dopo anni di lavoro svolto con passione all’Unrwa e con il quale ancora oggi ho un rapporto carico di emozioni. È stata per me una delle più belle esperienze in assoluto, in particolare nel campo dell’educazione. 500mila allievi in 700 scuole, da Aleppo nel nord della Siria fino a Gaza. Al tempo stesso devo guardare avanti, non ci si può lasciar definire solo da un avvenimento, seppur forte, che mi ha portato a rassegnare le dimissioni. Bisogna saper voltare pagina.

In piena bufera sulle sue presunte malversazioni, il segretario generale dell’Onu Antonio Guterres le ha proposto di prendere un congedo amministrativo, ma lei ha rifiutato e gettato la spugna. Perché?

Perché eravamo nel contesto di un’inchiesta che andava avanti da parecchio tempo. Il Segretario generale mi ha confermato che le accuse di malversazioni, frode, corruzione, di cattiva gestione dei fondi dei donatori, oltre alla vicenda della presunta relazione sentimentale e del relativo conflitto d’interessi, erano state scartate e cadute nel vuoto. Rimanevano da chiarire solo un paio di questioni legate a delle assunzioni. Proprio nel momento in cui le accuse cadono nel vuoto e che rimane da chiarire un 2% ti viene chiesto di farti da parte per un congedo amministrativo. La cosa mi sembrava poco coerente e d’altro canto desideravo riprendermi un po’ di libertà di parola. Ho voluto creare uno choc psicologico, ed è quanto successo.

Il rapporto definitivo che la scagiona dalle principali accuse è stato consegnato a Berna ed è rimasto apparentemente in un cassetto. Perché secondo lei?

Da quanto ne so, la posizione del Dfae è che siccome si tratta di una procedura avviata dall’Onu, sta alle Nazione Unite concluderla. Formalmente non lo contesto. Oggi mi aspetto che sia in primis New York a chiudere la procedura, che l’Onu affermi che le accuse mosse nei miei confronti non hanno trovato alcun riscontro. Sarebbe certamente positivo se la Svizzera appoggiasse questa procedura, una cosa del tutto fattibile. Va bene che il mio paese dica “non sta a noi trarre le conclusioni dal rapporto”, ma potrebbe comunque chiedere all’Onu di farlo. Sarebbe nell’interesse di tutti.

E perché l’Onu non lo fa, secondo lei?

La posizione delle Nazioni Unite è stata quella di dire che siccome avevo rassegnato le dimissioni, si sospendeva la procedura. Ma credo che, considerando i contenuti del rapporto, sarebbe anche nel loro interesse giungere alle conclusioni e pubblicarle.

Perché secondo lei la Svizzera, il suo paese, è stato il primo o tra i primi a sospendere i finanziamenti all’Unrwa quando le sono state mosse le prime accuse? Si è sentito tradito, pugnalato alla schiena?

Vede, è stato deludente vedere il tuo proprio paese essere il primo ad adottare una tale misura. Uno può aspettarsi sostegno in un momento così, o perlomeno un atteggiamento a difesa della presunzione d’innocenza. La Svizzera mi aveva sempre enormemente sostenuto e aveva sostenuto l’Unrwa fino al cambiamento di politica che si è prodotto con l’arrivo al Dfae di un nuovo consigliere federale. È vero che la Svizzera aveva sospeso solo una parte del finanziamento, due milioni, ma è stata la prima a farlo; ed è stato un segnale che mi è spiaciuto molto. Posso benissimo capire che il tipo di accuse che mi erano state mosse potesse porre degli interrogativi sul mio agire. Ma nel diritto c’è un principio cardine che è la presunzione di innocenza. Con le misure prese da Berna, si è data l’impressione che questo principio non fosse stato applicato e che si pregiudicava il risultato dell’inchiesta. Per me è stata estremamente dura, e sul perché la Svizzera ha agito così, beh su questo dovrebbe esprimersi il Dfae.

Nel maggio del 2018, prima della bufera, lei aveva incontrato Ignazio Cassis ad Amman. Qualche ora dopo, il consigliere federale fece una dichiarazione sul fatto che l’Unrwa poteva far parte del problema e non della soluzione, che suscitò discussioni e polemiche. Una dichiarazione simile era uscita precedentemente dalla bocca di Jared Kushner, genero del presidente americano e suo rappresentante per il Medio Oriente…

Si sapeva che il consigliere federale arrivava con un’idea un po’ diversa rispetto ai suoi predecessori sul conflitto tra Israele e Palestina. Il che è normale: ci sono ovunque ministri più vicini a Israele o più vicini ai palestinesi. La visita si è svolta bene. La sorpresa è stata al ritorno da Amman, quando si è posta la questione se l’Unrwa piuttosto che della soluzione, non facesse in realtà parte del problema. E in effetti è la stessa formulazione che sei mesi prima aveva utilizzato Jared Kushner in un colloquio alla Casa Bianca.

Come dire che Cassis aveva posizioni analoghe all’amministrazione Trump e di riflesso al governo Netanyahu…

Questa è la percezione che si è diffusa. Guardi, io con Cassis non ne ho mai fatto una questione personale. Il meglio sarebbe trovarsi, andare a bere un caffè assieme. Dalle mie dimissioni non ci siamo mai sentiti. Quando Ignazio Cassis aveva pronunciato quella frase, nel maggio del 2018, eravamo proprio nel cuore della nostra strategia di colmare i tagli enormi degli americani, 367 milioni di dollari. Eravamo tutti concentrati nel tentare di mobilitare il numero maggiore di persone attorno all’Unrwa. E quella frase per noi non è stata naturalmente facile da digerire. Detto questo, vorrei sottolineare che dopo la Svizzera ha mantenuto i suoi impegni finanziari ed è stata anche tra i 43 paesi che hanno poi aumentato il loro contributo, consentendoci di farcela in quell’anno.

Al centro degli attacchi c’erano da una parte l’Unrwa e dall’altra lei. In questo caso era un attacco alla sua persona anche dall’interno dell’Organizzazione...

È normale quando si dirige un’organizzazione di quelle dimensioni che i donatori si pongano delle domande sul modo in cui l’organizzazione è gestita. E nel caso dell’Unrwa che esiste da 70 anni, 70 anni perché non c’è stata una soluzione politica, hanno particolari esigenze. In 5 anni la squadra che dirigevo aveva ridotto i costi strutturali di 490 milioni di dollari. Un piano di risparmio estremamente ambizioso che dimostra quanto sul serio abbiamo considerato le richieste. Ma se tagli 490 milioni e quando nel 2018 devi ridurre il budget di altri 92 milioni a causa del debito, è ovvio che crei delle tensioni: programmi che vengono tagliati, colleghi che perdono il posto di lavoro.

Ma lei non ha nulla da rimproverarsi? Il fatto per esempio che ha lavorato sempre fianco a fianco con la sua consigliera Maria Mohammedi? Certo la relazione sentimentale è stata smentita dall’inchiesta, però questo legame professionale costante ha potuto creare divisioni e tensioni, non crede?

Quando all’inizio dell’anno 2018 devi far fronte a un deficit e a tagli da parte degli americani, in tutto 538 milioni di deficit su un bilancio annuale di 1 miliardo 200 milioni, nessuno pensa veramente che l’organizzazione ce la farà a sopravvivere. E l’intenzione americana era proprio quella di non farci sopravvivere. In un momento così cosa fai? Centralizzi le decisioni perché non puoi andare da ognuno a chiedere se è d’accordo con i tagli nel suo settore. Dovevo prendere delle decisioni difficili ed era possibile farlo solo in un gruppo ristretto. Il mio rimpianto non è tanto legato al fatto che una decina di collaboratori internazionali hanno contestato le mie decisioni, anche se alcune – come l’assunzione del marito della mia vice Sandra Mitchell – potevano in effetti essere considerate inopportune, anche se non violavano nessuna regola – in questo caso ho dunque sbagliato. Il mio rimpianto più profondo è di non essere riuscito a salvare tutti i posti di lavoro dei palestinesi. Ne abbiamo salvato il 98%. Ma in Palestina quando perdi un lavoro, non ne trovi un altro. Una realtà crudele. A Gaza i 118 che hanno perso il lavoro sono nella disperazione, è un dolore che continua. Sa, quando si è a capo di 30mila dipendenti, errori di gestione se ne fanno. Ma corruzione, frode, cattiva gestione dei fondi dei donatori sono accuse che non ho mai accettato e l’inchiesta ci ha dato ragione.

Nel maggio del 2019 Cassis incontra il ministro degli esteri israeliano Israel Katz. Secondo quest’ultimo il consigliere federale si è dimostrato molto sensibile alla posizione del governo israeliano sull’Unrwa, che Israele di fatto vorrebbe sopprimere. Secondo lei la posizione assunta da Cassis rimette in discussione la nostra neutralità?

Diciamo che in Medio Oriente la domanda mi è stata posta proprio in questi termini: “non riconosciamo più il modo con il quale il suo paese operava in questo contesto”. All’indomani della frase di Ignazio Cassis, il Consiglio federale ha corretto il tiro dicendo che la politica della Confederazione non era cambiata. E neanche l’appoggio all’Unrwa, come poi confermato dai fatti. Ho dunque segnalato nella regione che la posizione della Svizzera, nei suoi fondamenti, non era mutata. Ma la percezione in Medio Oriente era proprio quella a cui lei si è riferito nella sua domanda.

Lei ha chiaramente la sensazione di essere stato abbandonato dal suo ministro di riferimento, il capo del Dfae? È stata dura?

Sì, è stata dura. Perché mi ero impegnato con molta passione e determinazione su un dossier tanto difficile. Il fatto che il tuo stesso ministro si esprima in quei termini sull’organizzazione che dirigi, in quel momento e con quelle modalità, è stato molto difficile da vivere. È ovvio che lo si percepisca come la mancanza di sostegno da parte del tuo stesso paese. Però ci tengo a ricordare che fino a quel momento il sostegno che mi ha garantito la Svizzera è stato notevole.

Ma è stato abbandonato anche dall’Onu, ci pare di capire…

Allora, diciamo che è l’Onu che conduce l’inchiesta. Il segretario generale riceve un rapporto molto critico sulla nostra gestione. E deve trasmetterlo all’ufficio preposto alle inchieste. Questo è del tutto normale. Ciò che è deludente è che alla fine delle procedure di verifica mi si comunichi che il 98% delle accuse sono prive di fondamento. E si rimane lì. Non c’è una conclusione politica, un atto che certifichi formalmente quanto contenuto nel rapporto. E questo non lo considero corretto. Ed è per questa ragione che ho rassegnato le dimissioni.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
dimissioni ignazio cassis krähenbühl onu unrwa
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved