trapianti-la-pandemia-non-ferma-le-donazioni-di-organi
(Keystone)
Svizzera
18.01.2021 - 11:560
Aggiornamento : 14:31

Trapianti, la pandemia non ferma le donazioni di organi

Solo 11 donazioni di organi in meno nel 2020 rispetto all'anno precedente. Lo comunica Swisstransplant. Lo scorso anno morte 72 persone in lista d'attesa

Malgrado le limitazioni legate alla pandemia di coronavirus, Swisstransplant nel 2020 ha registrato 146 donatori di organi, solo 11 in meno rispetto all'anno precedente. A fine anno sono quindi leggermente aumentate, da 1415 a 1457, le persone in aspettativa di un nuovo organo. Nel 2020, sono morte 72 persone in lista d'attesa per un organo compatibile.

Lo precisa un comunicato odierno della Fondazione nazionale per il dono e il trapianto di organi, la quale sottolinea che, a causa della mancanza dell'espressione di volontà, negli ospedali svizzeri si continua a combattere con un tasso di rifiuto elevato rispetto alla media europea.

"In molti casi non si conosce la volontà della persona deceduta e, così, il 60% dei familiari rifiuta la donazione di organi durante il colloquio con il personale medico specializzato", sottolinea nella nota odierna Franz Immer, CEO di Swisstransplant. Nel 2020 si è registrato un valore di 17 donatori per ogni milione di abitanti, un livello basso se confrontato con quello di altri paesi europei, aggiunge.

Secondo Swisstransplant il processo politico inerente all'iniziativa sulla donazione di organi dovrebbe tener conto di questo problema.

La fondazione precisa poi che nel Registro nazionale dei donatori si sono iscritte più di 105'000 persone. Hanno così garantito sicurezza, chiarezza e sollievo sia per i familiari che per il personale sanitario, nota Swisstransplant.

© Regiopress, All rights reserved