ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
31 min

Buste paga meno pesanti per le donne? ‘Non è discriminazione’

Per Conny Wunsch, professoressa di economia del lavoro a Basilea, le ragioni delle disparità salariali sono molteplici
Svizzera
1 ora

Consegnati all’esercito i primi due droni israeliani

Gli apparecchi israeliani sarebbero dovuti arrivare a partire dal 2019. Gli altri quattro saranno consegnati entro la fine dell’anno
Svizzera
1 ora

Netto balzo in avanti dei pernottamenti in dicembre

Secondo una prima stima, la progressione è stata del 28% rispetto allo stesso periodo del 2021. Grazie in particolare ai turisti (+67%)
Svizzera
1 ora

Medicina di genere, nuova cattedra all’Università di Zurigo

Si tratta di una prima in Svizzera. Obiettivo: mettere l’accento sulle donne nella ricerca medica
Svizzera
3 ore

Sospeso il processo d’Appello a Blatter e Platini

La causa dello stop al procedimento per truffa è una richiesta di ricusazione dell’insieme del tribunale
Svizzera
4 ore

Aviaria, dopo il Ticino e Zurigo ora c’è un caso pure a Lucerna

Il virus H5N1 è stato riscontrato in un gabbiano reale zampegialle a Sursee rinvenuto nei pressi della città vecchia
Svizzera
5 ore

Dopo partita ‘caldo’ alla stazione di Altstetten

Scontri fra tifosi del San Gallo e polizia (che fa ricorso ai proiettili di gomma) a margine della partita con lo Zurigo
Svizzera
7 ore

‘Salta’ un bancomat a Neuendorf, ladri in fuga

Preso di mira un distributore di denaro all’interno di un negozio. Per motivi di sicurezza la zona attorno è stata isolata per diverse ore
Svizzera
7 ore

Sunrise, massa salariale ritoccata al rialzo

L’incremento globale sarà del 2,6%, del 2,8% per i dipendenti soggetti al contratto collettivo di lavoro
Svizzera
7 ore

Il 2022 buona annata per i funghi, pessima per gli avvelenamenti

Aumentate del 25% le chiamate al numero di emergenza 145 di Tox Info Suisse, è il secondo dato più alto di sempre
Svizzera
7 ore

Violenza verso le donne, l’Esercito vuol vederci chiaro

Un sondaggio metterà in luce l’atteggiamento dei soldati nei confronti delle donne in grigioverde
Svizzera
9 ore

Soldi degli oligarchi per l’Ucraina? ‘Si può fare’

Secondo Mark Pieth, professore di diritto penale ed esperto di corruzione, una base legale che lo consente nel nostro Paese già c’è
Svizzera
10 ore

‘Qui la disinformazione non è sufficientemente contrastata’

Lo sostiene il sociologo vallesano Laurent Cordonier, secondo cui nel nostro Paese si dovrebbe fare di più
Svizzera
10 ore

Nelle farmacie basilesi arriva la cannabis legale

Dopo un rinvio di cinque mesi, scatta ufficialmente il progetto pilota. Circa 370 le persone che partecipano a questo studio
Svizzera
10 ore

Penultima chiamata per i ritardatari della vignetta

È tempo di sostituire quella scaduta: per i trasgressori (e chi si dimentica di farlo), 200 franchi di multa. A breve la versione elettronica
Svizzera
11 ore

Lunga vita agli Sms: ‘Non faranno la fine degli Mms’

Dopo la decisione di pensionare i messaggi multimediali, il presidente della direzione di Salt rassicura: ‘Per quelli testuali l’importanza è crescente’
la guerra in ucraina
21 ore

Armi: la Germania potrebbe non rifornirsi più in Svizzera

La Svizzera rifiuta la riesportazione in virtù del principio di neutralità e della legge sul materiale bellico. L’ambasciatore tedesco a Berna protesta
Svizzera
1 gior

Capanna completamente distrutta dalle fiamme a Sumvitg

Impegnativo intervento per i pompieri nella notte nei Grigioni. Sospetta intossicazione da fumo per i due inquilini che si trovavano all’interno
Svizzera
1 gior

Quasi 140 milioni di mascherine arriveranno a scadenza nel 2023

Un gruppo di lavoro sta studiando soluzioni per usi alternativi di questo materiale, conservato nei magazzini della farmacia dell’Esercito
Svizzera
1 gior

Daniel Vasella non voleva pagare le tasse a Zugo. Ma dovrà farlo

L’ex Ceo di Novartis sconfessato dal Tribunale amministrativo. Il contenzioso risale al 2013
Svizzera
1 gior

Elezioni a Zurigo, in gioco c’è la ‘maggioranza climatica’

In corsa per il rinnovo dei poteri cantonali in riva alla Limmat si ripresentano tutti i consiglieri di Stato. Ma l’esito non è scontato
laR
 
12.01.2021 - 12:42

L’accordo con l’Indonesia ‘non è affatto ambizioso’

Il consigliere nazionale Nicolas Walder (Verdi) deplora l’assenza di norme vincolanti in materia di sostenibilità e diritti umani.

l-accordo-con-l-indonesia-non-e-affatto-ambizioso
Keystone
Nicolas Walder

Dannoso per l’ambiente e per l’economia locale, sia in Svizzera che nel paese asiatico. È lapidario il giudizio portato dal comitato referendario ‘Stop olio di palma’ sull’accordo di libero scambio tra la Svizzera e l’Indonesia (cfr. infografia), di cui la materia prima – presente, in modo più o meno visibile, in innumerevoli prodotti alimentari che consumiamo quotidianamente – rappresenta l’aspetto più controverso. La campagna per la votazione del 7 marzo è partita oggi. ‘laRegione’ ne ha parlato con il consigliere nazionale ginevrino Nicolas Walder (Verdi), membro del comitato.

Nicolas Walder, la vostra è un’altra crociata ideologica contro il libero scambio e il neoliberismo?

No, affatto. I Verdi hanno sempre cercato di migliorare quest’accordo con l’Indonesia. Su una cosa in particolare non transigiamo: le disposizioni sulla sostenibilità ambientale e i diritti umani devono avere carattere vincolante.

Cosa intende?

L’accordo prevede un meccanismo di composizione delle controversie che copre buona parte del suo campo d’applicazione: se la Svizzera e l’Indonesia non rispettano le regole, possono essere oggetto di una procedura d’arbitrato e andare incontro a sanzioni. Questo non è il caso se uno degli Stati firmatari non rispetta le norme relative alla sostenibilità, ai diritti umani e ai diritti del lavoro. L’accordo specifica esplicitamente che questi aspetti non sono sottoposti al meccanismo di composizione delle controversie. Così, ad esempio, una comunità locale spoliata delle sue terre per far posto a una piantagione di palma da olio ‘certificato’ non potrà far sentire la propria voce nel quadro di una procedura arbitrale. Se i due Paesi fossero davvero seri nella loro volontà, dichiarata, di importare ed esportare olio di palma prodotto in modo sostenibile, perché non hanno accettato che il capitolo sulla sostenibilità venisse sottoposto alla procedura arbitrale?

Il consigliere federale Guy Parmelin parla di un accordo «di nuova generazione».  

La novità è che quest’accordo ha una portata molto ampia. Ma per quanto riguarda la sostenibilità e i diritti umani, non è affatto ambizioso. Perché, come detto, in questi ambiti non vi è alcuna disposizione vincolante. Non siamo molto più avanti dell’accordo di libero scambio con la Cina [in vigore dal 2014, ndr]. A mio avviso non si può parlare di una rottura rispetto al passato. Parlerei semmai di una modesta evoluzione: nella giusta direzione, ma ben lungi dall’essere sufficiente. Guy Parmelin ha ascoltato le argomentazioni della Coalizione olio di palma, ha preso atto che sei cantoni chiedevano che questo fosse escluso dall’accordo. E dopo aver constatato che l’Indonesia non voleva un accordo senza olio di palma, si è arrivati a questa soluzione. Una soluzione che non fa altro che limitare i danni.

Public Eye, Greenpeace e la Federazione romanda dei consumatori, solitamente battagliere, non combattono l’accordo.

Non lo sostengono nemmeno, però. Tranne il Wwf, che è parte in causa nel sistema di certificazione, nessuna organizzazione ambientalista o di difesa dei diritti dell’uomo lo sostiene.

Public Eye però fa notare come l’accordo con l’Indonesia “non instaura il libero scambio per quanto riguarda l’olio di palma”. Inoltre, per la prima volta in un trattato commerciale firmato dalla Svizzera, viene accordato un trattamento doganale preferenziale a un bene prodotto in modo sostenibile. Un approccio innovativo la cui potenzialità potrebbe venir pregiudicata da un ‘no’ il 7 marzo.

Al contrario: un ‘no’ critico come il nostro rafforzerebbe la posizione del Consiglio federale in futuri negoziati per accordi di questo tipo, col Mercosur e la Malaysia ad esempio. L’accordo con l’Indonesia non è un accordo di libero scambio ‘puro’, è vero. L’olio di palma sarebbe l’unico prodotto a venire regolamentato, in particolare attraverso dei contingenti all’importazione e una riduzione dei dazi doganali su quello ‘sostenibile’. Ma la problematica della sostenibilità e dei diritti umani si pone anche per tutti gli altri prodotti. Prenda i pesticidi: vengono impiegati anche per coltivare mango, papaya, cocco e altro. 

Voi temete anche un’ulteriore pressione sui prezzi dell’olio di colza e dell’olio di girasole svizzeri. Ma i dazi doganali sull’olio di palma sostenibile non verranno aboliti, solamente ridotti del 20-40%.

Oggi i contadini svizzeri subiscono già una forte concorrenza dall’olio di palma, nonostante i dazi doganali esistenti. Questo problema verrà probabilmente accentuato a causa di questo accordo.

L’accordo prevede che il volume totale importato nella Confederazione rimanga stabile: 10mila tonnellate, che verranno aumentate a 12’500 nell’arco di cinque anni.

Attualmente, la maggior parte dell’olio di palma importato in Svizzera proviene dalla Malaysia e non è certificato. Con questo accordo, fissiamo un contingente generoso per l’Indonesia. L’olio di palma certificato indonesiano andrà ad aggiungersi a quello malesiano? Oppure lo rimpiazzerà in parte, come sostiene Guy Parmelin? Non lo sappiamo. Io temo che alla fine avremo un forte aumento del volume complessivo di olio di palma importato. Credo inoltre che, per una questione di immagine e di costi, avremo delle aziende che decideranno di far capo a olio di palma certificato al posto di olio di girasole o di colza. Non dobbiamo dimenticare che già oggi l’olio di palma, malgrado i dazi relativamente elevati, è meno caro di qualsiasi altro olio sul mercato.

La certificazione sull’origine dell’olio di palma: un altro tasto dolente?

L’ordinanza già inviata in consultazione dal Consiglio federale propone quattro sistemi di certificazione, due dei quali sono problematici: i criteri non sono sufficientemente severi. Va ricordato che olio di palma ‘certificato’ non vuol dire olio sostenibile: significa olio un po’ meno problematico di quello non certificato, niente di più. Un altro problema, poi, è che i controlli sul posto – per quanto riguarda il rispetto dei diritti umani, la deforestazione, l’uso dei pesticidi o altro – sono ampiamente insufficienti. Infine, l’unica ‘sanzione’ cui va incontro un’azienda svizzera che dovesse importare olio di palma ‘normale’ quando invece è ‘sostenibile’, è che per quella partita non beneficerà della riduzione dei dazi doganali.

L’Indonesia non è un partner affidabile per quanto riguarda l’applicazione degli standard ecologici e sociali?

Una legge adottata nel 2020 in Indonesia [dove circa un milione di ettari di foresta pluviale devono far spazio ogni anno a monoculture come l’olio di palma, ndr] riduce gli obblighi per le imprese in materia di protezione sociale, licenziamenti e sostenibilità. Con questo accordo il Paese si impegna semplicemente a certificare 10mila tonnellate di olio di palma da esportare in Svizzera a dazi doganali ridotti. Ma l’Indonesia non certificherà l’intera sua produzione di olio di palma. Non si intravede alcuna volontà di andare verso un maggior rispetto dell’ambiente e dei diritti umani.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved